Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia

Ringraziamenti

Gratitude-300x200

Ringriaziamo Elisa Chinello per aver realizzato il logo di “Italia che Cambia”.

Ringraziamo Anna Tinebra e Salverico Cutuli per la musica che accompagnerà il promo di lancio del viaggio.

Ringraziamo le centinaia di persone che ci hanno dedicato il loro tempo e le loro giornate permettendoci di scoprire e raccontare le loro esperienze.

Ringraziamo noi stessi per credere sempre, nonostante tutto, in un futuro possibile, migliore e in un presente gioioso e mutevole in cui le tante energie spese sono ricompensate dalla consapevolezza di muoversi nella giusta direzione.

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

L’accelerazione del riscaldamento globale – Io Non Mi Rassegno #289

|

Grande Ulivo: «Da discarica a luogo di armonia, didattica e accoglienza»

|

Come tutto ebbe inizio – Io rifaccio casa così #1

|

Irene e il suo forno di comunità: “Torno nella mia città per fare il pane e creare relazioni”

|

La comunità di Porto di Terra: vivere la montagna della Sicilia tra permacultura e transizione – Io faccio così #314

|

Risate e positività per trasmettere buonumore ai tempi dell’infodemia da Covid-19

|

Le risorse non bastano per tutti, ma davvero è solo un problema di sovrappopolamento?

|

Cinque amiche creano una community per supportare le donne nel mondo del lavoro