2 Feb 2017

A Panta Rei il primo trust sociale in Italia

Scritto da: Redazione

Abbiamo intervistato Dino Mengucci, fondatore del centro Panta Rei, che ci spiega il processo in atto per trasformare questo spazio nel primo trust sociale d'Italia, allo scopo di farlo diventare un bene comune a disposizione di tutti.

Panta Rei, ecovillaggio e centro di ricerca di pratiche sostenibili affacciato sul lago Trasimeno, è una istituzione nel mondo del cambiamento italiano. Dopo anni di progetti innovativi in vari campi – dall’agricoltura alla bioedilizia, dall’autoproduzione alla facilitazione – ha lanciato una nuova iniziativa, dando corpo a quello che sembrava solo un’utopia.

 

Come ci spiega il fondatore Dino Mengucci, il progetto è partito da un sogno: attivare un processo educativo partendo dal recupero delle terre incolte e abbandonate. Costituita inizalmente in cooperativa, in questo momento il gruppo di Panta Rei è impegnato nella fondazione di un trust.

 

«Un trust – spiega Dino – è una proprietà di tutti e di nessuno. Il nostro sarà il primo trust a scopo sociale in Italia». Perché? Perché il sogno deve avere una visione futura! Si parte dal concetto di bene comune: «Quando penso a un bene comune penso all’imperatore Adriano, che toglieva la terra ai patrizi che non la coltivavano rivendicandone l’utilità per tutto il popolo».

 

Il processo di fondazione è a buon punto: si era partiti prevedendo di coinvolgere 100 partecipanti e attualmente hanno aderito in 80. «Ci sono ancora posti, ma stiamo già realizzando l’atto costitutivo e quando sarà pronto partiremo in ogni caso, anche senza aver raggiunto la quota inizialmente prevista».

 

In questo processo – conclude Dino – servono prima di tutto intelligenza collettiva e la relazione umana: «Ho imparato che questo tipo di progetti, che anni fa sembravano sogni irrealizzabili, stanno diventando bisogni reali dell’umanità e la gente ne avverte il valore».

 

Articoli simili
Il verde come antidoto al grigiore urbano: sbocciano i fiori in Lungomare Canepa
Il verde come antidoto al grigiore urbano: sbocciano i fiori in Lungomare Canepa

Emerging Communities, un viaggio alla scoperta della Serbia in cambiamento
Emerging Communities, un viaggio alla scoperta della Serbia in cambiamento

Daniela: “Ho allestito un punto bookcrossing nel mio condominio perché credo nella condivisione della cultura”
Daniela: “Ho allestito un punto bookcrossing nel mio condominio perché credo nella condivisione della cultura”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale