14 Set 2018

Una rete di giovani talenti incontra l'abitare collaborativo

Scritto da: Redazione

Promuovere le competenze e le abilità dei giovani e progettare insieme ai territori ospitanti nuovi servizi collaborativi. A tal fine è stato lanciato Socialhousenet, un progetto che consiste in sette workshop residenziali gratuiti in cinque regioni italiane. Un'esperienza formativa e creativa che permetterà ai partecipanti di sviluppare idee anche imprenditoriali.

#Socialhousenet è un workshop itinerante rivolto ai giovani dai 18 ai 35 anni che, sperimentando strumenti e metodi del Design dei Servizi e dinamiche di gioco, daranno spazio e forma alla propria creatività per progettare insieme ai territori e alle Comunità che li ospitano nuove attività, anche imprenditoriali, che possano in futuro evolversi in concrete opportunità di occupazione.

 

La partecipazione ai workshop è gratuita e per quattro giorni i giovani vivranno una vera e propria esperienza di vita, oltre che formativa. “Da una parte i partecipanti acquisiranno nuove competenze e strumenti progettuali, con cui svilupperanno idee e progetti che ci auguriamo possano essere portate avanti e magari evolversi in un vero e proprio lavoro” spiega Elisabetta Sormani, presidente dell’Associazione Mondo Comunità e Famiglia, promotrice del progetto. “Dall’altra i giovani avranno l’opportunità di vivere un’esperienza residenziale diversa dal solito, perché per tutta la durata del workshop saranno ospiti delle nostre Comunità di famiglie, dove scopriranno e sperimenteranno un modo diverso di abitare, collaborativo, aperto e solidale” . A guidare i giovani nei quattro giorni di workshop, con un metodo che integra Design dei Servizi e Gioco, ci saranno docenti del Politecnico di Milano – POLI.design e dell’Associazione Playres.

socialhousenet-2

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

6 workshop in 5 regioni del centro e nord Italia più 1 workshop conclusivo a Bruzzano (Milano), in cui le idee migliori verranno ulteriormente sviluppate dai giovani stessi, con il supporto della Fondazione Politecnico di Milano. Ogni workshop toccherà temi diversi, che nascono dalle esigenze e dalle peculiarità dei territori ospitanti. Dopo la prima tappa del 27-30 giugno a Villapizzone (Milano) in cui 15 giovani hanno sviluppato idee per la rigenerazione di un’antica locanda trasformandola in un nuovo hub di quartiere, in arrivo due nuove tappe.

 

Il prossimo workshop si terrà dal 18 al 21 ottobre a Berzano (AL), nella splendida cornice dei colli tortonesi. Sarà un’occasione per immaginare pratiche innovative di Ospitalità che sappiano aprire alla condivisione, mantenendolo autentico un territorio ricco di saperi e di paesaggi unici dalle grandi potenzialità e opportunità. Ad accompagnare i giovani nella scoperta di questi luoghi – e delle loro eccellenze anche enogastronomiche – ci saranno, oltre alla Comunità di Berzano, l’Associazione ForestIERI e la Cooperativa Agricola Valli Unite.
A febbraio 2019 #socialhousenet si sposterà a Roma. Il tema delle 4 giornate (le date saranno comunicate a breve) è “Coltivare insieme. Dalla produzione agricola alla trasformazione urbana”. Nasceranno idee di servizi e attività a supporto di un’agricoltura periurbana di comunità in grado di innescare relazioni di valore con la città.

IMG_0443

Per tutti coloro che si stanno chiedendo quali sono i requisiti per partecipare, la risposta è semplice: l’unico requisito è la volontà di mettersi in gioco per i 4 giorni di workshop, non serve alcun tipo di formazione scolastica o professionale specifica. Si lavorerà in gruppi eterogenei, in cui ognuno avrà l’occasione di valorizzare le proprie capacità e magari di scoprire nuove passioni.

 

I workshop sono gratuiti: le Comunità di famiglie, in collaborazione con eventuali partner locali, offrono a tutti i partecipanti i pasti e l’opportunità di alloggiare, per tutta la durata delle attività. Sono a carico dei partecipanti solo le spese per raggiungere la località in cui si svolge il workshop.

 

Per chi volesse maggiori informazioni, può contattare #socialhousenet alla pagina Facebook, chiamare allo 02 3925391 (preferibilmente al mattino) o scrivere a mcfsegreteria@comunitaefamiglia.org.
#Socialhousenet è un progetto finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Gioventù e del servizio civile nazionale e promosso dall’Associazione Mondo Comunità e Famiglia, in collaborazione con Politecnico-POLI.design, Fondazione Politecnico di Milano e l’Associazione Playres.

 

 

 

Articoli simili
Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358
Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

Temporary cohousing, nasce un nuovo modello di vita in condivisione
Temporary cohousing, nasce un nuovo modello di vita in condivisione

A Salerno nasce una casa condivisa per papà separati
A Salerno nasce una casa condivisa per papà separati

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra