27 Apr 2016

Un’area per gli amici a quattro zampe

Scritto da: Daniela Bartolini

Nascerà a Bibbiena Stazione la prima area per cani in Casentino. Quasi mille metri quadrati per correre, giocare, socializzare.

In estate sarà inaugurata a Bibbiena Stazione un’area dedicata agli amici a quattro zampe, un’”area di sgambamento”, come viene comunemente definita. 900 metri quadrati recintati con rete a maglia sciolta, due ingressi e cartellonistica con regolamento, per venire incontro alle richieste dei cittadini che lamentavano la mancanza di un luogo dedicato. Uno spazio importante anche in un ambiente come il Casentino, dove i percorsi da fare in compagnia dei nostri amici a quattro zampe certamente non mancano.

Le aree dedicate ai cani infatti non sono per gli animali solo aree protette in cui giocare fuori dai pericoli ma anche un fondamentale spazio di socializzazione. Il cane è un animale sociale, la sua salute, fisica e psicologica, dipende molto dalla sua relazione con i suoi simili e con l’uomo. Conoscere altri cani e altre persone lo rende più felice e più equilibrato. L’area cani rappresenta un contesto sicuro in cui sperimentare queste relazioni; il cane può accedervi senza guinzaglio e approcciarsi agli altri cani più liberamente, imparare a gestire il rapporto con loro e con persone nuove oltre che divertirsi e sfogare le energie giocando.
Ed ovviamente è un luogo di socializzazione anche per gli umani.

L’area sorgerà all’interno del parco del centro sociale di Bibbiena Stazione, oggetto di un progetto di recupero e di riqualificazione che prevede ampi parcheggi, fontane e spazi aperti, fruibili anche in modi diversi.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo