Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
13 Ott 2012

Giunto in Sardegna! (tra la plenaria di permacultura e le travolgenti emozioni)

Scritto da: Daniel Tarozzi

Dopo una notte in traghetto, questa mattina alle 7 siamo giunti in Sardegna. Dopo due giorni piovosi in Liguria, il […]

Dopo una notte in traghetto, questa mattina alle 7 siamo giunti in Sardegna. Dopo due giorni piovosi in Liguria, il sole si è rivelato in tutto il suo splendore, illuminando fin dal mattino le colline e il mare sardo.
Sono stato molte volte in Sardegna, ma ogni volta vengo travolto da una gioia profonda, quasi incontrollabile. Questi luoghi, il mare, le colline, la vegetazione, i pozzi sacri, i luoghi archeologici, le tradizioni, i sapori, la struggente selvaticità, mi travolgono ogni volta come uno tzunami che spagina il mio “sentire”.
Dopo qualche ora di guida, eccomi qua (10 e 37) seduto in una capanna rotonda ad assistere al secondo giorno della “plenaria di permacultura“. Alle 12 e 10 mi intervisteranno per la radio del Sole 24 Ore e oggi parlerò proprio di questo: della permacultura e di come questa permette un nuovo approccio filosofico-pratico all’agricoltura, ma più in generale alla progettazione di sistemi integrati.
Staremo qui fino a domani e poi ci muoveremo in lungo e in largo per questi territori per incontrare alcune tra le più interessanti esperienze che costellano l’isola.
Nei giorni scorsi, dopo aver lasciato il Veneto, ho incontrato molte persone interessanti in Lombardia. Spero davvero che entro domani troverò il tempo di raccontarvi un po’ le varie tappe. Intanto, se volete, ci “sentiamo” tra poco alla radio!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

I “giganti dormienti” del ciclo del carbonio si stanno svegliando? – Io Non Mi Rassegno #240

|

Ragazzi irresponsabili: siamo davvero impotenti di fronte ai cambiamenti climatici? – A tu per tu #7

|

Bambini a contatto con la natura: tutti gli effetti benefici in 10 punti

|

Marco Cappato: “Questa iniziativa può fermare i cambiamenti climatici”

|

La parità di genere ed il linguaggio emotivo siano il cuore di un cambiamento radicale

|

La paura di Lise

|

Il Boschetto: da spazio abbandonato a orto dove si coltivano insieme frutta, verdura e tempo!

|

Covid, scuola e DAD: un sostegno agli studenti in difficoltà per non lasciare indietro nessuno