Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Set 2018

Una rete di giovani talenti incontra l'abitare collaborativo

Scritto da: Redazione

Promuovere le competenze e le abilità dei giovani e progettare insieme ai territori ospitanti nuovi servizi collaborativi. A tal fine è stato lanciato Socialhousenet, un progetto che consiste in sette workshop residenziali gratuiti in cinque regioni italiane. Un’esperienza formativa e creativa che permetterà ai partecipanti di sviluppare idee anche imprenditoriali.

#Socialhousenet è un workshop itinerante rivolto ai giovani dai 18 ai 35 anni che, sperimentando strumenti e metodi del Design dei Servizi e dinamiche di gioco, daranno spazio e forma alla propria creatività per progettare insieme ai territori e alle Comunità che li ospitano nuove attività, anche imprenditoriali, che possano in futuro evolversi in concrete opportunità di occupazione.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

ATTIVATI

La partecipazione ai workshop è gratuita e per quattro giorni i giovani vivranno una vera e propria esperienza di vita, oltre che formativa. “Da una parte i partecipanti acquisiranno nuove competenze e strumenti progettuali, con cui svilupperanno idee e progetti che ci auguriamo possano essere portate avanti e magari evolversi in un vero e proprio lavoro” spiega Elisabetta Sormani, presidente dell’Associazione Mondo Comunità e Famiglia, promotrice del progetto. “Dall’altra i giovani avranno l’opportunità di vivere un’esperienza residenziale diversa dal solito, perché per tutta la durata del workshop saranno ospiti delle nostre Comunità di famiglie, dove scopriranno e sperimenteranno un modo diverso di abitare, collaborativo, aperto e solidale” . A guidare i giovani nei quattro giorni di workshop, con un metodo che integra Design dei Servizi e Gioco, ci saranno docenti del Politecnico di Milano – POLI.design e dell’Associazione Playres.

socialhousenet-2

6 workshop in 5 regioni del centro e nord Italia più 1 workshop conclusivo a Bruzzano (Milano), in cui le idee migliori verranno ulteriormente sviluppate dai giovani stessi, con il supporto della Fondazione Politecnico di Milano. Ogni workshop toccherà temi diversi, che nascono dalle esigenze e dalle peculiarità dei territori ospitanti. Dopo la prima tappa del 27-30 giugno a Villapizzone (Milano) in cui 15 giovani hanno sviluppato idee per la rigenerazione di un’antica locanda trasformandola in un nuovo hub di quartiere, in arrivo due nuove tappe.

 

Il prossimo workshop si terrà dal 18 al 21 ottobre a Berzano (AL), nella splendida cornice dei colli tortonesi. Sarà un’occasione per immaginare pratiche innovative di Ospitalità che sappiano aprire alla condivisione, mantenendolo autentico un territorio ricco di saperi e di paesaggi unici dalle grandi potenzialità e opportunità. Ad accompagnare i giovani nella scoperta di questi luoghi – e delle loro eccellenze anche enogastronomiche – ci saranno, oltre alla Comunità di Berzano, l’Associazione ForestIERI e la Cooperativa Agricola Valli Unite.
A febbraio 2019 #socialhousenet si sposterà a Roma. Il tema delle 4 giornate (le date saranno comunicate a breve) è “Coltivare insieme. Dalla produzione agricola alla trasformazione urbana”. Nasceranno idee di servizi e attività a supporto di un’agricoltura periurbana di comunità in grado di innescare relazioni di valore con la città.

IMG_0443

Per tutti coloro che si stanno chiedendo quali sono i requisiti per partecipare, la risposta è semplice: l’unico requisito è la volontà di mettersi in gioco per i 4 giorni di workshop, non serve alcun tipo di formazione scolastica o professionale specifica. Si lavorerà in gruppi eterogenei, in cui ognuno avrà l’occasione di valorizzare le proprie capacità e magari di scoprire nuove passioni.

 

I workshop sono gratuiti: le Comunità di famiglie, in collaborazione con eventuali partner locali, offrono a tutti i partecipanti i pasti e l’opportunità di alloggiare, per tutta la durata delle attività. Sono a carico dei partecipanti solo le spese per raggiungere la località in cui si svolge il workshop.

 

Per chi volesse maggiori informazioni, può contattare #socialhousenet alla pagina Facebook, chiamare allo 02 3925391 (preferibilmente al mattino) o scrivere a mcfsegreteria@comunitaefamiglia.org.
#Socialhousenet è un progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del servizio civile nazionale e promosso dall’Associazione Mondo Comunità e Famiglia, in collaborazione con Politecnico-POLI.design, Fondazione Politecnico di Milano e l’Associazione Playres.

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune