19 Mag 2015

Imbianchino 2.0: salvare l'azienda di famiglia e crearsi un lavoro grazie al web

Scritto da: Laura Pavesi

Salvare dalla crisi la tradizione artigianale italiana può essere possibile grazie al web. A dimostrarlo è una storia che viene […]

Salvare dalla crisi la tradizione artigianale italiana può essere possibile grazie al web. A dimostrarlo è una storia che viene dalla Brianza e che vede come protagonista Diego Mulfari che, ‘trasformando’ il padre nel primo imbianchino 2.0 d’Italia, ha risollevato la piccola azienda di famiglia e trovato un lavoro che lo appassiona. Il suo consiglio ai giovani? “Unite competenze tecniche e abilità emotive, coltivate la resilienza alle difficoltà: i risultati arrivano”

 

Felice e Diego Mulfari

Felice e Diego Mulfari


 

E’ il 2011 e siamo a Besana in Brianza, in Lombardia: la piccola azienda di famiglia è in crisi e i clienti sono sempre meno. Felice Mulfari, imbianchino professionista dal 1970, sta valutando se chiudere o meno l’attività, mentre il figlio Diego ha un lavoro che non valorizza appieno le sue competenze tecniche. Un giorno, arriva l’intuizione: Diego – esperto di web marketing, con Laurea in Comunicazione di Massa e Nuovi Media e Laurea specialistica in Comunicazione ed Editoria Multimediale – decide di provare ad acquisire nuovi clienti abbandonando il tradizionale “passaparola” e imboccando la strada del web.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

 

Diego, infatti, si accorge che esiste un gap informativo sul mondo della tinteggiatura: in internet sono presenti molti forum e siti settoriali, ma non esiste un contenitore di consigli, suggerimenti e pareri dei clienti circa i lavori di tinteggiatura eseguiti dai professionisti. Consapevole dell’importanza e della forza della rete, Diego realizza un blog, un sito web  e una pagina Facebook  dedicate all’attività del padre, trasformandolo nel “primo imbianchino 2.0 d’Italia”.

 

Ad oggi, il blog aziendale conta oltre 100.000 visite dagli utenti del web ed è diventato un punto di riferimento per chi vuole tinteggiare o decorare la casa. La ditta “Mulfari Felice Imbiancature” registra un incremento dei profitti del 20% all’anno ed è passata dal rischio di cessazione attività ad un centinaio di nuovi clienti acquisiti online. Sul web domanda e offerta si incontrano senza filtri e, grazie alle nuove tecnologie, anche le imprese più piccole e tradizionali hanno a disposizione gli stessi strumenti delle multinazionali: le aziende che sanno cogliere queste opportunità hanno, quindi, un prezioso alleato per combattere la crisi e rilanciarsi.

 

Mulfari2Diego si rende conto di quanto sia importante creare e indicizzare al meglio i siti web di artigiani, commercianti e piccole imprese perché è in gioco la loro sopravvivenza e, forte dei risultati ottenuti dall’azienda di famiglia, mette la sua esperienza a disposizione di artigiani e commercianti brianzoli che vogliono trovare nuovi clienti in rete.

 

Oggi lavora come Web Marketing Specialist e SEM/SEO Specialist freelance a tempo pieno ed è riuscito nel triplice obiettivo di far ripartire l’attività di famiglia, crearsi un lavoro autonomo e – cosa senza prezzo – far ritornare la serenità e il sorriso sul volto del padre.

 

Gli abbiamo chiesto di parlarci di questa esperienza positiva, che dà speranza nella ripresa della tradizione artigianale italiana grazie al web e che può essere fonte di ispirazione per tanti artigiani e commercianti che si trovano in difficoltà.

 

Diego, come e quando nasce l’idea di rilanciare l’attività artigianale di tuo padre Felice come “imbianchino digitale 2.0”?

Grazie, innanzitutto, per l’opportunità di raccontare la nostra storia su italiachecambia.org. Dunque, l’idea nasce a gennaio 2012: mio padre si trovava in una fase molto critica dal punto di vista lavorativo e io lavoravo in aziende chiuse al nuovo, in cui non riuscivo a valorizzare le mie competenze e creatività. Abbiamo quindi deciso di unire le nostre forze e di fondare il nostro blog aziendale, mulfarimbianchino.com, che ad oggi conta più di 100.000 visite dagli utenti del web ed oltre 100 clienti acquisiti.

 

Hai risollevato l’attività di famiglia e hai trasformato la tua passione per la rete in un’attività autonoma a tempo pieno. Ci puoi tracciare un brevissimo bilancio di questi primi 3 anni in rete: quali sono stati gli ostacoli e quali le soddisfazioni?

Gli ostacoli sono stati sia dal punto di vista psicologico che di interazione con il vecchio modo di pensare di mio padre: da un lato dovevo, infatti, costantemente auto-motivarmi a percorrere un percorso mai battuto, non sapendo quali fossero i risultati e la giusta via da percorrere. Dall’altro, ho dovuto confrontarmi con mio padre, abituato ad acquisire clienti solo con il vecchio “passaparola”. Ho dovuto, dunque, trasformare mio padre da artigiano a “consulente della decorazione”, oltre ad imparare il linguaggio del web e le tecniche di web marketing per promuovermi online.

 

E quali sono le sfide e gli obiettivi per il futuro?

La sfida per il futuro è duplice: da una parte far crescere la nostra attività di imbianchini, per riuscire a dare lavoro a molti artigiani in difficoltà, dall’altra quella di sensibilizzare i molti lavoratori italiani vittime della crisi economica a credere ancora nel futuro, attraverso il nostro esempio e grazie ad internet. Dare insomma una mano ad erodere il “digital divide” nel nostro Paese, anche grazie alla mia attività di “Digital Champion”  del Comune di Besana in Brianza .

 

“Per concludere, vorrei lasciare un messaggio a tutti i giovani e meno giovani che si sentono sfiduciati per il futuro nel nostro Paese: spegnete la televisione e accendete la fantasia. Guardatevi intorno – spiega Diego – e cercate di percepire come fare innovazione nella vostra area geografica, studiate il web marketing e le tecniche di promozione online e perseverate. Coltivate parallelamente competenze tecniche e abilità emotive: imparate a parlare in pubblico, coltivate la resilienza alle difficoltà che vi si presenteranno e imparate a comunicare efficacemente. E non stancatevi mai di leggere! I risultati arrivano, ve lo assicuro”. 

 

Il blog “Mulfarimbianchino” 
Il sito aziendale “Mulfarimbianchino” 
La pagina Facebook “Mulfarimbianchino”  

 

Per saperne di più leggi:

 

io-faccio-cosi-libro-70810Daniel Tarozzi

Io faccio così
Viaggio in camper alla scoperta dell’Italia che cambia

 

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del lavoro in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Il Pane di Dante: in Appennino sta succedendo qualcosa!
Il Pane di Dante: in Appennino sta succedendo qualcosa!

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”
La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali
Busket, la start-up che sostiene e mette in rete i panificatori artigianali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani