22 Giu 2015

Colombia: olio di cacay contro povertà e deforestazione

Scritto da: Marco Fossi

Arriva l’estate, e le buone notizie diventano più leggere. Questa è la storia di come ci possano essere storie confortanti […]

cacay-seeds-oil-e1429782902304Arriva l’estate, e le buone notizie diventano più leggere. Questa è la storia di come ci possano essere storie confortanti anche nei posti più bui, come la Colombia, di solito nota alle cronache per i ribelli antigovernativi o il traffico di cocaina.

 

Invece una fonte insperata di ricchezza si è rivelato l’albero del cacay (per i pignoli: Caryodendron orinocense K.) che produce noci ricche di un olio cosi prezioso per la pelle che oggi viene venduto persino da Harrod’s a Londra. Il nome, in italiano, non genera grandi ispirazioni. Ma, fonemi a parte, la buona notizia è un’altra.


Quello che conta, però è che le coltivazioni di cacay stanno spingendo molti contadini colombiani a coltivare aree più povere e a convertire aree prima destinate all’allevamento del bestiame o del tutto non coltivate.

 

Ogni noce di quest’albero contiene tre semi, grandi circa come una noce. Finora alcuni contadini usavano quest’albero per ottenere mangime per le mucche. Ma la sete di bellezza globale ha aperto loro una nuova prospettiva.

 

Per chi volesse provarne le proprietà antiossidanti, l’olio di cacay è arrivato anche in Italia, ma bisogna andarlo a cercare: lo distribuisce la Kahai Co. di Bogotá, che ha come missione quella di promuovere uno sviluppo alternativo in Colombia sostenibile e duraturo (e non illegale).

 

Al momento, il cacay è raccolto prevalentemente da piante spontanee, e sostiene 200 famiglie nella zona del conflitto. I programmi sono di riforestare 5 mila ettari attualmente devastati nella regione amazzonica della Colombia con gli alberi di cacay.
Così, dopo secoli di uso indigeno (i nativi della Colombia del sud lo usano per curare le ferite) e grazie alla voglia di bellezza globale, forse da oggi il cacay servirà anche alla riforestazione dell’Amazzonia e al reddito dei colombiani più poveri. Chi lo sa, forse il famoso olio di Argan ha i giorni contati…

 

 

Articoli simili
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica
Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica

Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici
Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il vertice sul clima COP 27 si avvicina, come ci arriviamo? – Io Non Mi Rassegno #592

|

Nicola e Zenia e il loro viaggio in camper “fuori rotta” per abbattere le barriere fra disabilità e turismo

|

Alpe Pianello, sul lago Maggiore un ecovillaggio per costruire una comunità accogliente e consapevole

|

“Durante i nostri viaggi in Africa abbiamo dato vita a una linea cosmetica artigianale ed equosolidale”

|

Festival Antispecista ed Ecologista: il primo grande evento intersezionale che parla di diritti e sostenibilità

|

Da Albenga a Capo Nord in bici: ecco il viaggio di Emanuele Mei

|

We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa

|

Sognitudo, in Puglia avanza il cambiamento all’insegna di sostenibilità e consapevolezza