7 Lug 2022

Mo.fe’ Boutique, il negozio d’abbigliamento che si sposta in bicicletta

Scritto da: Davide Artusi

Un negozio d’abbigliamento itinerante, che si sposta da un quartiere all'altro, fino ad arrivare di fronte alla vostra porta di casa. Ecco Mo.fe' Boutique, una realtà padovana nata all’insegna della sostenibilità ambientale e portata avanti con grande passione dalla sua ideatrice, Federica Morato.

Padova, Veneto - «Essendo io itinerante, molti mi domandano se possiedo anche una boutique fisica che non continua a spostarsi da una parte all’altra di Padova. La risposta si trova in galleria Borromeo, dove ha sede il mio negozio che ho aperto circa tre anni fa». Esordisce in questo modo Federica Morato, ideatrice di Mo.fe’ Boutique, negozio d’abbigliamento da donna situato nel centro storico di Padova.

Federica è riuscita a rilevare l’attività di un suo amico prima che lui la chiudesse. Per quanto riguarda l’arredamento, un ruolo fondamentale lo ha avuto il compagno della nostra padovana, Davide, che l’ha aiutata nella creazione di un luogo confortevole, vintage e soprattutto handmade. Il tavolo era di un falegname e, come l’armadio, è di recupero.

MO.FE BOUTIQUE V2

«Anche se non lavora con me – continua Federica – grazie alla sua creatività e alla sua manualità Davide mi sostiene molto. Si può definire l’anima creativa di Mo.fe’ Boutique. A dicembre 2019 mi ha costruito una cargo bike per potermi spostare da una zona all’altra di Padova portando con me vari capi d’abbigliamento, permettendo così l’avvio della parte itinerante della mia attività».

«Ad oggi in tutta Italia non esiste una bici adibita al trasporto e alla vendita degli abiti. La mia cargo bike è una bicicletta su misura che possiede anche un camerino dove provare l’abbigliamento scelto. Ogni settimana ho delle tappe fisse. Mi muovo principalmente la mattina, in modo tale da tenere aperto il negozio fisico il pomeriggio».

La bici di Mo.fe’ Boutique nasce per andare incontro alle esigenze dei clienti, ai quali Federica offre anche il servizio a domicilio. Si rivolge a tutte quelle persone che per un motivo o per un altro non riescono a raggiungere il negozio. «Qualche giorno fa sono stata da una signora che si era appena operata al ginocchio e non poteva muoversi», ci racconta. Si tratta di un servizio in più che, unito alla vendita online dei prodotti e alla presenza di una boutique fissa, rende sia unica che completa l’attività della nostra padovana.

MO.FE BOUTIQUE V3

Federica ha scelto l’uso di una bicicletta per spostarsi, oltre che per la comodità, anche per l’approccio green che la contraddistingue. Il suo legame con le piante e la natura è forte. Cercare di inquinare il meno possibile l’ambiente, rispettandolo, è uno dei suoi obiettivi. È da sottolineare anche che i capi d’abbigliamento sono realizzati con tessuti e materiali naturali.

«Abbiamo la nostra linea artigianale Amami-Mofe’ – riprende Federica – pensata e ideata da me ed effettivamente realizzata grazie a uno stilista che permette di dar forma alle mie idee. Inoltre lavoriamo con dei laboratori del territorio, quindi a km0, che seguono la nostra filosofia incentrata sulla sostenibilità ambientale».

Le taglie partono dalla 42-50, ma in base alle esigenze del cliente possono essere personalizzate. L’amore per la natura di Federica si trova anche nelle forme e soprattutto nei colori degli abiti di Mo.fe’ Boutique: sono capi delicati, morbidi e facilmente indossabili.

«Chi sceglie Mo.fe’ Boutique – continua Federica – sceglie anche la filosofia che vi sta dietro e tutto quello in cui noi crediamo: la bicicletta e il senso di libertà che ne deriva, il rapporto con la terra, l’amore per la natura, il rispetto per l’ambiente». Non è solamente la vendita e l’acquisto di un abito dunque, ma anche la volontà di sposare certi ideali.

La mia cargo bike è una bicicletta su misura che possiede anche un camerino dove provare l’abbigliamento scelto

Sono molti i progetti che Federica ha in serbo per Mo.fe’ Boutique, anche se purtroppo al momento non possono essere svelati, nemmeno una piccola anticipazione. La nostra padovana ci tiene a sottolineare che sono tutti ancora in forma embrionale e che piano piano verranno mostrati, ma per adesso rimangono un segreto.

La bicicletta, il vento tra i capelli, il contatto tra la natura e il proprio corpo: tutto questo è libertà. Una libertà a cui Federica non può fare a meno e che cerca di trasmettere attraverso la sua passione per i vestiti. Un negozio diverso dagli altri, una filosofia che vuole essere pioniera verso un modello economico nuovamente a misura di persona, un piccolo salotto itinerante dove sentirsi a casa.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Aliva, l’impresa fondata da quattro giovani calabresi che trasforma in design gli elementi naturali
Aliva, l’impresa fondata da quattro giovani calabresi che trasforma in design gli elementi naturali

Quale futuro per le montagne italiane, ormai ridotte a “parchi giochi” per turisti?
Quale futuro per le montagne italiane, ormai ridotte a “parchi giochi” per turisti?

Olivami: adottare un ulivo per ritrovare l’identità del territorio pugliese
Olivami: adottare un ulivo per ritrovare l’identità del territorio pugliese

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Capire l’India contemporanea

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

|

“Ci siamo trasferiti in montagna e ora cerchiamo persone per costituire una cooperativa di comunità”

|

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

|

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”