Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
4 Apr 2019

In Piemonte la nuova legge sulla montagna: recupero dei borghi e green communities

Scritto da: Lorena Di Maria

Una nuova legge per la montagna è stata approvata proprio in questi giorni in Piemonte con l’obiettivo di rafforzare le politiche per il territorio: dal recupero dei borghi alpini e appenninici al contrasto all’abbandono, dalla promozione della green economy a nuovi incentivi per l’insediamento. Una legge che punta ad un maggior rafforzamento delle tipicità locali e della sostenibilità favorendo le Unioni Montane.

Costruita in sinergia con l’ Uncem – Unione Nazionale Comuni, Comunità ed Enti Montani e le proposte delle associazioni degli enti locali, nasce la nuova legge sul riordino della disciplina in materia di autonomie locali e nuove norme sulla montagna, approvata a maggioranza dal Consiglio regionale mercoledì 27 marzo.
Una legge che punta a valorizzare il territorio della montagna piemontese scommettendo sulle tipicità locali, le tradizioni e le risorse, rafforzando la rete delle comunità preesistenti.

 piemonte-nuova-legge-montagna-recupero-borghi-green-communities

Tra gli obiettivi principali si riscontrano la salvaguardia del territorio e lo sviluppo socio-economico nell’ottica di una sua promozione e del rafforzamento delle Unioni di Comuni e delle Unioni montane.
Un rafforzamento che nasce proprio dalla volontà di “lavorare insieme” attraverso un impegno collettivo capace di creare relazioni solide tra i vari enti presenti sul territorio per generare sviluppo, strategie future e nuovi investimenti.

 

Promuovere artigianato, cultura, mestieri e turismo nelle valli che siano da sostegno al recupero dei borghi alpini e appenninici permettendo a chi vive in montagna di restare, anche con incentivi per l’insediamento.

 

Come si evince dal comunicato stampa, Alberto Valmaggia, assessore alla Montagna, sostiene che “si tratta di una versione 4.0 delle leggi sulla montagna, che attua così anche la legge nazionale 158 del 2017 sui piccoli Comuni e in questo il Piemonte è la prima Regione in Italia. Mette inoltre al centro del lavoro delle Unioni montane molti temi chiave per il contrasto all’abbandono e ai cambiamenti climatici in attuazione della Legge Nazionale 221 del 2015 sulla green economy.

 piemonte-nuova-legge-montagna-recupero-borghi-green-communities-2

Approfondendo il tema della green economy, tra gli elementi più innovativi introdotti dalla legge si rileva proprio il sostegno alla realizzazione di green communities, cooperative di comunità e comunità energetiche in grado di valorizzare in modo integrato e sostenibile le proprie risorse economiche, ambientali, energetiche e socio-culturali.

 

Le comunità energetiche rappresentano enti senza finalità di lucro, costituite al fine di superare l’utilizzo del petrolio e dei suoi derivati e di agevolare la produzione e lo scambio di energie generate principalmente da fonti rinnovabili, nonché forme di efficientamento e di riduzione dei consumi energetici.

 

La valorizzazione delle risorse energetiche si propone di promuovere il corretto sviluppo delle filiere locali, il tutto in linea con recente Piano regionale della qualità dell’aria che Piemonte che Cambia approfondirà in un secondo momento.

 piemonte-nuova-legge-montagna-recupero-borghi-green-communities-3

“Negli ultimi anni si è aperto un nuovo percorso in cui la montagna gioca una partita fondamentale della sua storia – si legge sul sito di Uncem – è proprio nelle Alpi e negli Appennini che si trova il naturale bagaglio di risorse che garantiranno il futuro stesso del Paese e del Piemonte.

 

Nelle Terre Alte si trovano risorse importanti quali biomasse, fotovoltaico, idroelettrico, eolico, che rappresentano i settori che vedranno direttamente impegnate le Comunità montane che la Regione ha voluto collocare come “Agenzie di sviluppo del territorio montano”, riconoscendole titolari di funzioni in materia di energia e patrimonio forestale.

 

 

Foto copertina
Didascalia: Montagna
Autore: Unsplash
Licenza: CCO Creative Commons

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Le storie che amiamo raccontarci – Io Non Mi Rassegno #109

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

|

“Vogliamo ringraziare l’Italia”: i ragazzi migranti cuciono le mascherine

|

L’oceano è troppo caldo: a rischio la grande barriera corallina

|

Comprendere e gestire emozioni e relazioni in questo periodo

Copy link
Powered by Social Snap