24 Ago 2016

Le energie rinnovabili crescono ancora, anche in Italia!

Scritto da: Elena Risi

Continua a crescere la percentuale del fabbisogno energetico mondiale soddisfatto da fonti rinnovabili, aumentato del 3,8% nel 2015. Anche l'Italia sta seguendo questa tendenza, a volte superando addirittura gli obiettivi 20-20-20 imposti dall'Unione Europea, come sottolinea anche uno studio di Legambiente.

Il pianeta si affida sempre più spesso all’impiego di energie rinnovabili. Lo dice l’ultimo studio della IEA, International Energy Agency (Agenzia Internazionale dell’Energia) che nel mondo ne stima una crescita pari al 2,6% tra il 2013 e il 2014 e del 3,8% tra 2014 e 2015 nei paesi OSCE (Organization for Security and Co-operation in Europe  – Organizzazione Mondiale per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa).

 

rinnovabili

Dai grafici dell’Agenzia risulta che nel 2014 le rinnovabili rappresentavano il 13,8% delle forniture globali di energia primaria e di questa percentuale oltre il 10% era coperto da biogas e biomasse solide. I continenti maggiormente interessati dall’incremento dell’uso delle rinnovabili sono senza dubbio l’Africa e l’Asia, dove rispettivamente una metà e un quarto dell’energia consumata proviene da fonti energetiche pulite.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

 

L’idroelettrico è il settore in pole position nella crescita, basti pensare che nei paesi OSCE  il fotovoltaico è cresciuto con una media del 44% annuo dal 1990 al 2015. Per quanto riguarda l’Italia, a fine giugno il Gestore Servizi Energetici (GSE) ha pubblicato la nota “Energia da fonti rinnovabili nelle Regioni e nelle Province autonome italiane” che ha evidenziato un consistente sviluppo dei consumi di energia proveniente da questo tipo di sorgenti – il 6,8% – tra il 2012 e il 2013 e una lieve flessione – dell’1,6% – nel 2014.

 

Dal documento è emerso come ogni regione sfrutti le proprie specificità climatiche. Gli impianti idroeletttrici sono diffusi soprattutto nel Settentrione, gli impianti eolici si concentrano nel Meridione (specie in Puglia) e la risorsa geotermica è utilizzata prevalentemente in Toscana. Dallo studio è emerso inoltre come molte regioni abbiano già superato gli obiettivi del 20-20-20 assegnati dall’Unione Europea.

 rinnovabili_africa

Anche secondo Legambiente, l’Italia sta diventando sempre più “green”. Nella ricerca “Comuni Rinnovabili 2016” viene messo in luce che negli ultimi 10 anni i comuni che hanno installato almeno un impianto dipendente da fonti rinnovabili sono passati da 356 a 8047. Si può dedurre quindi che il mercato sta cambiando molto velocemente ed “è spinto – si legge – da investimenti e innovazioni nelle fonti rinnovabili”.

 

D’altronde, nella spinta propulsiva al cambiamento non c’è più l’Europa in testa e in Asia e Centro America la crescita galoppa a ritmi decisamente più incalzanti. L’Italia si attesta comunque su risultati positivi e spicca per esperienze di innovazione molto interessanti anche a livello mondiale. Tra i protagonisti di questa piccola rivoluzione silenziosa, ci sono l’iniziativa personale e l’intuito dei tanti enti locali e delle numerose imprese che, a poco a poco, stanno cambiando il paese.

 

Articoli simili
A rischio il progetto dell’impianto geotermico in Val di Paglia
A rischio il progetto dell’impianto geotermico in Val di Paglia

Ecco cosa manca perché le comunità energetiche siano davvero una rivoluzione
Ecco cosa manca perché le comunità energetiche siano davvero una rivoluzione

Da Magliano Alpi a tutta Italia: i piccoli paesi diventano padroni della propria energia grazie alle comunità energetiche
Da Magliano Alpi a tutta Italia: i piccoli paesi diventano padroni della propria energia grazie alle comunità energetiche

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne