4 Nov 2015

L'allevamento del futuro, con-vivere con la natura e gli animali

Scritto da: Roberto Vietti

Comprendere la sensibilità degli animali per allevarli nel rispetto dell’ambiente e delle loro esigenze. È questo il tema centrale del testo “Con-vivere, l’allevamento del futuro” scritto da Carla De Benedictis, Francesca Pisseri, Pietro Venezia, tre veterinari che hanno unito le loro esperienze grazie a un obiettivo comune: lasciare ai loro figli la speranza di un mondo migliore che sappia con-vivere con la natura e gli animali.

con-vivere-l-allevamento-del-futuro-libro-87084Il rapporto tra uomo e animali è tanto complesso quanto estremamente affascinante. Nel corso della storia esso si è trasformato: evoluto in certi casi come regredito in altri. Così come diceva M. Gandhi, “grandezza e progresso morale di una nazione si possono giudicare dal modo in cui tratta gli animali”.

 

In questo senso Con-vivere, l’allevamento del futuro tende verso una evoluzione del rapporto dell’uomo con l’animale e allo stesso tempo con sé stesso. Il libro tratta in modo attento e sistemico il rapporto tra uomo e animali d’allevamento, concentrandosi in particolare sulla comprensione della sensibilità degli animali per allevarli nel rispetto dell’ambiente e delle loro esigenze.

 

Visione, passione, dedizione e prospettiva. Queste sono le prime quattro parole che mi vengono in mente pensando al libro che ho appena terminato di leggere.

 

“Visione” è l’aspetto preponderante sin dalle prime righe: la forte necessità di approcciarsi all’argomento in modo sistemico, valutando tutte le possibili connessioni presenti negli allevamenti per valutare attraverso un approccio olistico ogni singolo elemento in gioco. Non a caso i concetti di permacultura, agricoltura sinergica e biologica compaiono nella lettura dell’opera, che tuttavia cerca sempre di allargare i concetti ad una visione più ampia possibile, volta al rispetto per tutto, animato o inanimato che sia.

 

cow closeup“Passione” si rivela ad ogni parola scritta dagli autori. Considerata la visione così chiara e rispettosa verso gli animali non potrebbe essere diversamente. Quel che più sorprende è il porsi sempre dal lato dell’animale che viene allevato e non dal punto di vista dell’allevatore. Possedere una simile concezione permette di porre in essere una situazione in cui il benessere viene diffuso ad ampio raggio: animali, persone, ambiente e territorio possono trarne giovamento in egual misura.

 

“Dedizione” è osservazione attenta, interesse, abnegazione ed è quel che i tre autori portano con sé e condividono con il mondo in questa opera, che può divenire la base futura sul quale impostare il modo di rapportarsi tra gli uomini e gli animali.

“Prospettiva” futura, ma anche presente. Il titolo del libro ci parla dell’allevamento del futuro, ma come ben descritto vi sono già molti illuminati in Italia e nel mondo che adottano pratiche diverse, etiche e volte al benessere di tutti.

 

Lasciatevi sorprendere dalla lettura di quest’opera, per con-vivere al meglio con gli animali e con voi stessi.

 

 

 

 

Per saperne di più leggi:

 


con-vivere-l-allevamento-del-futuro-libro-87084Pietro Venezia, Francesca Pisseri, Carla De Benedictis

ConVivere
L’Allevamento del Futuro

 

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Le aziende del territorio sperimentano l’apicoltura sociale con i rifugiati
Le aziende del territorio sperimentano l’apicoltura sociale con i rifugiati

Il pastore Marco Scolastici: una yurta sull’Appennino ed un ritorno consapevole alle origini – Piccoli produttori #7
Il pastore Marco Scolastici: una yurta sull’Appennino ed un ritorno consapevole alle origini – Piccoli produttori #7

Dalle aule di ingegneria alla vita nella natura: l’apicoltore Luca Bianchi – Piccoli produttori #3
Dalle aule di ingegneria alla vita nella natura: l’apicoltore Luca Bianchi – Piccoli produttori #3

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Intelligenza artificiale è fra noi – #634

|

Dal porto di Genova stanno transitando sempre più armamenti: cosa sta succedendo?

|

Una Talent House per coltivare il capitale umano e riscrivere la narrazione delle aree interne – Io Faccio Così #349

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6