27 Apr 2016

Un’area per gli amici a quattro zampe

Scritto da: Daniela Bartolini

Nascerà a Bibbiena Stazione la prima area per cani in Casentino. Quasi mille metri quadrati per correre, giocare, socializzare.

In estate sarà inaugurata a Bibbiena Stazione un’area dedicata agli amici a quattro zampe, un’”area di sgambamento”, come viene comunemente definita. 900 metri quadrati recintati con rete a maglia sciolta, due ingressi e cartellonistica con regolamento, per venire incontro alle richieste dei cittadini che lamentavano la mancanza di un luogo dedicato. Uno spazio importante anche in un ambiente come il Casentino, dove i percorsi da fare in compagnia dei nostri amici a quattro zampe certamente non mancano.

Le aree dedicate ai cani infatti non sono per gli animali solo aree protette in cui giocare fuori dai pericoli ma anche un fondamentale spazio di socializzazione. Il cane è un animale sociale, la sua salute, fisica e psicologica, dipende molto dalla sua relazione con i suoi simili e con l’uomo. Conoscere altri cani e altre persone lo rende più felice e più equilibrato. L’area cani rappresenta un contesto sicuro in cui sperimentare queste relazioni; il cane può accedervi senza guinzaglio e approcciarsi agli altri cani più liberamente, imparare a gestire il rapporto con loro e con persone nuove oltre che divertirsi e sfogare le energie giocando.
Ed ovviamente è un luogo di socializzazione anche per gli umani.

L’area sorgerà all’interno del parco del centro sociale di Bibbiena Stazione, oggetto di un progetto di recupero e di riqualificazione che prevede ampi parcheggi, fontane e spazi aperti, fruibili anche in modi diversi.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Articoli simili
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso

Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo
Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo

La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari
La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne