8 Ago 2014

Premio dei Comuni Virtuosi, aperte le candidature

È aperto ufficialmente il bando per l’ottava edizione del Premio Nazionale dei Comuni virtuosi, promosso dall’Associazione dei Comuni Virtuosi, con […]

Il vincitore della scorsa edizione del Premio Comuni a 5 stelle è stato Montechiarugolo, in provincia di Parma

Il vincitore della scorsa edizione del Premio Comuni a 5 stelle è stato Montechiarugolo, in provincia di Parma


È aperto ufficialmente il bando per l’ottava edizione del Premio Nazionale dei Comuni virtuosi, promosso dall’Associazione dei Comuni Virtuosi, con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

 

Possono concorrere al premio tutti gli enti locali che abbiano avviato politiche di sensibilizzazione e di sostegno alle “buone pratiche locali” con particolare riferimento alle seguenti categorie:

  • gestione del territorio (Opzione cementificazione zero, recupero aree dismesse, progettazione partecipata, bioedilizia, ecc.);
    – impronta ecologica della “macchina comunale” (efficienza energetica, acquisti verdi, mense biologiche, ecc.);
    – rifiuti (raccolta differenziata porta a porta spinta, progetti per la riduzione dei rifiuti e riuso);
    – mobilità sostenibile (car-sharing, car-pooling, traporto pubblico integrato, piedibus, biocombustibili, ecc.);
    – nuovi stili di vita (progetti per promuovere nella cittadinanza scelte quotidiane sobrie e sostenibili, quali: filiera corta, disimballo dei territori, diffusione commercio equo e solidale, autoproduzione, finanza etica, ecc.).

 

Quest’anno è stata introdotta una novità: anche i cittadini possono avanzare la candidatura del proprio comune, segnalando e valorizzando le buone pratiche del proprio territorio. Quest’anno il quotidiano nazionale “La Stampa” sarà il media partner del Premio.

 

Ecco i nomi della giuria di qualità che valuterà i progetti dei comuni partecipanti: Andrea Bertaglio (“La Stampa”), Giovanna Maria Fagnani (“Corriere.it”), Raphael Rossi (esperto ciclo rifiuti), Alberto Robbiati (blogger e scrittore), Alessio Maurizi (“Radio 24”), Andrea Segré (Università di Bologna), Paolo Pileri (Politecnico di Milano), Luca Martinelli (“Altreconomia”), Luca Mercalli (metereologo e climatologo), Massimo Buccilli (A.D. Velux Italia) Marco Boschini (Associazione Comuni Virtuosi).

 

Nella prima settimana di settembre sarà stilata la graduatoria finale indicando le progettualità ed esperienze più significative. Il termine per la presentazione dei progetti è fissato per il 31 agosto 2014. La cerimonia di premiazione avverrà presso il Comune di Agerola (NA) sabato 20 settembre. Il Comune vincitore si aggiudicherà una diagnosi energetica del valore di € 3.500 offerta dal Polo Tecnologico per l’Energia di Trento, sponsor della manifestazione. 

 

Lo scorso anno ad aggiudicarsi il prestigioso premio è stato il comune di Montechiarugolo, in provincia di Parma. Il comune di 10.500 abitanti ha dimostrato infatti una rapida e costante ascesa nella realizzazione di politiche ambientali di assoluta eccellenza, trasversalmente alle cinque linee di intervento previste nel bando.

Per saperne di più leggi:
io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

Articoli simili
PFAS in Veneto: l'inquinamento è sotto controllo?

Pratomagno, parte a giorni la rimozione del vecchio traliccio RAI
Pratomagno, parte a giorni la rimozione del vecchio traliccio RAI

Traino Verde: una giornata contro il consumo di suolo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna