24 Nov 2016

Diamo cuore all’economia!

Scritto da: Daniela Bartolini

Le relazioni umane possono aiutarci a superare la crisi? Economia, etica, filosofia, possono stare insieme? Lo scopriremo sabato 3 dicembre alle ore 15,30 insieme all'economista Luigino Bruni e ad esempi concreti, in un nuovo incontro de “Le Parole e il Silenzio”dedicato ai sogni che cambiano le cose della vita.

Salva nei preferiti

“Forse se vogliamo che la gente torni amica della teoria economica e la teoria economica si dimostri amica della gente, servono economisti più umanisti e meno tecnicisti. Studiosi che alla domanda. ‹‹Cosa ti ha spinto a diventare economista?›› Potrebbero dare risposte simili a quella che diete quasi un secolo fa il grande Achille Loria: il dolore umano.”

Questa frase di Luigino Bruni ci da già l’idea dell’incontro speciale di questa ultima tappa annuale de Le Parole e il Silenzio, ciclo di incontri organizzato da Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi.
Un approccio diverso al tema dell’economia, che rimette il cuore al centro, inteso come relazioni, comunità, condivisione.

A condurci in questo mondo un economista lucido e concreto, professore ordinario di Economia Politica alla Libera Università Maria Ss. Assunta (Lumsa) di Roma e docente di Economia e Etica all’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), che ha saputo contaminare la sua visione economica con la filosofia e la teologia.
Non a caso per lui la genesi della crisi economica che stiamo vivendo ha conseguenze di carattere economico ma è di natura spirituale.
Esploratore dei temi dell’economia civile, sociale (è uno dei massimi conoscitori e sostenitori dell’Economia di comunione), Luigino Bruni è anche uno stimato saggista. I titoli di alcuni dei suoi libri, tradotti anche all’estero, ci aiutano a individuare le sue aree tematiche preferite: Economia con l’anima; L’altra metà dell’economia. Gratuità e mercati; Economia e virtù nel tempo della crisi; La foresta e l’albero. Dieci parole per un’economia umana; Gli imperi di sabbia; Logiche del mercato e beatitudini evangeliche.
Molto attento anche al mondo del terzo settore, e ad un associazionismo rivolto ai diritti della persona, Luigino Bruni è in prima fila in alcune importanti battaglie: l’ultima è quella contro il gioco d’azzardo. È infatti il promotore della campagna nazionale “Slot mob” contro le slot machine nei locali pubblici.

Luigino Bruni, va oltre i numeri freddi per restituire all’economia la centralità dell’uomo. Alla mano invisibile del mercato, forza che sembra sottrarsi a ogni controllo, oppone l’intelligenza che ha un cuore, che sa scegliere e farsi forte di valori vecchi e nuovi, sentimenti, relazioni. C’è impresa e impresa, c’è lavoro e lavoro. Ma soprattutto ci sono talenti, opportunità e visioni che possono essere messi in movimento per un’economia al servizio della persona, piuttosto che per la persona al servizio dell’economia.

È un sognatore con i piedi per terra. Un uomo che ha messo in cammino i suoi sogni.
Con questo incontro si declina una nuova tappa sul sogno che è il filo conduttore degli incontri di quest’anno de “Le Parole e il Silenzio”, per comprendere come i sogni si possano tradurre nella realtà dei nostri giorni.

Per questo l’appuntamento sarà in un luogo nato dal sogno di una comunità, dall’impegno della Pro Loco di Soci e sostenuto dagli abitanti di questo paese: l’Auditorium Berretta Rossa, nato dall’acquisto e recupero della vecchia chiesa nel borgo storico.
La chiesa vecchia, il cui tetto era ormai quasi completamente crollato, con le mura instabili e l’interno invaso dalla vegetazione, oggi è un luogo restituito alla comunità e sede di incontri, concerti, arte.
Un sogno divenuto realtà attraverso una raccolta di fondi che ha coinvolto tutti: cittadini, associazioni, comune. Durante i lavori di restauro insieme al Gruppo Archeologico Casentinese viene proposta alla Soprintendenza ai Beni Archeologici della Toscana una campagna di scavi che porta alla luce reperti interessanti e le antiche fondamenta oggi visibili.

Durante l’incontro si parlerà anche di Casentino che Cambia, siamo infatti un raccoglitore di sogni innovativi diventati realtà, rappresentazione di quella parte di uomini e donne che decidono di investire in ciò che amano e di realizzare con successo i propri desideri, nonché incubatore a sostegno di chi vuole muovere i primi passi verso la loro realizzazione. Come l’Asilo nel Bosco del Casentino che nasce dal bisogno condiviso di un gruppo di genitori di creare un nuovo paradigma educativo e che vuole nascere e crescere in sintonia con il territorio e le sue realtà.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo
Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

Spazi personali e collettivi: la cultura del gesto in Sardegna
Spazi personali e collettivi: la cultura del gesto in Sardegna

Jorge Eielson, l’artista peruviano che ha scelto Bari Sardo come dimora per l’eternità
Jorge Eielson, l’artista peruviano che ha scelto Bari Sardo come dimora per l’eternità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "casentino"