5 Mar 2014

Le scuole italiane adottano giardini e spazi verdi abbandonati

Scritto da: Laura Pavesi

Dalla Sicilia arriva un’idea semplice e al tempo stesso ingegnosa per ripristinare e valorizzare gli spazi verdi pubblici dimenticati e […]

Dalla Sicilia arriva un’idea semplice e al tempo stesso ingegnosa per ripristinare e valorizzare gli spazi verdi pubblici dimenticati e trascurati: chiedere alle scuole di tutta Italia di adottare un giardino nella loro città.

Scuola2

L’idea è stata lanciata dal IV Istituto Comprensivo “G. Aurispa” di Noto (Siracusa) che, in collaborazione con il Comune di Noto, ha indetto il concorso “I giardini d’Italia… adottiamoli”  con lo scopo di sensibilizzare i ragazzi delle scuole di istruzione primaria e secondaria di primo grado al rispetto degli spazi verdi pubblici urbani ovvero dei giardini della città, avendone cura ed attenzione, e contribuendo così alla valorizzazione del patrimonio comune.

Obiettivo principale del concorso è far amare ai ragazzi gli
spazi verdi della propria città e far conoscere loro storia e le vicende che li hanno caratterizzati, fin dalla loro nascita. La ricerca di fatti e avvenimenti che ne hanno contrassegnato storicamente il verde pubblico all’interno della loro comunità, rende gli studenti più partecipi e coinvolti nel processo di cura e valorizzazione del bene stesso.

17052009-DSC03009_resize

L’infiorata della città di Noto si svolge ogni anno la terza domenica del mese di maggio

Inoltre, lo stato in cui si trova uno spazio verde o un giardino pubblico, soprattutto se in condizione di precaria manutenzione, fa sentire i ragazzi “responsabili” della sua manutenzione nel tempo e li porta ad impegnarsi a fondo nella cura, tutela e valorizzazione del giardino “come attuazione di un principio di appartenenza al bene comune”.

Il concorso è aperto a tutte le scuole italiane elementari e medie inferiori che intraprendano un progetto di adozione di uno spazio verde della propria città, in accordo con il Comune di appartenenza e con la collaborazione di un’associazione senza scopo di lucro o un’associazione di volontariato presente sul territorio, che abbia finalità di tutela ambientale e paesaggistica e che ne supporti gli interventi, al fine di indirizzare le soluzioni più opportune per migliorare lo stato del verde stesso.

Sono due le Sezioni previste per la prima edizione del concorso “I giardini d’Italia… adottiamoli”: una per le scuole elementari e l’altra per le scuole medie inferiori. La scadenza per la consegna di progetti e materiali è prevista per il prossimo 20 marzo 2014 e il concorso prevede due diversi Primi Premi: un buono-acquisto per materiale didattico o libri per le elementari e un viaggio-premio in città d’arte italiana per le medie.

Hanno lavorato al progetto anche il Centro C.E.A. di Noto, A.R.P.A. Sicilia e Rete In.F.E.A., con il Patrocinio del WWF Italia e la Consulenza Scientifica della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Siracusa e dell’Az. Reg. Foreste Demaniali di Siracusa.

La domanda di partecipazione è scaricabile sul sito dell’Istituto Comprensivo “G. Aurispa” di Noto  o del Comune di Noto. La premiazione delle scuole vincitrici avverrà durante la Manifestazione dell’Infiorata 2014 (prevista per i giorni 16-17-18 maggio 2014) e verrà pubblicizzata sia sul sito del Comune sia su quello dell’Istituto Comprensivo “G. Aurispa”.

Laura Pavesi

Per saperne di più leggi:

 

coltiviamoMassimo Acanfora

Coltiviamo la Città

Orti da balcone e giardini urbani per contadini senza terra

 

 

 

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Il Ludobus di Progetto Uomo porta il gioco ad adulti e ragazzi della comunità
Il Ludobus di Progetto Uomo porta il gioco ad adulti e ragazzi della comunità

San Giovanni lotta contro l’abbandono scolastico con Piccolo Principe Advanced
San Giovanni lotta contro l’abbandono scolastico con Piccolo Principe Advanced

Federica Pepe, mammainsvezia: crescere un bambino nel sistema educativo svedese
Federica Pepe, mammainsvezia: crescere un bambino nel sistema educativo svedese

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Elezioni regionali 2024: andiamo a votare! – INMR #19

|

Siccità in Sicilia, la regione in zona rossa per carenza d’acqua

|

Io non sto bene: viaggio interiore dal malessere alla salute

|

Officina Naturae: acquistare detergenti e cosmetici etici ed ecologici è possibile – Io Faccio Così #399

|

Alla ricerca del Vello d’Oro, un viaggio di 3400 chilometri per unire mito e realtà

|

Tra mutualismo e condivisione il Pink Coworking combatte il gender gap nel mondo del lavoro

|

Proteste sotto la sede RAI a Cagliari: “Il silenzio sul massacro in Palestina è un puro atto di censura”

|

Auschwitz e Gaza: che cos’è l’essere umano?

string(9) "nazionale"