6 Giu 2017

Bambini in natura: quando stare fuori facilita benessere e apprendimento

Scritto da: Daniela Bartolini e Rachele Minarini

Sabato 17 giugno 2017 seconda giornata sull'Asilo ed elementari nel Bosco del Casentino, una giornata di approfondimento e confronto sul Progetto sperimentale di Outdoor Education Sistemica in Casentino con il gruppo co-creativo ed esperti.

Il progetto Asilo nel Bosco del Casentino, nato ad ottobre 2015 dalla volontà di alcuni genitori, per promuovere in Casentino un nuovo Paradigma Educativo ispirato ai principi della Natura e in particolare alla Pedagogia del Bosco nord europea, un approccio che vede stare i bambini prevalentemente all’aria aperta e che mette le relazioni e l’affettività al centro, propone un nuovo momento di confronto e informazione.

Dopo la presentazione pubblica dello scorso 12 settembre e l’avvio del campo permanente presso la Fattoria di Selvoli, due giorni a settimana più i sabato che ha coinvolto con regolarità nove bambini e bambine, dai 4 ai 6 anni, è arrivato il momento di valutare insieme l’esperienza sin qui maturata e iniziare a divulgare il nuovo progetto sperimentale di “elementari nel bosco”.

Sabato 17, dalle 16 presso l’Auditorium di Romena, saranno presenti: Giannozzo e Benedetta Pucci, Fondatori dell’Asilo e Elementari nel Bosco di Ontignano Fiesole; Cecilia Gandolfo, MMG e pediatra; Denise Pantuso, psicologa e psicoterapeuta; Mario Tanga, Dottore di ricerca in Storia della Scienza, laureato in Filosofia e in Pedagogia.

bambini stare fuori facilita benessere apprendimento 1496741750

Cos’è un Asilo nel Bosco
L’Asilo nel Bosco è una realtà pedagogica mondiale che accoglie bambini degli ultimi anni del nido e della scuola dell’infanzia. Le attività educative si svolgono quasi completamente all’aperto per favorire la formazione di un sano rapporto con la natura. I bambini imparano facendo, in un contesto permeabile alla loro curiosità ed alla loro immaginazione. Gli educatori accompagnano i piccoli a crescere secondo i principi dell’autonomia e della creatività.
Nel nostro paese questo modello educativo ha stentato a prendere piede, ma oggi sembrerebbe vivere una vera primavera, grazie anche al supporto di alcune Università (Università degli Studi Roma Tre, Prof.ssa Sandra Chistolini, Università degli Studi di Bologna, Prof.ssa Michela Schenetti) che studiano gli effetti benefici dell’educazione all’aria aperta.

bambini stare fuori facilita benessere apprendimento 1496741908

Metodo pedagogico
I riferimenti teorici di questo indirizzo pedagogico sono riconducibili alla cosiddetta “rivoluzione copernicana dell’educazione” (cit. John Dewey) iniziata a fine Ottocento e sviluppatasi nei decenni successivi – Rousseau, Montessori, Frohm, Agazzi, Pizzigoni, Freire, per dire solo alcuni nomi – che consiste nel «passaggio dalla centralità del maestro e del programma a quella del bambino».
Il progetto Asilo nel Bosco del Casentino prevede la presenza di almeno un educatore e si ispira a molteplici modelli pedagogici quali Montessori, Reggio Emilia Approach, Pedagogia della Lumaca, Educazione Libertaria, Pedagogia Olistica. In sintonia con i creatori dell’Asilo nel Bosco di Ostia si ritiene però che il ruolo dell’educatore consista nell’ascoltare i bambini per arrivare a creare insieme a loro il modello educativo più adatto, che si basa essenzialmente su tre punti: la relazione con il bambino (senza amore non c’è possibilità di ascolto e comprensione); le emozioni (in linea con la definizione di Skills for Life dell’O.M.S.) ; la relazione con i genitori (l’armonia fra i suoi due punti di riferimento, educatore e famiglia, è fondamentale per un sereno sviluppo del bambino).

bambini stare fuori facilita benessere apprendimento 1496741929

Le basi scientifiche
La letteratura scientifica di maggiore rilevanza è costituita da una ricerca svolta nel 2002 dal prof. Peter Hafner dell’università di Heidelberg e da uno studio dell’università di Bologna di Lena Gruener e della Prof.ssa Michela Schenetti. L’analisi tedesca mette in evidenza come i bambini che frequentano l’asilo nel bosco sono molto creativi e curiosi, prestano una maggiore attenzione e si concentrano di più, rispettano di più le regole e risolvono i conflitti in modo pacifico, si esprimono in maniera più precisa e argomentano meglio le proprie opinioni.
L’ambiente naturale, contrapposto a quello artificiale delle aule, stimola la creatività e un sano sviluppo psicofisico, creando benessere sia nei bambini che negli educatori. L’apprendimento esperenziale, quando i bambini imparano senza la mediazione degli adulti, è ormai ritenuto fondamentale da molta letteratura scientifica. Le neuroscienze e la psicologia positiva confermano che le migliori performance nascono dalle cose fatte con passione. La felicità ed il benessere dei bambini sono quindi fondamentali anche per il raggiungimento di qualsiasi obiettivo educativo durevole.

Le basi legislative
Le Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione (2012) prevedono per la scuola dell’infanzia cinque campi di esperienza: Il sé e l’altro, Il corpo e il movimento, Immagini suoni e colori, I discorsi e le parole, la conoscenza del mondo. In un Asilo nel Bosco appare evidente la piena corrispondenza con le indicazioni del Ministero.

bambini stare fuori facilita benessere apprendimento 1496741943

Perché un Asilo nel Bosco in Casentino
La conoscenza diretta dell’ambiente naturale, qui dominante, è l’eccezione e non la regola. Inoltre, date le locali condizioni climatiche e stazionali, i momenti utili per le uscite, durante l’autunno e l’inverno, sono al mattino e nel primo pomeriggio, proprio quando i bambini stanno al chiuso negli asili e nelle scuole.
Un Asilo nel Bosco in Casentino quindi, oltre ad avere il valore pedagogico già enunciato, costituisce un primo passo per la creazione di un legame profondo fra i bambini ed il territorio, che li porterà ad una maggiore consapevolezza e partecipazione alla sua tutela e valorizzazione.

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Gli asili nel bosco sono una minaccia alla scuola pubblica?
Gli asili nel bosco sono una minaccia alla scuola pubblica?

“Un bosco per la città”: sette classi piantano alberi ad Alessandria

Il metodo Bimbisvegli: la scuola nel bosco di Serravalle d’Asti

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Salto nelle Marche: un’agricoltura che rigenera il suolo e le relazioni è possibile! – Io Faccio Così #330

|

In Val Borbera una piccola frazione diventa il “paese degli spaventapasseri”

|

Crisi climatica: il WWF crea un fondo per combatterla in 4 mosse

|

FAWLTS: una rete di studenti e alumni per capire “cosa farò da grande”

|

A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità

|

Lo Yoga della Risata, la miglior medicina per rinforzare il sistema immunitario

|

Al via la Settimana Europea della Mobilità: muoversi meglio per un mondo migliore