12 Lug 2023

Controffensiva ucraina: ecco cos’è successo e cosa non ha funzionato

Scritto da: Michele Cagnini

Passiamo in rassegna le analisi di alcuni esperti, giornalisti e osservatori degli eventi bellici in atto in Ucraina per capire a che punto è il conflitto e come sta andando la controffensiva ucraina in atto ormai da un mese. Siamo infatti giunti a un punto che potrebbe rivelarsi nodale nel determinare gli equilibri delle forze in campo, in attesa di un nuovo approvvigionamento di materiale da parte degli Stati Uniti.

Salva nei preferiti

Da ormai un mese a questa parte è iniziata la controffensiva ucraina nella regione di Zaporižžja ed è arrivato il momento di fare un resoconto della situazione, cercando di capire cosa ha funzionato e cosa no da una parte e dall’altra delle barricate. Ma andiamo con ordine: lunedì 10 luglio, a un mese circa dall’inizio della controffensiva, il presidente Zelensky ha annunciato che i piani non stanno andando proprio come sperato.

Il presidente ucraino ha infatti dichiarato in un’intervista esclusiva rilasciata pochi giorni fa all’emittente americana CNN che l’esercito russo ha avuto tempo di rafforzare le proprie posizioni e adesso l’avanzata è più dura del previsto. Zelensky continua attaccando i partner europei, asserendo che se avessero mandato prima le armi la situazione sarebbe stata diversa. Vi è sicuramente della verità nelle sue parole, ma fino a che punto si può considerare l’operazione un fallimento tattico o strategico?

Dal punto di vista della strategia la mancanza dell’effetto sorpresa è stata sicuramente importante. Rispetto all’ultima controffensiva guidata del generale Sirskyj infatti, questa volta i russi sapevano che sarebbero stati attaccati in quelle zone. Grazie alle informazioni ricevute quindi hanno avuto tutto il tempo di fortificare le loro posizioni con campi minati, fossati e cavalli di frisia. 

Secondo il generale Battisti, intervistato da Fanpage, un altro punto sarebbe quello dello scarso addestramento dei soldati ucraini equipaggiati con le nuove armi NATO. La necessità di colpire il prima possibile avrebbe quindi convinto lo stato maggiore ucraino a iniziare l’attacco senza che la sinergia tra i vari reparti mobilitati avesse raggiunto il livello ottimale. Una cosa è saper guidare un carro armato, tutt’altra è guidarlo in un campo minato, sotto il fuoco nemico, mentre si supporta una brigata di fanteria meccanizzata. Per quanto riguarda gli avversari invece, Battisti osserva che “la Russia oggi non ha più la capacità di condurre grandi offensive: consapevoli di questo limite dovuto alla mancanza di personale, si sono  fortificati consolidando le posizioni acquisite”.

controffensiva ucraina
Immagine tratta dalla pagina Instagram Our wars today

Allo stesso modo, un’interessante punto di vista è quello portato da Cecilia Sala, inviata di guerra, embedded presso la 10° brigata dell’esercito ucraino “Edelweiss”, che parla di un adeguamento delle forze russe alle tattiche ucraine. Con l’arrivo delle nuove armi occidentali si è visto un ribaltamento della situazione, i russi sulla difensiva e gli ucraini all’attacco. L’esercito russo ha dato prova di discreto adattamento utilizzando le stesse tecniche e gli stessi sistemi di armi che gli erano stati rivolti contro.

Nei giorni scorsi un combattente della 10° brigata ha dichiarato che le sue forze hanno abbattuto un drone russo che montava lo stesso sistema di rilascio del carico che avevano le loro truppe. Secondo le interviste della giornalista i russi hanno imparato dai loro errori o perlomeno sembrano aver superato l’estrema disorganizzazione dei primi mesi di guerra.

Il presidente ucraino ha dichiarato che l’esercito russo ha avuto tempo di rafforzare le proprie posizioni e adesso l’avanzata è più dura del previsto

È ancora presto per tirare le somme di questa controffensiva, ma viene naturale fare una considerazione sui mezzi che dovevano regalare la vittoria agli ucraini, i carri armati. I Leopard 2, i Challenger e i Bradley non si sono dimostrati così efficaci come sembrava, ne sono testimoni le foto di inizio offensiva di una colonna di Bradley e 2 Leopard annichiliti dal fuoco di artiglieria e da un campo minato.

Siamo poi nell’era dei droni e delle armi anticarro portatili, dove un carro costa 5 milioni di dollari e un RPG 32 al massimo 10.000 dollari. Come hanno mostrato gli ucraini nella prima parte di questa guerra non importa quanta corazza ha il tuo carro, un missile ben piazzato lo può rendere inutilizzabile per settimane. In seguito agli scarsi risultati dei giorni scorsi gli americani hanno annunciato che invieranno bombe a grappolo al Governo di Kyev oltre a nuovi caccia per la superiorità aerea, ma per il momento non possiamo fare altro che aspettare.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Afghanistan, dove sognare gelati anche se non esistono freezer
Afghanistan, dove sognare gelati anche se non esistono freezer

Di giovani e qualità della vita nel Sud Sardegna: “Questa terra non la voglio abbandonare”
Di giovani e qualità della vita nel Sud Sardegna: “Questa terra non la voglio abbandonare”

“Gli italiani festeggiano la loro Repubblica, i sardi aspettano di averne una”
“Gli italiani festeggiano la loro Repubblica, i sardi aspettano di averne una”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sole, mare e G7. In Puglia si parla di armi all’Ucraina, asset russi congelati e polemiche sull’aborto – #949

|

Campi estivi in natura 2024, ecco quali sono i migliori in base alle esigenze

|

Con Four Seasons Natura e Cultura si viaggia in modo sostenibile alla scoperta dell’Italia e del mondo

|

Un cammino lento attraverso la natura dell’appennino e le sue comunità

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

|

Archingreen: bioedilizia e materiali naturali per case a misura di persona e di Pianeta – Dove eravamo rimasti #32

string(9) "nazionale"