19 Ott 2015

Anziani e giovani: ecco il progetto che li fa incontrare

Scritto da: Marco Fossi

Anziani e giovani trovano sempre più momenti di dialogo e di scambio. Nella città olandese di Deventer, il centro Humanitas permette ai giovani studenti di soggiornare insieme ai pensionati, con un reciproco scambio di compagnia, assistenza, insegnamenti e condivisione. Un modo per colmare il gap generazionale e aiutare anche economicamente categorie in difficoltà.

Salva nei preferiti

Anziani e giovani sono da sempre considerate fasce lontane l’una dall’altra, per via non solo dell’età ma anche degli spazi e dei momenti passati insieme. Una volta succedeva spontaneamente: dove va a vivere il giovane universitario fuori sede? A casa della vecchia zia che sta proprio nella stessa città dove lui andrà a studiare. Oggi, complice un preoccupante assottigliamento delle vecchie zie, bisogna riscoprire ex lege quello che il buon senso intergenerazionale aveva sempre dato per scontato.

 

humanitas

 

E in Olanda (i soliti nordeuropei avanzati), per la precisione a Deventer, nel centro di assistenza per anziani Humanitas gli studenti possono soggiornare gratis in cambio di 30 ore settimanali di compagnia e supporto degli anziani ospiti. Trenta ore non sono tantissime: un po’ meno di un part time, cinque ore al giorno, come dire dalle 9 alle 11 e poi dalle 17 all’ora di cena. Un affare, in fondo, perché il caro affitti affligge pure il nord Europa, e un affitto li tallona i 400 euro al mese.

 

I ragazzi insegnano l’uso delle e-mail, navigare su internet o come passare il tempo agli anziani ospiti. I quali (complice la drastica diminuzione dei nipotini dovuta al crollo delle nascite), sono molto contenti di chiacchierare coi ragazzi. E in più questo mélange generazionale apre nuove prospettive alle giovani generazioni più intraprendenti. Tipo, trovare una zia ricca e sola, senza eredi, che veda nel giovane virgulto un perfetto erede da adottare…. Un perfetto strumento di ridistribuzione del reddito tra generazioni, non è vero?

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Dai contributi per patenti per disabili al trasporto pubblico: la mobilità accessibile in Liguria
Dai contributi per patenti per disabili al trasporto pubblico: la mobilità accessibile in Liguria

Il forno di Vincenzo: un progetto di comunità è la risposta alla X Fragile
Il forno di Vincenzo: un progetto di comunità è la risposta alla X Fragile

HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo
HandiCREA e il sogno di Graziella Anesi di un turismo accessibile e inclusivo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Aurore boreali, Sar, che succede ai nostri cieli? – #937

|

La VegToria, la nuova fattoria vegana sulle alture di Genova

|

Olga Karatch: “Contro la guerra patriarcale, dobbiamo dare voce alle donne per la pace”

|

WWOOFing all’Ecosfera: un viaggio alla scoperta della permacultura e di connessioni umane

|

Favola Industriale Blues: con l’arte si racconta cosa accade intorno al polo petrolchimico di Siracusa

|

Dalla Sardegna arriva l’intelligenza artificiale locale e sostenibile che “parla” con le piante

|

Mindful eating: l’approccio a un’alimentazione consapevole promosso da Marina e Paola

|

A Capaci nasce MuST23, un museo interattivo come luogo di riscatto civile e sociale

string(9) "nazionale"