27 Apr 2016

Un’area per gli amici a quattro zampe

Scritto da: Daniela Bartolini

Nascerà a Bibbiena Stazione la prima area per cani in Casentino. Quasi mille metri quadrati per correre, giocare, socializzare.

Salva nei preferiti

In estate sarà inaugurata a Bibbiena Stazione un’area dedicata agli amici a quattro zampe, un’”area di sgambamento”, come viene comunemente definita. 900 metri quadrati recintati con rete a maglia sciolta, due ingressi e cartellonistica con regolamento, per venire incontro alle richieste dei cittadini che lamentavano la mancanza di un luogo dedicato. Uno spazio importante anche in un ambiente come il Casentino, dove i percorsi da fare in compagnia dei nostri amici a quattro zampe certamente non mancano.

Le aree dedicate ai cani infatti non sono per gli animali solo aree protette in cui giocare fuori dai pericoli ma anche un fondamentale spazio di socializzazione. Il cane è un animale sociale, la sua salute, fisica e psicologica, dipende molto dalla sua relazione con i suoi simili e con l’uomo. Conoscere altri cani e altre persone lo rende più felice e più equilibrato. L’area cani rappresenta un contesto sicuro in cui sperimentare queste relazioni; il cane può accedervi senza guinzaglio e approcciarsi agli altri cani più liberamente, imparare a gestire il rapporto con loro e con persone nuove oltre che divertirsi e sfogare le energie giocando.
Ed ovviamente è un luogo di socializzazione anche per gli umani.

L’area sorgerà all’interno del parco del centro sociale di Bibbiena Stazione, oggetto di un progetto di recupero e di riqualificazione che prevede ampi parcheggi, fontane e spazi aperti, fruibili anche in modi diversi.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Rete dei Santuari di Animali Liberi: un altro modo di relazionarci con loro è possibile
Rete dei Santuari di Animali Liberi: un altro modo di relazionarci con loro è possibile

La storia di Rosario Balestrieri: il primo ornitologo del Dohrn racconta le sue difficoltà di DSA
La storia di Rosario Balestrieri: il primo ornitologo del Dohrn racconta le sue difficoltà di DSA

Animali come noi – Per una vita umana che non sia basata sul dolore
Animali come noi – Per una vita umana che non sia basata sul dolore

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(9) "casentino"