25 Giu 2014

Io faccio così #31 – Alessia La Cava e il recup: storie di ordinaria “sopravvivenza urbana”

“Recup”, ovvero recuperare, per evitare gli sprechi, risparmiare, condividere, barattare e vivere meglio.  Alessia La Cava è una giovane mamma romana che ha fatto del recup uno stile di vita, una strategia di “sopravvivenza urbana”. Dagli alimenti del mercato che andrebbero sprecati una spesa a costo zero e cibi trasformati da barattare e donare.

Tutto è iniziato per caso nel gennaio 2011. “Un giorno passando per Campo de’Fiori ho visto a terra cassette piene di zucchine, pomodori, peperoni e melanzane. Ho cominciato così a prendere tutte queste cose che altrimenti sarebbero state gettate via e sono tornata a casa con 15 chili di cose da mangiare”.

Da allora per un anno e mezzo, Alessia è andata ogni giorno a Campo de’ Fiori, all’orario di chiusura del mercato, per fare la spesa a costo zero. Così facendo Alessia recupera alimenti buoni che andrebbero sprecati, fa le conserve per l’inverno e quindi dona o baratta i prodotti che prepara.

8433986524_96ceccc938_b

 “In breve tempo mi sono ritrovata sommersa di cibo, ben al di là delle mie necessità. Ho quindi iniziato a regalarlo e a ‘trasformarlo’, realizzando marmellate, salse e altri prodotti che poi baratto per ottenere quello che mi serve. Sono persino andata a vedere dei concerti offrendo marmellate in cambio del biglietto!”.

Intorno ai mercati ci sono diverse persone che svolgono questa attività di recup.

“Spesso – ci racconta Alessia – chi fa recup viene percepito come un accattone; in realtà io credo che sia un merito recuperare cibo che andrebbe buttato. È immorale lasciarlo marcire o addirittura diventare rifiuto che imgombra le discariche stracolme!”.

“Voglio dimostrare a mia figlia – continua Alessia – che si può vivere una vita che non sia basata sugli sprechi. Questa società è folle, ma non siamo obbligati a seguirne le regole”.

Alessandra Profilio

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città
RePoPP: la lotta allo spreco alimentare diventa un modello per tutta la città

Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico
Il murale che depura l’aria contro spreco alimentare e cambiamento climatico

Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare
Foodbusters, gli acchiappa-cibo in prima linea contro lo spreco alimentare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le conseguenze del tremendo terremoto in Siria e Turchia – #665

|

La Tintoria di Quaregna: quando la tintura naturale trasforma la moda etica – Io Faccio Così #354

|

Destinazione Umana: dall’ispirazione ai viaggi lenti, ecco come cambia (in meglio) il turismo

|

Selvatica, il progetto di Lenor e Marco per far conoscere i benefici dei fermentati

|

I giovani ecologisti della Repubblica Democratica del Congo che proteggono la foresta

|

Autosufficienza Live: come vivere una vita autentica e indipendente

|

Alla chiusura della stagione di caccia il WWF lancia l’allarme su morti e feriti

|

L’effetto biofilia nell’educazione esperienziale, per riavvicinarci al selvatico e alla natura