25 Ago 2015

Il centro si fa bello: riqualificazione urbana e partecipazione

Scritto da: Daniela Bartolini

Ancora quattro giorni per partecipare al processo di riqualificazione del Centro storico di Bibbiena.

Salva nei preferiti

Fino al 29 agosto sarà possibile partecipare al processo di riqualificazione del Centro Storico di Bibbiena, votando il progetto, l’idea che più si avvicina alle esigenze del centro storico.

Un progetto partecipativo che vuole coinvolgere gli abitanti nelle decisioni amministrative, una strada sempre più frequentata dalle amministrazioni pubbliche, per coinvolgere, condividere le decisioni che ci riguardano da vicino ed in questo caso, modificano gli spazi che abitiamo.

Il centro si fa bello è un concorso di idee che ha portato ben nove progetti all’attenzione del Comune di Bibbiena.
Tutti i progetti prevedono una riqualificazione architettonica ed ambientale del centro che esalti i valori storico-artistici, culturali e sociali del nucleo urbano antico e che tiene in considerazione chi di questi spazi usufruisce. I residenti, esaltando il senso di identità del centro storico ed ampliando le aree verdi; i commercianti, cercando di risolvere una delle criticità principali: coniugare la mobilità interna con le esigenze di chi ha la propria attività in centro e necessita della possibilità di sosta da parte degli utenti; i turisti, creando uno spazio accogliente, vivibile e che renda più visibili i tanti luoghi di interesse presenti, attraverso percorsi che ogni progetto interpreta in modo originale. Percorsi visivi con illuminazione notturna, percorsi fotografici che invitano ad un viaggio orientato, spazi informativi innovativi all’aperto.

Piazza Tarlati, la terrazza panoramica e la “piazzolina” sono i luoghi che più risultano esaltati dai progetti, riconquistando il loro ruolo aggregativo e funzionale in una città che per la sua posizione si pone come luogo centrale del Casentino e luogo di socializzazione per tutta la vallata.

Le tavole grafiche originali e le relazioni relative alle idee progettuali dal 27 luglio sono esposte presso la sala ubicata al secondo piano del Palazzo Comunale, all’Ufficio Urbanistica e dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 13.00 possono essere votate attraverso una scheda predisposta dalla giuria del concorso. Ogni cittadino potrà esprimere una sola preferenza, esibendo un documento di riconoscimento.
Con la votazione saranno decretati i tre progetti ritenuti migliori dai quali, poi, l’amministrazione riprenderà le idee per la realizzazione del nuovo arredo urbano.
Da questo percorso partecipato scaturirà dunque una nuova veste per il centro storico di Bibbiena, ma anche una progettualità più ampia di riorganizzazione del centro, sia in termini estetici che funzionali alle varie attività.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Riuso transitorio e rigenerazione urbana: un corso per i “professionisti” della città
Riuso transitorio e rigenerazione urbana: un corso per i “professionisti” della città

Casa Sole, la casa in paglia ispirata ai principi di permacultura
Casa Sole, la casa in paglia ispirata ai principi di permacultura

La High Line di New York, il progetto pionieristico di una ferrovia in disuso trasformata in parco pubblico
La High Line di New York, il progetto pionieristico di una ferrovia in disuso trasformata in parco pubblico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "casentino"