11 Gen 2016

Ortociclo: la spesa in bicicletta, dall'orto a casa nostra

Scritto da: Annalisa Fabbri

I prodotti dell'orto si ordinano online e arrivano direttamente a domicilio in sella ad una bicicletta. Partito qualche mese fa a Brescia, il progetto Ortociclo è stato ideato da Andrea Morandi che circa un anno fa ha rivoluzionato la sua vita inventandosi un lavoro.

Lui si chiama Andrea Morandi, un trentenne di Brescia con un passato da geometra che da circa un anno a questa parte ha deciso di rivoluzionare la sua vita inventandosi un lavoro che potesse coniugare un modello di vita più sano con le sue idee di incentivazione dei prodotti vegetali a scapito di quelli animali.

 

Nel città di Brescia, due giorni alla settimana, in sella ad una bicicletta speciale, consegna a domicilio frutta, verdure, spezie e altri prodotti come per esempio farine speciali, pasta e legumi rigorosamente Bio.
“Era un’idea innovativa, e all’inizio non è stata priva di difficoltà” racconta Andrea “Ma ancora in zona ci sono agricolture che rispettano la maturazione naturale dei prodotti e che non usano agenti chimici per alterarne le qualità o accelerarne la crescita”.

 

10478434_987961021234459_4396377896809361042_n

Prendendo contatti con diverse aziende agricole, è riuscito quindi a costruire un’ampia proposta di prodotti che sono facilmente visibili sul sito Ortociclo.it  dal quale si effettuano le ordinazioni con la totale trasparenza per quanto riguarda prezzi e provenienza degli stessi.

“Il riscontro è molto positivo” continua Andrea “Al momento più conosciuta da privati non si esclude in un futuro anche il coinvolgimento delle attività di ristorazione locali”.
Un ragazzo che ha saputo reinventarsi e crearsi un lavoro che lo appaga totalmente, che gli permette di condividere e discutere con un numero sempre maggiore di persone i suoi ideali che vanno di pari passo con un’alimentazione più sana e naturale possibile.

 

 

Visualizza Ortociclo sulla Mappa dell’Italia che Cambia! 

 

 

 

Articoli simili
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica
Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica

Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici
Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale