24 Nov 2023

L’industria, gli incidenti mortali e i cervelli sardi – INMR Sardegna #7

Scritto da: Laura Fois

Settima puntata di “Io non mi rassegno Sardegna”: parleremo di industria, di incidenti stradali e di sardi nel mondo. Avremo un ospite, esponente di un’associazione ecologista e vi racconteremo anche gli articoli usciti in settimana su Sardegna che cambia. Chiuderemo segnalandovi i festival e gli appuntamenti imperdibili del weekend.

 Parliamo di industria e iniziamo col chiederci che tipo di industria c’è e ci vorrebbe in Sardegna. Col Piano di Rinascita del 1962 si è avviato un processo di industrializzazione che fece nascere i due poli petrolchimici di Porto Torres e Sarroch, rispettivamente nel nord e sud Sardegna. Ora la decarbonizzazione è un processo che appare inarrestabile ma va guidato e anche la transizione energetica, che è necessaria, va gestita perché il pericolo di nuove servitù in Sardegna è reale, lo abbiamo visto con le inchieste sull’eolico e la voce dei comitati che lottano contro la speculazione energetica. Dopo questa premessa andiamo alla notizia, e cioè che è saltato il progetto per la produzione di litio in Sardegna, che doveva realizzarsi a Portovesme, polo industriale. Si farà invece fuori dall’Italia.

Rispetto al 2022 gli incidenti stradali sono aumentati notevolmente. Scrive l’Unione Sarda che sono stati oltre 1.600 gli incidenti di cui 37 mortali e mille i feriti lungo le strade statali e extraurbane nel 2023. Sono solo alcuni dei dati sulla Sardegna forniti durante il forum degli incidenti stradali organizzato dal procuratore Generale Luigi Patronaggio. Un dato particolare è che in Sardegna, gli incidenti più gravi avvengono sulle strade extraurbane con un indice di 5 decessi ogni 100 incidenti.

Spazio alle istanze e pensieri dei sardi nel mondo. Mi ha colpito molto l’intervista su L’Unione Sarda a Simone Onnis, ispettore antiriciclaggio di Jp Morgan, vive a Varsavia, è un ragazzo sardo che vive all’estero. Lui dice “ci chiedono di cambiare il nostro Paese ma non possiamo cambiarlo se non ci permettono di restare. Io vorrei tornare ma il governo ci volta le spalle. L’Italia ha sostenuto dei costi per i nostri studi, e a beneficiarne sono gli altri. Un capitale umano svanito.

Il Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) è un’associazione ecologista nata a Cagliari nel giugno 1992. Opera in via autonoma, su segnalazione di associazioni, comitati, singoli cittadini. Ci racconta tutto Stefano Deliperi.

L’inchiesta sul più grande impianto fotovoltaico e Radio X, la prima radio in Italia e in Europa ad andare in streaming. Correva l’anno 1995.

#industria
Portovesme srl, salta il progetto per la produzione di litio. Sindacati contro la Giunta, SardiniaPost.
Glencore, salta la produzione di litio a Portovesme. “La faremo all’estero”, Unione Sarda.
Tgr Sardegna.

#incidenti
Strade insanguinate in Sardegna, Unione Sarda.
Emergenza incidenti mortali, SardiniaPost.

#cervellisardi
Cervelli sardi in fuga: “Il governo ci volta le spalle, mentre vorremmo solo spendere le nostre competenze in Italia”, Unione Sarda.

#Grig
Gruppo d’intervento giuridico.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


L’ex Ilva verrà commissariata, di nuovo – #882

|

Destinazione Ogliastra, una rete per un approccio sostenibile e identitario al turismo nel territorio

|

Rising Time: Elena e Andrea tornano in Calabria per lanciare i giovani artisti locali

|

Il Museo dell’Emigrazione Italiana: un’esperienza diversa per sconfiggere i pregiudizi

|

La via Francigena: un prezioso affresco del patrimonio artistico e culturale europeo

|

Cause del riscaldamento globale: la fisica Sabine Hossenfelder ci spiega perché i responsabili siamo noi

|

Cancro infantile: fondamentale combattere le disuguaglianze nelle cure

|

Con la foresta urbana di Monterusciello, Pozzuoli dice sì alla rigenerazione urbana

string(8) "sardegna"