2 Dic 2022

Nomadi d’Occidente, storie di viaggiatori che cambiano la vita

Scritto da: Emanuela Sabidussi

"L'uomo è nato per muoversi, per viaggiare: un'indole innata presente in ognuno di noi. Crescendo però veniamo educati allo stare, alla stanzialità". Ne è convinta Brunella Bonetti, che ha ripercorso le orme dei grandi Nomadi d'Occidente attraverso un libro davvero particolare. Un viaggio tra storia, geografia e psicologia, per conoscere da vicino i grandi viaggiatori e attraverso di essi, noi stessi.

Avete mai provato quella sensazione di inquietudine interiore che parte dalla pancia e arriva fino alla testa? La sua voce inizialmente è lieve, quasi impercettibile, ma man mano che il tempo passa aumenta di intensità e tono, fino ad arrivare a essere un urlo udibile solo da noi stessi: “È ora di andare, di partire!”.

Attività e impegni che fino a quel momento erano parte di una routine accettata e vissuta in modo sereno iniziano a trasformarsi, prendendo la forma di un mero atto da compiere in attesa della partenza. Spesso la necessità non nasce da esigenze lavorative, economiche. E neanche da curiosità.

WhatsApp Image 2022 11 03 at 11.15.15 1

Si tratta di una spinta che porta ad esplorare nuovi mondi, a cogliere chiavi di lettura della vita diverse, a incontrare e conoscere storie differenti dalle nostre e da quelle finora note. E se vi sentite soli e un po’ strani nel provare queste sensazioni, sappiate che sono insite in noi e che molte persone l’hanno sperimentato. Li chiamano nomadi e sono persone che nei secoli scorsi fino ai giorni nostri hanno seguito questa voce interiore, per andare a esplorare nuove parti di mondo e così scoprire, conoscere il non ancora conosciuto, ricercando parallelamente parti di sé non ancora esplorate.

La collega Brunella Bonetti ha dedicato a queste persone un intero libro, dal titolo Nomadi d’Occidente. La grande storia Real Novel ovvero Epopée Epique su l’Andare, pubblicato da Porto Seguro Editore: una narrazione intrecciata di figure fuori dagli schemi del loro tempo che si sono contraddistinti per la capacità di spingersi oltre, per andare ad abbracciare nuove realtà, e spesso raccontarle, per far vivere gli stessi viaggi anche ad altri. E parlando di nomadi, di avventure vissute e di imprevedibilità, vien da sé che anche il libro appena pubblicato è esso stesso un viaggio, sia per la capacità di prendere per mano il lettore e accompagnarlo in diversi luoghi e secoli con naturalezza, ma anche per la sua struttura.

Le differenze tra donne e uomini nomadi ci sono sempre state: Ella Maillar fu la prima, oggi la nostra condizione è diversa, ma la presunta pericolosità rimane

«Tutto comincia con il Preludio – spiega Brunella –, cioè l’introduzione della Storia del primo Nomade d’Occidente e del mistero del suo “libro mai scritto”. Seguono poi quattro Atti che fanno da cornice all’intera opera. A sua volta, ogni Atto è composto da due vicende che corrono parallele: una è quella delle Storie dei Nomadi d’Occidente; l’altra fa capo ai Diari del Nomade d’Occidente moderno. Questa, in particolare, a partire dal II Atto è composta da due parti che vengono aperte e chiuse dal canto di un mantra… tutto il resto, per ora, resterà segreto».

«Ogni Atto è intervallato da un Intermezzo, nel quale il tempo, quello cronologico, e l’esposizione dei fatti si fermano e la voce o la penna che narra si arresta. Così, l’occhio del regista e quello del lettore si allontanano dalle vicende godendo di una pausa che chiarisce gli intrecci. Così il coro, l’autore, l’artigiano di Scatole e Storie ne approfittano per dare brevi spiegazioni, ricapitolare o fornire chiavi di volta e violino», prosegue l’autrice.

Capirete da soli che davanti avete un libro senza un genere preciso, non incasellabile in nessuno dei contenitori standard previsti dalla letteratura italiana: è infatti un testo di narrazione, ma al tempo stesso di ricerca, un saggio psicologico, ma che si muove tra le linee antropologiche dell’umanità o almeno di una parte di essa. Un atlante mentale che non si accontenta di raccontare, ma di permettere al lettore di viaggiare tramite i protagonisti che via via vanno a susseguirsi in un intreccio fuori dallo spazio e dal tempo.

IMG 20220806 181837
Brunella Bonetti, autrice di “Nomadi d’Occidente”

«Da Ella Maillart a Fosco Maraini, da Jack London a Gregori Bateson: ognuno a modo proprio rappresenta un lato del Nomade d’Occidente moderno, ovvero di me stessa. É stata per me una fortuna l’incontro con queste persone, seppur vissute in epoche diverse. Mi sono trovata in questi anni a svolgere tipi di lavoro diversi, avevo sempre con me un libro che mi accompagnava e man mano che leggevo scoprivo nuove persone, nuovi amici, che mi raccontavano di loro e del loro vissuto».

Per scrivere questo libro Brunella ha studiato tantissimo: «Volevo conoscerli bene, in maniera approfondita, per poter entrare in sintonia con loro e ho scoperto molte similitudini e anche molte conferme. Sono convinta che l’uomo sia nato per muoversi, per viaggiare: c’è un’indole innata in tutti noi. Crescendo però la cultura, lo stile di vita che conduciamo ci educano allo stare, alla stanzialità».

«Arriviamo da motivazioni e modalità diverse tra i tempi passati e ora ci dicono che ogni viaggio permette di aprire i propri orizzonti, confrontarsi con l’altro, con il non ancora conosciuto e fare esperienza attraverso ciò, perché il confronto ci permette di crescere e ci fa incontrare il nostro “io”. Credo che questo non sia un libro, ma un progetto di vita: è un viaggio e come tutti i i viaggi è entusiasmante!», conclude Brunella Bonetti.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Hangar Piemonte e Italia che Cambia insieme per raccontare la trasformazione culturale
Hangar Piemonte e Italia che Cambia insieme per raccontare la trasformazione culturale

Archi di Pasqua di San Biagio Platani: lo scultore Salvatore Navarra racconta l’orgoglio della comunità
Archi di Pasqua di San Biagio Platani: lo scultore Salvatore Navarra racconta l’orgoglio della comunità

Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento
Hangar Piemonte e il percorso per accompagnare le organizzazioni verso il cambiamento

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Usa-Cina, che succede? – #664

|

La storia di Reza, rifugiato iraniano: “Sono sopravvissuto al carcere e racconto cos’è l’Iran di oggi”

|

A Mascalucia, gli Amici del Bosco Ceraulo insieme per proteggere e restituire l’area verde alla città

|

R.A.M. Radici a Moncalieri: “Ritornare alla terra oggi vuol dire imparare a goderti ciò che questa ti dà”

|

Teatro Integrato dell’Emozione, il primo corso universitario realizzato per studenti con disabilità

|

Terremoto in Turchia e Siria stamattina, quasi 300 morti

|

“Mi sono trasferita in campagna per dedicarmi alla terra: qui il tempo passa in modo diverso”

|

Dagli scarti del cacao ai fogli: una nuova carta ecologica sbarca a Genova