Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
2 Dic 2013

Il blog di Beppe Grillo parla dell’Islanda con Andrea, Yahoo Finanza di decrescita con Daniel…

È stato Piero Ricca, collaboratore del seguitissimo blog di Beppe Grillo, il primo a interessarsi al progetto dell’Italia Che Cambia […]

andrea_beppegrilloÈ stato Piero Ricca, collaboratore del seguitissimo blog di Beppe Grillo, il primo a interessarsi al progetto dell’Italia Che Cambia questa settimana. Lunedì 25, all’interno della rubrica Passaparola, è uscita una lunga intervista ad Andrea Degl’Innocenti, che ha presentato il suo libro Islanda Chiama Italia e parlato della questione islandese, dell’iniziativa referendaria che ha bloccato la legge di conversione del debito, del processo ai banchieri e della nuova costituzione, basata sulla partecipazione popolare e sull’utilizzo virtuoso di internet. «Il concetto di base – conclude Andrea – è riprendersi in mano il potere di decidere sulla propria vita e sulla società in cui viviamo».

Martedì 26 su Ereticamente, Massimo Capalbo ha proposto alcune riflessioni su Io Faccio Così. Condivisione, partecipazione, passione e, prima di tutto, ricerca sono i concetti chiave del sito, decisamente coerenti con i presupposti che hanno dato vita al viaggio nell’Italia che cambia, dove «tanti piccoli Davide stanno rimettendo insieme i cocci di un territorio che i vari Golia, nel loro passaggio, (molto simile a quello di un elefante in una cristalleria) hanno lasciato. Stanno puntellando il Paese ricominciando dalle fondamenta. Sono minoranza e per questo il potere di immaginare e decidere come sarà il domani è nelle loro mani».
s1332Mercoledì 27 due nuovi interventi in radio. Il primo su Radio Vaticana, dove Daniel Tarozzi e Andrea Degl’Innocenti hanno presentato i loro libri. Più tardi, Daniel è intervenuto anche su Radio Lab, emittente catanese, che lo ha ospitato per parlare di Io Faccio Così e del progetto Italia Che Cambia. In serata, lo stesso Daniel ha pubblicato un breve testo contenente le sue riflessioni a un mese dall’uscita del libro: gioie ma anche delusioni, che col tempo si trasformeranno in insegnamenti. Qualche riga scritta quasi di getto, che ci permette di capire quali sono le emozioni, le pressioni, i sentimenti che spesso le luci della ribalta nascondono e relegano in secondo piano, ma che influenzano in maniera determinante l’animo di Daniel e di tutti noi.
Giovedì 28, per la consueta storia della settimana, tratta da Io Faccio Così, è stata la volta di Danilo Casertano e della sua Associazione Manes, che porta avanti un progetto educativo basato sulla condivisione e sul confronto. Il modello, chiamato comunity education, prevede un confronto all’insegna dell’orizzontalità con i bambini e, al tempo stesso, un importante lavoro di auto-educazione che il maestro deve compiere su sé stesso. Una nuova proposta che vuole scardinare la gabbia di burocrazia in cui è imprigionata oggi l’educazione in Italia.
Venerdì 29 si è rinnovata la collaborazione fra Italia Che Cambia e l’agenzia radiofonica indipendente AmisNet. Il puntata settimanale del programma Terranave è stata dedicata alla lotta contro gli sprechi e all’interessante attività di recupero degli scarti che Federico Porro – l’ideatore dell’iniziativa interpellato nell’intervista – ha avviato con il progetto Mister Lombrico. Sempre venerdì infine, la redazione di Yahoo Finanza, attraverso la penna di Maria Rosaria Iovinella, ha interpellato Daniel parlando di decrescita, di politica, di start-up e rivolgendo un pensiero particolare alla situazione in Sardegna.
403572897_640Proprio sull’isola è dove si trova Daniel in questo momento, per partecipare alla terza edizione del festival Scirarindi – Benessere, buon vivere e sostenibilità in Sardegna. All’interno della prossima rassegna il resoconto della trasferta in terra sarda!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il bene e il male esistono? Indagine di due tipi curiosi (che conosciamo bene) – Io Non Mi Rassegno Speciale

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura

|

Il bene e il male esistono?

|

Carol e Francesco: la cucina naturale che nasce da una storia d’amore

|

Corazoncitos: la scuola outdoor dove si impara facendo – Io faccio così #320

|

Nel respiro del creato