21 Ott 2016

Che cos'è la Transizione – La Testa

Scritto da: Redazione

Una maniera efficace per descrivere il processo di Transizione è quella di immaginarlo come un percorso che coinvolge Testa, Cuore e Mani. Partiamo dalla Testa: ce ne parla in questo video Cristiano Bottone, cofondatore di Transition Italia.

Come raccontare la Transizione? Rob Hopkins ha trovato un metodo per sintetizzarne il processo immaginando la transizione come un percorso che si affronta con Testa, Cuore e Mani. Si parte dalla Testa, che rappresenta la fase in cui, prima di ogni altra cosa, ci impegniamo a fondo per capire in modo sistemico cosa sta succedendo intorno a noi e perché.

 

Si tratta, in altre parole, di analizzare i problemi da affrontare, capire come questi sono collegati tra loro e in che modo li abbiamo generati, analizzare i rischi che presentano e, infine, valutare le nostre priorità. Nella fase della Testa, guidata dal metodo scientifico e dal pensiero critico, cerchiamo dunque di comprendere lo scenario: senza una reale comprensione dei problemi è molto difficile trovare vere soluzioni.

 

Ti è piaciuto questo contenuto? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Un altro aspetto fondamentale nell’approccio di transizione è quello del pensiero sistemico, al quale non siamo abituati. Quando tutte le cose si collegano tra loro, lo scenario e le possibili azioni al suo interno cambiano notevolmente…

 

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

A Gaza è di nuovo guerra, ma diversa – Io Non Mi Rassegno #368

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile

|

La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

|

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

|

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”

|

Mediazione tra pari: ecco la scuola dove i bambini fanno pace senza adulti

|

Parte Sicilia Che Cambia! Volete salire a bordo?

|

Fabrizio Cotza: un cambiamento culturale per non essere più schiavi del lavoro – Meme #36