5 Dic 2016

Referendum costituzionale, vince il No e Renzi si dimette

Con un'altissima partecipazione alle urne, il referendum costituzionale tenutosi ieri si è chiuso con una netta vittoria del No alla cosiddetta riforma Renzi-Boschi che avrebbe modificato ben 47 articoli della seconda parte della nostra Costituzione. Terminati gli scrutini, il presidente del Consiglio ha annunciato subito le proprie dimissioni.

È stata una vittoria netta quella del No al referendum costituzionale tenutosi ieri per confermare o respingere la cosiddetta riforma Renzi-Boschi, recante «disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione».

525425-referendum-italy-2016-afp

Il No ha vinto con il 59,17%, contro il 40,83% del Sì. La vittoria del No (che ha superato in tutta Italia i 19 milioni di voti) è stata ovunque, da Nord a Sud, con l’eccezione di due regioni (Toscana ed Emilia-Romagna), una provincia autonoma (Bolzano) e tra gli italiani all’estero. Dal Lazio in giù, le percentuali del No sono state molto più nette, superando in molti territori il 70%.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

 

A differenza dei referendum abrogativi, quelli confermativi non necessitano di quorum. Il risultato del referendum costituzionale sarebbe quindi stato valido anche con un’affluenza più bassa. Eppure, oltre alla schiacciante vittoria del No, il dato rilevante di questa consultazione riguarda proprio l’altissima partecipazione al voto registratasi praticamente dappertutto: è del 68,48 % l’affluenza registrata alle 23 in Italia, a urne chiuse.

BN-RB504_ITALPM_J_20161204193941

Terminati gli scrutini, come effetto immediato del risultato del referendum, il presidente del Consiglio ha annunciato subito le proprie dimissioni affermando di aver perso una partita che, come era già evidente dalla serratissima e folle campagna referendaria, si giocava sul “dentro o fuori Renzi” piuttosto che sul merito di una riforma che avrebbe modificato ben 47 articoli della seconda parte della nostra Costituzione.

 

 

 

Articoli simili
Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni
Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano
“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?
Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi