9 Giu 2015

Cyclolenti in Turchia: il venditore di fragole

Scritto da: CycloLenti

Era da tempo che lo stress della strada non ci preannunciava l’arrivo in una grande città. Tunnel, lavori in corso, […]

Era da tempo che lo stress della strada non ci preannunciava l’arrivo in una grande città. Tunnel, lavori in corso, strade ad alta percorrenza, macchine che ci sfiorano, ci stiamo avvicinando alla Miami turca : Antalya. Uno dopo l’altro, grossi complessi alberghieri occupano tutta la costa che antecede la città. Ogni tanto una piccola stradina tra gli alti muri che delimitano le proprietà sono gli unici accessi disponibili lasciati a chi non è «cliente ».

 

 

La costa dı Çırali vısta da Antalya

La costa dı Çırali vısta da Antalya


 

Le ragioni economiche vanno ogni oltre immaginazione e logica ed ecco che spuntano numerosi negozi che vendono pellicce in piena estate ai turisti che per la maggior parte qui sono russi. Toygun e Sevgi sono alla loro prima esperienza warmshower, ma non lo dimostrano affatto. Capiscono immediatamente i nostri bisogni e non facciamo in tempo a mettere piede in casa che ci mostrano la doccia. Forse anche perché non emaniamo proprio degli odori profumati.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Sevgi e Toygun sono vegani e nonostante la colazione tradizionale turca sia a base di yogurt, uova, formaggio e miele, è possibile trovare un sostituto per ogni alimento e così….olive, crema di noccioline, crema di semi di papavero, farina di ceci al posto delle uova per la frittata e via discorrendo.

 

Sevgi ci accompagna pazientemente per la megalopoli, cerchiamo pezzi di ricambio per le nostre compagne di viaggio. Poi tutti insieme andiamo nella città vecchia per un aperitivo nel bar in cui si sono conosciuti e hanno lavorato. Ci raggiunge anche il loro amico siriano, con lui, Sevgi, sta progettando di aprire il primo ristorante/fast-food vegano di Antalya. Ci salutiamo che la mattina ci fanno una dimostrazione pratica del mio piatto preferito di questi giorni : hamburger vegani a base di rapa rossa. Ci lasciano la ricetta, oltre a qualche hamburger per il pranzo di oggi.

 

Gli hamburger vegani in preparazione

Gli hamburger vegani in preparazione


 

Sono grosse e belle rosse queste fragole. Sulla strada per Side, ogni 300mt c’è un venditore ambulante che espone la propria mercanzia. Ogni volta che ne superiamo uno la bava aumenta. Provengono dalle serre qui accanto, lo sappiamo, ma con il caldo soffocante di oggi e la voglia di qualcosa di fresco cediamo alla tentazione. Nekadar ? (Quanto costa?) bisogna sempre domandare per non avere brutte sorprese alla fine.

 

Una lampadina si accende nella sua testa…  mhh turisti » leggo perfettamente l’espressione del suo viso che non riesce a nascondere quello che sta pensando. « 10 lire la cassetta da 1kg » risponde. Troppo caro, le ho viste al supermercato a 5lt al kg e queste sono vendute senza intermediari. Facciamo per andare (strategia che di solito funziona)… « aspettate, aspettate…6lire » Non cedo.. « ok 5lire ». I ragazzi di Antalya ce l’avevano detto : contrattare in Turchia fa parte della tradizione.

 

Serkan, il nostro prossimo warmshower di Side, ci sta seguendo sulla mappa on line con la posizione in tempo reale del nostro Spot e ci manda messaggi con indicazioni stradali ed incoraggiamenti : « ci siete quasi…al semaforo girate a destra….vi aspetta una bella birra fresca, lo meritate !… ».

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Viaggio tra gli eremiti d’Italia #13 – “Quel tipo è diverso! Non lavora!”
Viaggio tra gli eremiti d’Italia #13 – “Quel tipo è diverso! Non lavora!”

Il futuro della montagna passa da Oltreterra
Il futuro della montagna passa da Oltreterra

La Fattoria Poggio di Dante, tra nuovi progetti e sogni di vacanze… al contrario!
La Fattoria Poggio di Dante, tra nuovi progetti e sogni di vacanze… al contrario!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

Creative Mornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini