29 Nov 2013

Terra fertile e lotta agli sprechi alimentari. Terranave incontra Mister Lombrico

Nella Regione Lazio sta prendendo piede una virtuosa iniziativa che permette allo stesso tempo di riciclare il cibo che si […]

scartialimentariNella Regione Lazio sta prendendo piede una virtuosa iniziativa che permette allo stesso tempo di riciclare il cibo che si butterebbe e di creare nuova terra fertile. Si tratta del progetto Mister Lombrico: un’attività di produzione di humus, ma non solo.
Realizzato utilizzando gli scarti delle aziende di frutta e verdura, il progetto mira a riciclare il cibo per ricreare terra fertile, ma anche per confezionare prodotti alimentari per uomini e animali.
Terranave ha intervistato l’ideatore del progetto, Federico Porro, un giovane agronomo che due anni fa ha vinto un bando per l’auto-imprenditoria indetto dall’Università della Tuscia.

Primo obiettivo del suo progetto è la creazione di humus (potente fertilizzante naturale), prodotto da lombrichi in allevamento.
I lombrichi si nutrono di materiale in decomposizione e il fortunato incontro con Antonio Soverino, creatore dell’azienda biologica Biobox, ha permesso e permette a Federico di reperire tutti quegli alimenti necessari a soddisfare i fabbisogni del suo allevamento: 150-200 chili di cibo a settimana che Biobox scarta perché “commestibile ma non vendibile”.
Ben presto gli operatori di Mister Lombrico si sono accorti che tra gli scarti c’era tantissimo cibo in ottimo stato. Con tutti questi prodotti hanno quindi deciso di preparare aperitivi, cene, mercatini, occasioni per parlare di alimentazione e sprechi. Vi sono anche quegli scarti non perfetti per essere mangiati ma nemmeno troppo rovinati per essere dati ai lombrichi, questi alimenti sono dati agli agricoltori che hanno animali da nutrire e barattati con prodotti naturali e cibo per animali.
Sui cumuli di terra dell’allevamento di Mister Lombrico quest’anno sono cresciute piante di ogni tipo, nate dai semi dei prodotti scartati.
Particolarmente importanti appaiono progetti come Mister Lombrico se si considera che il fenomeno dello spreco alimentare e dello smaltimento di quelli che vengono definiti ‘rifiuti’ ha raggiunto proporzioni allarmanti. Per ogni europeo, infatti, si producono all’incirca 840 chili di cibo all’anno, di questi 560 vengono mangiati, gli altri 280 vengono sprecati per un totale di un miliardo e trecento milioni di tonnellate di cibo che si spreca ogni anno nel mondo.
Lo spreco di prodotti ortofrutticoli in fase di distribuzione implica in Italia uno spreco annuale di oltre 73 milioni di metri cubi di acqua, quella che è servita per produrre quei prodotti da buttare, assieme ai 400 chilometri quadrati di terra.
Per non sprecare si possono però mettere in atto diverse strategie:
– comprare poco alla volta;
– acquistare direttamente dai produttori;
– comprare meno prodotti trasformati e più ingredienti
– imparare a cucinare con gli scarti.
E chi volesse, poi, può sempre fare come Mister Lombrico
Per saperne di più:
Il sito del network Amisnet: amisnet.org
L’archivio delle puntate di Terranave: amisnet.org/programmi/terranave
SOSTIENI L’ITALIA CHE CAMBIA CON UNA DONAZIONE

Articoli simili
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città

Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico
Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico

Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare
Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale