31 Gen 2017

A Viterbo una fattoria per crescere e imparare giocando

Scritto da: Laura Pavesi

Una fattoria, un orto, uno spazio di condivisione per le famiglie ed un luogo dove i bambini, a diretto contatto con la natura, imparano a conoscere e amare gli animali giocando. Sorge appena fuori dalle mura di Viterbo una struttura che organizza tutto l'anno numerose attività ludiche e didattiche.

Salva nei preferiti

A Viterbo, appena fuori dalle mura cittadine, c’è una fattoria a misura di bambino, dove i piccoli imparano a conoscere e ad amare la natura e gli animali e a familiarizzare con concetti quali il rispetto di sé e degli altri, la pace, la condivisione e l’autostima. La struttura, che sorge tra le pendici del monte Palanzana e la Riserva Naturale Regionale “La Valle dell’Arcionello”, è gestita dall’Associazione “La Giostra Ecologica”. Qui non ci sono imposizioni: il progetto è fondato sul contatto con la natura, la libertà d’espressione, la creatività e l’apprendimento ludico e i bambini sono liberi di giocare, esprimersi, arrampicarsi sugli alberi e… sporcarsi.

 

Giostra1 (1)

La fattoria è adibita a maneggio per i pony, che i bambini possono cavalcare in tutta sicurezza, e ospita numerosi animali da cortile – anatre, papere, oche, pavoni, pecore, caprette, ecc. Ci sono anche uno spazio all’aperto con giochi, uno spazio coperto e di condivisione attrezzato per le mamme con bambini molto piccoli, da 0 mesi a 3 anni, e un orto didattico dove i piccoli sperimentando forme, colori, sapori e odori che diventano veicoli per il loro sviluppo cognitivo, emotivo e sociale.

 

L’Associazione, senza scopo di lucro, si avvale della collaborazione di figure professionali sia nel settore educativo sia nel settore della cura degli animali, e organizza numerose attività, tra le quali percorsi didattici per le scuole dell’infanzia, laboratori naturali e ludico-ricreativi, corsi di avvicinamento al cavallo, doposcuola in fattoria, giornate per le famiglie.

 

Ma il progetto principale è “Conoscere la Natura Giocavalcando”, ideato per favorire il contatto dei bambini con i pony. I bambini mostrano sempre grande interesse e curiosità per gli animali e la vita all’aria aperta e l’interazione con un pony li stimola a sviluppare un atteggiamento positivo non solo verso gli animali stessi, ma anche verso la natura e gli altri in generale.

Giostra14

Il progetto “La Giostra Ecologica” parte nel 2013 e, come ci spiega Valentina Pinzaglia, fondatrice e presidente dell’associazione, “nasce allo scopo di creare non tanto una tradizionale fattoria didattica, quanto piuttosto uno spazio ludico-creativo per i bambini e uno spazio di condivisione per le famiglie. Un luogo dove vivere o ri-vivere il contatto diretto con la natura e imparare a conoscere e amare gli animali giocando. Io sono nata e cresciuta in questa fattoria a stretto contatto con gli animali e ho sempre desiderato trasmettere questo mio amore alle generazioni future”.

 

“Dopo la laurea in scienze dell’educazione”, continua, “ho lavorato per anni nel settore socio-educativo, in particolare con i bambini. Questa bellissima esperienza è stata fondamentale per me, ma dopo la nascita di mio figlio ho scelto di lasciare il “posto fisso” a tempo indeterminato per poter insegnare ai bambini a conoscere, amare e rispettare la natura e gli animali, trasformando così questa mia passione in un lavoro a tempo pieno. Mio marito e mio padre mi aiutano nella gestione degli animali e dell’orto. Il nome dell’associazione lo devo proprio a mio padre Alberto, che per anni ha fatto fare un giro a cavallo ai bambini in uno dei giardini comunali di Viterbo, chiamando questa sua attività “giri a cavallo sulla giostra ecologica”, cioè vivente e reale anziché meccanica”.

Giostra5

“La maggior parte delle nostre attività, sia estive che invernali, sono rivolte a tutti i bambini da 3 a 10 anni, anche se riserviamo un’attenzione particolare ai piccoli con fragilità e svantaggio psico-fisico o sociale. Collaboriamo con le scuole dell’infanzia, gli asili nido, le Aziende Sanitarie Locali e abbiamo uno speciale orientamento verso la pedagogia promossa dagli Asili nel Bosco. Una delle attività che più mi stanno a cuore”, conclude Valentina, “è l’attività assistita di avvicinamento al cavallo sia per bambini da 2 a 4 anni, sia per bambini e adulti affetti da autismo, i quali traggono grandi benefici dal contatto fisico con l’animale”.

 

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Lezioni ecologiche nelle scuole italiane, fra antropocene ed ecologia profonda
Lezioni ecologiche nelle scuole italiane, fra antropocene ed ecologia profonda

Cosa pensano (e provano) gli e le adolescenti?
Cosa pensano (e provano) gli e le adolescenti?

Genitorialità consapevole, il racconto di Alessia: “Abbiamo ascoltato l’istinto”
Genitorialità consapevole, il racconto di Alessia: “Abbiamo ascoltato l’istinto”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Come trasformare gli allevamenti in fattorie vegane, l’esperienza svizzera – #917

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

|

Animal Talk Italia: parlare con gli animali è possibile – Io Faccio Così #402

|

Lezioni ecologiche nelle scuole italiane, fra antropocene ed ecologia profonda

|

Alberi monumentali, in Sicilia sono 311 i tesori vegetali da tutelare

|

Sanità e diritto alla cura: cronache da un’Ogliastra che vuole vivere, non sopravvivere

string(9) "nazionale"