24 Nov 2015

La Marcia Globale per il clima ad Arezzo

Scritto da: Daniela Bartolini

Il 29 novembre alle ore 15 anche ad Arezzo la grande Marcia Globale per il Clima per far arrivare la nostra voce sino a Parigi.

Salva nei preferiti

Mancano poco più di cinque giorni alla grande marcia per il clima!
Il 30 novembre leader politici da tutto il mondo si incontreranno a Parigi per iniziare i negoziati per il prossimo accordo sul clima. Da tempo su Avaaz, “il grande movimento che porta e fa valere la voce dei cittadini nelle stanze della politica” attraverso petizioni nella sua piattaforma online, milioni di persone si incontrano virtualmente sul tema del cambiamento climatico. Unione che nel settembre del 2014 ha dato origine alla più grande marcia per il clima di tutti i tempi.
Da mesi si sta organizzando la grande Marcia Globale per il Clima per il 28 e 29 novembre, i giorni precedenti all’incontro di Parigi, per chiedere ai nostri rappresentanti politici di impegnarsi a raggiungere un accordo forte e risolutivo per la salvaguardia del pianeta.
La società civile può così cercare di influenzare e sensibilizzare i lavori della COP21, la XXI Conferenza delle parti che lavorerà fino all’11 dicembre per formalizzare un accordo condiviso e accettato da tutte le nazioni partecipanti, che vincoli tutti ad azioni precise per risolvere i problemi del cambiamento climatico in atto.

La manifestazione si sarebbe dovuta svolgere a Parigi ma è arrivato il divieto dopo gli ultimi tragici fatti. Adesso la marcia va avanti nelle piazze di tutto il mondo.

Anche Arezzo sarà una delle piazze teatro di questa marcia pacifica. Partenza domenica 29 novembre da piazza Guido Monaco alle ore 15 per attraversare piazza Grande e piazza Sant’Agostino, con indosso qualcosa di verde per simboleggiare l’amore e l’attenzione per la salute del Pianeta che ci ospita e nutre.
E’ importante divulgare, essere in tanti per far sentire forte la nostra voce.
Puoi segnalare la tua presenza su Avaaz cliccando qui.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Sanità e diritto alla cura: cronache da un’Ogliastra che vuole vivere, non sopravvivere
Sanità e diritto alla cura: cronache da un’Ogliastra che vuole vivere, non sopravvivere

Treat It Queer Foundation: l’arte per combattere l’invisibilità sanitaria
Treat It Queer Foundation: l’arte per combattere l’invisibilità sanitaria

Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani
Con Prodor alla scoperta del mondo dei fermenti vegani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "casentino"