28 Nov 2016

Baby-Bop, scambiare vestiti e accessori per bambini a costo zero

Scritto da: Elena Risi

Dal body del primo mese di vita alle scarpe da basket, dalla fascia porta bebè fino al seggiolone. Nata dall'idea di due papà, Baby-Bop è una piattaforma online di scambio gratuito di vestiti e accessori dedicata al mondo dei bambini. Una soluzione per evitare l'accumulo di cose inutilizzate e trovare a costo zero tutto il necessario per i nostri figli.

Perché comprare vestiti e accessori per bambini quando si possono scambiare a costo zero? L’idea nasce da due papà programmatori che – stanchi di spendere soldi per oggetti che venivano utilizzati solo per pochi mesi – hanno creato Baby-Bop, una piattaforma che permette di mettere online gli oggetti per i più piccoli che ormai non servono più.

 

Prendendo spunto dall’ormai noto gruppo Facebook “Te lo regalo se vieni a prenderlo”, il principio che regola questa community è lo stesso: vietato vendere, via libera allo scambio.
Per fare parte della piattaforma basta entrare nel sito o sulla pagina Facebook e inserire l’annuncio completo di una foto e una breve descrizione, specificando l’eventuale taglia, la categoria e il luogo in cui si trova l’oggetto. Una volta seguita questa breve procedura l’annuncio viene subito pubblicato.

shutterstock_134612012

Se l’utente è invece interessato a trovare qualcosa, basta individuare l’oggetto necessario, indicare il livello di interesse e mettersi in lista d’attesa. Sarà poi l’utente che ha inserito l’annuncio a scegliere la persona a cui cedere l’accessorio. Infine, ci si contatta in privato e ci si accorda per lo scambio.

 

 

La ricerca può avvenire per categoria (vestiti, passeggio, pappa e allattamento, casa e nanna, igiene, giochi e libri) o per città. Per adesso gli annunci presenti ruotano attorno all’area di Milano ma ovviamente il sito è predisposto per accogliere annunci da tutta Italia. Non resta che accedere e ingrandire la rete!

 

 

Articoli simili
L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler
L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo
Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa
Community School: Il territorio si unisce per contrastare la povertà educativa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza