9 Nov 2022

Cane lupo, animale guida: come farsi educare da un essere speciale

Scritto da: Daniel Tarozzi

E se fosse l'essere umano a farsi educare dal cane lupo? È proprio ciò che è successo ad Alessandra Monti, educatrice cinofila che attraverso un suo recente lavoro letterario ci invita ad abbandonare credenze e pregiudizi per lasciarci prendere per mano da questi esseri, che spesso hanno più da insegnare che da imparare, se solo ci fidassimo di più di loro...

Mi arriva una mail, all’improvviso, come tutte le mail dopo tutto. Testo asciuttissimo. Una certa Alessandra Monti mi segnala, senza giri di parole, un suo libro uscito lo scorso giugno. Il titolo è altrettanto asciutto: Cane lupo, animale guida. Io sono un chiacchierone, quasi barocco come si evince anche dall’attacco di questo articolo, eppure questo approccio minimal mi incuriosisce, ma soprattutto mi incuriosiscono le quattro parole del titolo. Sono staccate tra loro, non contengono verbi, eppure riassumono molti dei mondi a me cari.

Cane: sono un educatore cinofilo e amo follemente i cani. Lupo: sono cresciuto con un piccolo lupo e i lupi sono in assoluto gli animali che più mi richiamano a livello archetipale – ho persino pianto ascoltando Luigi Boitani parlare di loro. Animale: come tutte e tutti voi sono un animale. Guida: sì, penso che gli “altri animali” possano guidarci, in particolare i cani, i lupi, i cane-lupi, ma conosco anche i percorsi “sciamanici” in cui si parla di animali guida in altri modi e altri mondi.

cane lupo

Chiedo ad Alessandra di mandarmi il libro. Il suo editore, Do It Human, provvede gentilmente. Ci metto un po’ a leggerlo, ne sto leggendo altri cinque, è estate… una borraccia mal chiusa me lo inzuppa, odio rovinare i libri. Eppure alla fine lo finisco e va bene così. Perché il libro di Alessandra è un insieme di libri, di mondi, di esperienze, di imprevisti destabilizzanti – come una borraccia che ti inzuppa un libro caro.

In parte è un libro che parla di cinofilia, di cani-lupi, di lupi cecoslovacchi, di convivenza con loro, di riscoperta da parte di Alessandra dei mondi antichi, di accettazione da parte di branchi di lupi, di Paesi lontani, Mongolia, nord Europa, America. In parte è un libro che parla di ricerca spirituale, costellazioni famigliari, ayahuasca, sciamanesimo. In parte è un libro che parla di noi, del nostro stare al mondo, dell’essere un po’ cani, un po’ lupi, un po’ animali, un po’ guide. 

Quel che forse facciamo fatica a fare e l’altro pezzo: lasciarci guidare. Sembra una mancanza quindi. Ma il sottotitolo del libro ci viene incontro, ci salva dall’ego: come farsi educare da un essere speciale. Ecco, non fraintendete. L’essere speciale non siete voi (noi) che scopriamo come educare un cane. L’essere speciale è lui (lei): il cane (lupo?) che – se glielo concediamo – ci può educare.

Cane Lupo, Animale Guida
Come farsi educare da un essere speciale
carrello

Ovviamente ho ricontattato Alessandra e ci siamo fatti una bella chiacchierata, per ora via zoom. Ecco qualche stralcio: «Sì, lo so – mi dice l’autrice quando le faccio notare la natura multiforme del suo testo –, è un po’ schizofrenico, come sono io. Credo che gli accessi alla conoscenza siano diversi. Ho alternato quasi inconsapevolmente un approccio più tecnico a uno spirituale, uno emozionale a uno scientifico, che per me convivono, così come vari aspetti convivono nel cane lupo».

Nel libro traspare come Alessandra per prima si sia fatta “educare” dai cani lupi. Le chiedo cosa le abbiano insegnato in particolare. «Tantissime cose, sia sul risparmio energetico che sulla vera collaborazione e sul senso della comunità. Mi hanno inoltre insegnato le sfaccettature, che sono funzionali, il rientrare rapidamente dagli stati emotivi di tensione, anziché persistere in una arrabbiatura. Mi hanno insegnato l’ascolto, il godersi il momento».

In parte è un libro che parla di noi, del nostro stare al mondo, dell’essere un po’ cani, un po’ lupi, un po’ animali, un po’ guide

Io penso alle mie esperienze con piccoli lupi e grandi cani e non posso che concordare. Alba, una meticcia salvata dal canile, mi insegnò la felicità immotivata, la salvezza dalla depressione, le risate di gioia. Lilli, attuale compagna di vita e altrettanto meticcia salvata dal canile, mi ricorda ogni giorno quanto possa essere infinito uno sguardo, mi spinge a uscire di casa quando non ne ho voglia, mi scioglie con la sua infinita dolcezza. Zed – il lupetto con cui crebbi – mi insegnò un po’ tutto il resto, a ululare, a essere paziente, a correre come un matto, ad amare sempre, a prescindere.

Ma torniamo da Alessandra. Le confido che ho qualche resistenza verso “i cani di razza”. Spesso tendono a riprodurre malattie dovute agli incroci tra consanguinei, ma soprattutto mi spaventa l’idea di “comprare” un animale. Certo, da educatore negli ultimi anni ho compreso quanto sia importante conoscere le caratteristiche delle razze. Solo in questo modo ogni essere umano può garantire una vita dignitosa al proprio amico peloso.

cane lupo2

E Alessandra? Consiglia cani lupo ai suoi clienti? «Io non lo consiglio, racconto quali sono le esigenze base e chiedo se sono in grado di garantirle al momento in cui l’acquistano.  Esistono molti tipi di cane lupo e ci sono ovviamente molte diversità. Il cane lupo non è un cane che consiglio di prendere per i bambini, ma è un cane che sa stare in famiglia, se l’umano di riferimento che ha scelto di avere questo cane è un buon ponte tra il cane e il bambino».

La nostra chiacchierata continua a lungo e tocca diversi argomenti, ma la maggior parte è racchiusa in queste righe o nel libro che – spero – state per leggere. Chiudo con una riflessione di Alessandra sul “binomio” essere umano-cane lupo: «Cerco sempre di ascoltare il binomio e di decifrare i messaggi che manda il cane lupo. Dopo il primo incontro spesso le persone mi dicono “vabbè ho capito che devo lavorare su di me”, ma senza che io li avessi invitati a farlo. Ecco. Questo è l’approccio sistemico messo in pratica». 

A prova di cane lupo (e persino di essere umano)!

Per saperne di più clicca qui.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Gli avvistamenti record della gazza marina in Liguria
Gli avvistamenti record della gazza marina in Liguria

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti
Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

Sciame, un collettivo al femminile per la salvaguardia delle api e la tutela dell’ambiente
Sciame, un collettivo al femminile per la salvaguardia delle api e la tutela dell’ambiente

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Europa accelera sui sistemi di riuso – #630

|

OZ-Officine Zero, la multifactory che porta rigenerazione e innovazione nel cuore di Roma – Io Faccio Così #348

|

La storia di Paola, la mamma “scomoda” che si batte affinché la disabilità diventi di tutti

|

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

|

Iran, molto più che proteste: è iniziata la rivoluzione

|

Daisy, la scuola elementare che adotta il metodo finlandese per crescere bambini consapevoli

|

Filo.sofia: “Attraverso i nostri capi in bamboo cerchiamo di diffondere la sostenibilità mentale”

|

Asha Nayaswami: “Il mondo sta cambiando, oggi la sfida è educare i giovani alla vita”