5 Set 2016

Clima: Usa e Cina ratificano l'accordo di Parigi

Scritto da: Redazione

Usa e Cina hanno aderito formalmente all'accordo sul clima siglato a Parigi per la riduzione dei gas serra ed il contenimento del riscaldamento globale. Dall'Unione europea, invece, “un silenzio assordante”.

La Cina e gli Stati Uniti hanno ratificato laccordo sul clima , raggiunto a dicembre al termine della COP21 di Parigi. L’annuncio è arrivato in una dichiarazione congiunta rilasciata dal presidente americano Barack Obama e dal presidente cinese Xi Jinping alla vigilia dell’apertura del vertice del G20 di Hangzhou .

I due leader hanno simbolicamente consegnato al Segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon i documenti in cui si notifica l’adesione dei rispettivi Paesi al trattato che mira a contenere il riscaldamento climatico sotto la soglia critica di 2 o 1,5 gradi in rapporto al livello pre-industriale.

shutterstock_88741558

Usa e Cina si impegnano così a intraprendere i passi necessari “per onorare” l’accordo di Parigi che fissa i target sulla riduzione delle emissioni responsabili dell’effetto serra per ogni singolo Paese.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Da sole, le due grandi potenze mondiali rappresentano il 38% delle emissioni globali di gas serra. La decisione rappresenta dunque un importante passo avanti nell’attuazione del testo che potrebbe entrare in vigore alla fine di quest’anno, molto prima dei tempi previsti inizialmente. L’accordo sarà infatti operativo quando verrà ratificato da almeno 55 paesi che producono un totale del 55% delle emissioni globali.

Prima degli Stati Uniti e della Cina, solo 24 nazioni che rappresentano poco più dell’1 per cento delle emissioni globali hanno ratificato l’accordo. Si tratta per lo più di piccoli stati insulari molto a rischio per la crescita del livello delle acque oceaniche e che rappresentano solo l’1,08% delle emissioni.

Secondo il WWF l’annuncio congiunto dei due più grandi emettitori di carbonio del mondo, Cina e Stati Uniti, che hanno formalmente aderito all’accordo globale sul clima di Parigi invia un potente segnale sul fatto che si prospetta una reale azione globale sul cambiamento climatico.

“La ratifica di USA e Cina rende ancor più assordante il silenzio della Unione Europea”, dichiara la responsabile Clima ed Energia del WWF Italia Mariagrazia Midulla che conclude: “L’Europa deve recuperare un ruolo nella decarbonizzazione, pena l’irrilevanza. E deve rendere possibile l’entrata in vigore dell’accordo entro l’anno con maggiori speranze di riuscire a limitare il riscaldamento globale a 1,5°C”.

“L’attuazione urgente e veloce dell’accordo sul clima di Parigi è necessaria al fine di evitare i peggiori impatti dei cambiamenti climatici. Con la scelta di aderire così velocemente all’accordo, il presidente Obama e il presidente Xi Jinping stanno segnalando ad altri paesi che l’accordo di Parigi può entrare in vigore quest’anno”.

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Crisi politica e crisi climatica: proposte per un’azione immediata

“Così la benzina ci sta uccidendo”. Si dà fuoco un avvocato americano

Sempre più grave l’emergenza incendi in Australia
Sempre più grave l’emergenza incendi in Australia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le “relazioni pericolose” di Cingolani – Io Non Mi Rassegno #525

|

“La tempesta Vaia ci ha lacerato, ma ci ha anche spinto a fare qualcosa per il nostro Pianeta”

|

MedReAct: “Ecco come difendiamo il Mediterraneo dalla pesca intensiva e dai cambiamenti climatici”

|

Combustibili fossili: censura mediatica e repressione colpiscono Italia Che Cambia e Fridays For Future

|

La finanza etica può contrastare l’economia di guerra? Secondo Anna Fasano sì. Ecco come…

|

Stavolta tocca a noi. Emerging Communities sbarca a Mantova per scoprire Italia che Cambia

|

Dalle multinazionali alla terra, il ritorno di Nella De Vita in Calabria – Io Faccio Così #354

|

Vivere in barca vela con tre figli e un cane. Insieme nel bene e nel mare