5 Dic 2016

Referendum costituzionale, vince il No e Renzi si dimette

Con un'altissima partecipazione alle urne, il referendum costituzionale tenutosi ieri si è chiuso con una netta vittoria del No alla cosiddetta riforma Renzi-Boschi che avrebbe modificato ben 47 articoli della seconda parte della nostra Costituzione. Terminati gli scrutini, il presidente del Consiglio ha annunciato subito le proprie dimissioni.

È stata una vittoria netta quella del No al referendum costituzionale tenutosi ieri per confermare o respingere la cosiddetta riforma Renzi-Boschi, recante «disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del titolo V della parte II della Costituzione».

525425-referendum-italy-2016-afp

Il No ha vinto con il 59,17%, contro il 40,83% del Sì. La vittoria del No (che ha superato in tutta Italia i 19 milioni di voti) è stata ovunque, da Nord a Sud, con l’eccezione di due regioni (Toscana ed Emilia-Romagna), una provincia autonoma (Bolzano) e tra gli italiani all’estero. Dal Lazio in giù, le percentuali del No sono state molto più nette, superando in molti territori il 70%.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

 

A differenza dei referendum abrogativi, quelli confermativi non necessitano di quorum. Il risultato del referendum costituzionale sarebbe quindi stato valido anche con un’affluenza più bassa. Eppure, oltre alla schiacciante vittoria del No, il dato rilevante di questa consultazione riguarda proprio l’altissima partecipazione al voto registratasi praticamente dappertutto: è del 68,48 % l’affluenza registrata alle 23 in Italia, a urne chiuse.

BN-RB504_ITALPM_J_20161204193941

Terminati gli scrutini, come effetto immediato del risultato del referendum, il presidente del Consiglio ha annunciato subito le proprie dimissioni affermando di aver perso una partita che, come era già evidente dalla serratissima e folle campagna referendaria, si giocava sul “dentro o fuori Renzi” piuttosto che sul merito di una riforma che avrebbe modificato ben 47 articoli della seconda parte della nostra Costituzione.

 

 

 

Articoli simili
Nasce il Forum Civico Savonese per una città più etica e sostenibile
Nasce il Forum Civico Savonese per una città più etica e sostenibile

Lobbying, conflitto d’interessi e trasparenza sul recovery fund: tre riforme a costo zero per Draghi
Lobbying, conflitto d’interessi e trasparenza sul recovery fund: tre riforme a costo zero per Draghi

La stupidità della tecno-umanità
La stupidità della tecno-umanità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’incidente nucleare cinese, i missili su Gaza, il vertice Putin-Biden – Io Non Mi Rassegno 390

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce