13 Giu 2024

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

Scritto da: Valentina D'Amora

Scoprirsi tutti diversi e unici nelle proprie peculiarità, la ricchezza della varietà, la bellezza dello stare insieme. Dopo Gentilupo, Simone Morini e Marta Villica tornano a lavorare insieme a un nuovo libro per bambini. “Rina e basta” è una lettura estiva piacevole, da cui trarre un messaggio sia sociale che ecologico.

Salva nei preferiti

Genova - I social sono pieni di gruppi o pagine di mamme, insegnanti ed educatrici che chiedono o suggeriscono letture specifiche a seconda della situazione o dell’argomento che si trovano a dover affrontare a casa o in classe: le bugie tra compagni, un divorzio, un bisticcio tra amici, l’arrivo di un cane, di un fratello o una sorella, l’adozione di un bambino, un lutto in famiglia, un trasloco imminente, un’esplosione di rabbia, l’inizio della scuola e così via.

A volte però un libro per bambini è semplicemente un libro, da leggere insieme a mamma e papà o da soli, che non ha la necessità di essere adattato alla propria realtà per trarne un messaggio. Rina e basta – Gemma ViVa edizioni, dicembre 2023 – parla di identità in modo spassoso e di diversità senza essere un “libro antidoto”.

L’autore è Simone Morini, lo scrittore pendolare genovese – ve lo abbiamo presentato qui – che anche questa volta ha dato vita alla storia di una sirena a caccia della sua identità proprio durante i suoi viaggi in treno che lo portano ogni mattina in basso Piemonte per lavoro. Abbiamo intervistato lui e l’illustratrice, Marta Villica, per farci raccontare del loro ultimo progetto editoriale.

Rina e basta
Rina e basta, l’ultimo libro per bambini di Gemma ViVa edizioni
Simone, com’è nato il personaggio di Rina?

Stavo facendo una specie di esercizio di stile, improvvisando una trama a partire dal personaggio di Gianna, l’acciuga protagonista di Gianna e i Maducò, racconto scritto e illustrato proprio da Marta Villica. Man mano che la storia prendeva corpo in forma di racconto satirico sulla presenza dei cinghiali in città, mi sono reso conto che era necessario discostarsi dal personaggio di partenza per non sfociare nel plagio. La mia protagonista si è trovata, così, costretta a cercare una propria identità e ho lasciato che lo facesse proprio durante il racconto stesso.

Cosa si legge tra le righe di questo tuo nuovo libro per bambini?

Chiunque prenda in mano il libro si accorge a colpo d’occhio che Rina è una sirena. La cosa è lampante per tutti tranne che per Rina stessa, la quale spiazza il lettore chiedendogli, sin dalla prima pagina, un aiuto per capire che razza di pesce sia. Lei ha pinne e squame e tanto basta a convincerla di essere un pesce; non le passa per la testa nemmeno per un momento l’idea di essere una sirena.

La percezione di noi stessi non sempre combacia con quella che gli altri hanno di noi

Il punto è proprio questo: la percezione di noi stessi non sempre combacia con quella che gli altri hanno di noi. Una discordanza che ha conseguenze anche molto gravi nel momento in cui il giudizio altrui sfocia nel pregiudizio, alla base di ogni forma di segregazione sociale.

A proposito di diversità e inclusione, nella prefazione scritta dalla dottoressa Josephine Ciufalo, psicoterapeuta e attrice teatrale, si legge: “Parlare di diversità ai bambini vuol dire renderli cittadini consapevoli e pronti a costruire un mondo più armonioso ed empatico, vuol dire accettare gli altri e agire sui fenomeni di marginalità e bullismo”. È questo che vuole insegnare la storia di Rina?

Questa è una delle sue molteplici chiavi di lettura. Oltre a questo aspetto sociale, è presente nel racconto un forte senso di coscienza ecologica, uno dei pochi tratti che Rina ha conservato della sua mentore Gianna. C’è poi un invito generale a non trarre conclusioni troppo affrettate: Rina ritrova fiducia nel prossimo proprio grazie al più insospettabile dei personaggi, un cinghiale alla ricerca di qualcuno che gli insegni a nuotare!

rina 1
Simone Morini durante la presentazione del libro per bambini in piazza della Giuggiola a Genova
Marta, raccontaci: com’è stato illustrare questa volta il personaggio di una sirena alla ricerca della propria identità?

Il punto di partenza per le illustrazioni è stato il formato del libro: ho pensato che per far risaltare la forma slanciata di una sirena con una lunga coda fosse necessaria una certa verticalità. In seguito, leggendo la storia di Simone, ho immaginato Rina come una sirena diversa rispetto all’immagine classica di queste creature, molto femminili e dai capelli lunghi. Le ho quindi dato una personalità originale, disegnandola con i capelli arruffati e tinti; il suo viso è punteggiato da lentiggini per darle un’aria sbarazzina e la sua pelle è color verde acqua per aiutarla a mimetizzarsi con il colore del mare.

Successivamente mi sono concentrata su quello che sarebbe stato lo sfondo della storia. Volevo che risaltassero i colori e le varietà di paesaggio della riviera ligure grazie ai fondali che raffigurano le tipiche case colorate e le spiagge di ciottoli. Infine non è mancata, come in tutte le mie illustrazioni, la voglia di strappare un sorriso ai lettori con le buffe espressioni dei vari personaggi che si incontrano nel corso della storia.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Patti Digitali: la comunità si unisce per aiutare genitori e figli a rapportarsi con la tecnologia
Patti Digitali: la comunità si unisce per aiutare genitori e figli a rapportarsi con la tecnologia

Educazione democratica nella scuola pubblica, si può fare?
Educazione democratica nella scuola pubblica, si può fare?

Educere: per educare bisogna “tirare fuori” e non inculcare nozioni
Educere: per educare bisogna “tirare fuori” e non inculcare nozioni

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Diritti animali, spiagge depredate e accessibilità – INMR Sardegna #38

|

Nasce un nuovo impianto fotovoltaico collettivo: servirà 75 famiglie

|

La pesca nello Stretto di Messina, tradizionale e sostenibile, diventa presidio Slow Food

|

Discarica di Lentini, tra chiusure e riaperture emerge la gestione dei rifiuti fallimentare in Sicilia

|

Consumi idrici: Italia ai primi posti in Europa per usi agricoli, industriali e domestici

|

Fotovoltaico in casa: è più ecologico vendere o accumulare l’energia in eccesso?

|

In Sardegna la rivolta degli ulivi contro il Tyrrhenian Link ma Todde rimarca: “L’opera è necessaria”

|

Empatia, vita itinerante, mal di denti e revisioni di camper

string(7) "liguria"