19 Ott 2015

Anziani e giovani: ecco il progetto che li fa incontrare

Scritto da: Marco Fossi

Anziani e giovani trovano sempre più momenti di dialogo e di scambio. Nella città olandese di Deventer, il centro Humanitas permette ai giovani studenti di soggiornare insieme ai pensionati, con un reciproco scambio di compagnia, assistenza, insegnamenti e condivisione. Un modo per colmare il gap generazionale e aiutare anche economicamente categorie in difficoltà.

Anziani e giovani sono da sempre considerate fasce lontane l’una dall’altra, per via non solo dell’età ma anche degli spazi e dei momenti passati insieme. Una volta succedeva spontaneamente: dove va a vivere il giovane universitario fuori sede? A casa della vecchia zia che sta proprio nella stessa città dove lui andrà a studiare. Oggi, complice un preoccupante assottigliamento delle vecchie zie, bisogna riscoprire ex lege quello che il buon senso intergenerazionale aveva sempre dato per scontato.

 

humanitas

 

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

E in Olanda (i soliti nordeuropei avanzati), per la precisione a Deventer, nel centro di assistenza per anziani Humanitas gli studenti possono soggiornare gratis in cambio di 30 ore settimanali di compagnia e supporto degli anziani ospiti. Trenta ore non sono tantissime: un po’ meno di un part time, cinque ore al giorno, come dire dalle 9 alle 11 e poi dalle 17 all’ora di cena. Un affare, in fondo, perché il caro affitti affligge pure il nord Europa, e un affitto li tallona i 400 euro al mese.

 

I ragazzi insegnano l’uso delle e-mail, navigare su internet o come passare il tempo agli anziani ospiti. I quali (complice la drastica diminuzione dei nipotini dovuta al crollo delle nascite), sono molto contenti di chiacchierare coi ragazzi. E in più questo mélange generazionale apre nuove prospettive alle giovani generazioni più intraprendenti. Tipo, trovare una zia ricca e sola, senza eredi, che veda nel giovane virgulto un perfetto erede da adottare…. Un perfetto strumento di ridistribuzione del reddito tra generazioni, non è vero?

 

Vuoi cambiare la situazione
della disabilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità
Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

A Torino nascono i parcheggi “intelligenti” per le persone con disabilità
A Torino nascono i parcheggi “intelligenti” per le persone con disabilità

Disability Pride: a Roma si celebrano i diritti e le diversità
Disability Pride: a Roma si celebrano i diritti e le diversità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

CreativeMornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini