Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
14 Apr 2017

Cinque consigli per una Pasquetta sostenibile

Scritto da: Greenpeace

Dal menu all'organizzazione del pic nic, partendo dalla spesa. Ecco i consigli di Greenpeace per una Pasquetta sostenibile, senza plastica e pesticidi.

Pasqua e Pasquetta inaugurano ufficialmente la stagione primaverile e danno il via alle scampagnate fuori porta. Qualunque soluzione si abbia intenzione di scegliere per queste giornate, è importante mantenere un occhio di riguardo per l’ambiente. A fornire utili consigli per una gita al 100% sostenibile ci pensa Greenpeace.

1

1. Scegli frutta e verdura di stagione. Acquista prodotti sfusi, biologici e possibilmente a chilometro zero. Evita quelli confezionati con polistirolo o plastica.

 

2. Porta la sporta. Per il tuo picnic usa un bel cestino di vimini. Altrimenti una sporta di tela o una scatola di legno, ma niente buste di plastica. Firma la petizione al ministro dell’Ambiente per salvare il mare dalla plastica. Le tartarughe, le balene, i pesci e gli uccelli marini ringraziano.

 

3. Riusa. Se porti cibi caldi, usa contenitori in vetro e non in plastica. Quanti vasetti di marmellata hai tenuto da parte “perché magari possono servire”? Preferisci bicchieri e stoviglie riutilizzabili.  

 

4. Metti in campo la tua creatività. Avvolgi i panini in tovaglioli di stoffa. Puoi ritagliare delle vecchie stoffe o strofinacci di colori diversi e usarli per impacchettare il cibo. Un bel nodo e via!

 

5. Scegli un grande prato verde per il tuo picnic. Se non vedi fiori o insetti, preoccupati. Probabilmente sono stati sparsi dei diserbanti, dannosi per l’ambiente e per la tua salute. Firma l’Iniziativa dei cittadini europei per vietare l’erbicida più diffuso al mondo, il glifosato.

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ue vuole tassare di più le multinazionali? – Io Non Mi Rassegno #318

|

Segui i nostri aggiornamenti quotidiani dal camper di Italia Che Cambia!

|

“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”

|

L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”

|

Outdoor education: le sfide e le conquiste dell’educazione in natura

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura