5 Mar 2014

Le scuole italiane adottano giardini e spazi verdi abbandonati

Scritto da: Laura Pavesi

Dalla Sicilia arriva un’idea semplice e al tempo stesso ingegnosa per ripristinare e valorizzare gli spazi verdi pubblici dimenticati e […]

Dalla Sicilia arriva un’idea semplice e al tempo stesso ingegnosa per ripristinare e valorizzare gli spazi verdi pubblici dimenticati e trascurati: chiedere alle scuole di tutta Italia di adottare un giardino nella loro città.

Scuola2

L’idea è stata lanciata dal IV Istituto Comprensivo “G. Aurispa” di Noto (Siracusa) che, in collaborazione con il Comune di Noto, ha indetto il concorso “I giardini d’Italia… adottiamoli”  con lo scopo di sensibilizzare i ragazzi delle scuole di istruzione primaria e secondaria di primo grado al rispetto degli spazi verdi pubblici urbani ovvero dei giardini della città, avendone cura ed attenzione, e contribuendo così alla valorizzazione del patrimonio comune.

Obiettivo principale del concorso è far amare ai ragazzi gli
spazi verdi della propria città e far conoscere loro storia e le vicende che li hanno caratterizzati, fin dalla loro nascita. La ricerca di fatti e avvenimenti che ne hanno contrassegnato storicamente il verde pubblico all’interno della loro comunità, rende gli studenti più partecipi e coinvolti nel processo di cura e valorizzazione del bene stesso.

17052009-DSC03009_resize

L’infiorata della città di Noto si svolge ogni anno la terza domenica del mese di maggio

Inoltre, lo stato in cui si trova uno spazio verde o un giardino pubblico, soprattutto se in condizione di precaria manutenzione, fa sentire i ragazzi “responsabili” della sua manutenzione nel tempo e li porta ad impegnarsi a fondo nella cura, tutela e valorizzazione del giardino “come attuazione di un principio di appartenenza al bene comune”.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il concorso è aperto a tutte le scuole italiane elementari e medie inferiori che intraprendano un progetto di adozione di uno spazio verde della propria città, in accordo con il Comune di appartenenza e con la collaborazione di un’associazione senza scopo di lucro o un’associazione di volontariato presente sul territorio, che abbia finalità di tutela ambientale e paesaggistica e che ne supporti gli interventi, al fine di indirizzare le soluzioni più opportune per migliorare lo stato del verde stesso.

Sono due le Sezioni previste per la prima edizione del concorso “I giardini d’Italia… adottiamoli”: una per le scuole elementari e l’altra per le scuole medie inferiori. La scadenza per la consegna di progetti e materiali è prevista per il prossimo 20 marzo 2014 e il concorso prevede due diversi Primi Premi: un buono-acquisto per materiale didattico o libri per le elementari e un viaggio-premio in città d’arte italiana per le medie.

Hanno lavorato al progetto anche il Centro C.E.A. di Noto, A.R.P.A. Sicilia e Rete In.F.E.A., con il Patrocinio del WWF Italia e la Consulenza Scientifica della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Siracusa e dell’Az. Reg. Foreste Demaniali di Siracusa.

La domanda di partecipazione è scaricabile sul sito dell’Istituto Comprensivo “G. Aurispa” di Noto  o del Comune di Noto. La premiazione delle scuole vincitrici avverrà durante la Manifestazione dell’Infiorata 2014 (prevista per i giorni 16-17-18 maggio 2014) e verrà pubblicizzata sia sul sito del Comune sia su quello dell’Istituto Comprensivo “G. Aurispa”.

Laura Pavesi

Per saperne di più leggi:

 

coltiviamoMassimo Acanfora

Coltiviamo la Città

Orti da balcone e giardini urbani per contadini senza terra

 

 

 

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free
Mille studenti uniti per rendere le loro scuole plastic free

Priorità alla scuola: la mobilitazione dal basso per il futuro dei nostri figli
Priorità alla scuola: la mobilitazione dal basso per il futuro dei nostri figli

Homeschooling e futuro del sistema dell’istruzione
Homeschooling e futuro del sistema dell’istruzione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Le “follie” del Centro America, fra criptovalute e nuove dittature – Io Non Mi Rassegno #386

|

Italia a piccoli passi: due mamme in viaggio per raccontare il Bel Paese

|

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

|

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

|

Asili nel bosco, una “foresta di relazioni” per un futuro migliore

|

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

|

Ricominciamo 2021: il Casentino riparte all’insegna di arte, musica e natura

|

Impariamo dagli animali a stare bene con noi stessi e con gli altri