9 Giu 2017

#viaggiarechecambia in Casentino

Scritto da: Daniela Bartolini

Questa estate viaggia in un mo(n)do diverso! È la nuova campagna di Italia che Cambia per promuovere il turismo consapevole. Quale luogo migliore di iniziare l'esplorazione se non il Casentino? (sia che ci si viva che come visitatori esterni)

Salva nei preferiti

Chi viaggia molto forse non lo sa, ma il turismo di massa sposta ogni anno 1,18 miliardi di persone che muovono 2300 miliardi di dollari annui. Il turismo contribuisce direttamente al 3% del Pil mondiale (e indirettamente al 10,8) ma solo una piccola parte di questa ricchezza resta sui territori. La maggior parte finisce nelle mani delle grandi multinazionali.

Il turismo è oggi la quarta causa di inquinamento ambientale e di produzione di CO2, dopo alimentazione, abitare e mobilità. I principali responsabili dell’impatto del turismo sull’ambiente sono i trasporti (in particolare l’aereo e l’auto) che determinano il 75% delle emissioni, e le strutture ricettive, responsabili del 21% delle emissioni di CO2 legate all’intero sistema turistico
Ma tutto questo sta cambiando. Oggi si può viaggiare in maniera consapevole, rispettosa dell’ambiente e delle culture e tradizioni locali.

La Campagna Viaggia in un mo(n)do diverso ci invita a rivedere il modo in cui viaggiamo, offrendoci consigli da intraprendere da subito, perché è con le nostre azioni quotidiane e locali che più possiamo incidere (e cambiare) la Nostra realtà.

viaggiare che cambia casentino 1497536577

Qualche esempio?
Scegli strutture di accoglienza responsabili e rispettose dell’ambiente e delle culture dei territori.
Fai più attenzione a come ti sposti quando viaggi: prendi meno aerei e prova a viaggiare a piedi o in bicicletta!
Riscopri l’emozione del viaggio, della scoperta, dell’affrontare l’inaspettato, anche dietro l’angolo.
Ama l’Italia. Inizia da oggi a prenderti cura in prima persona della tua terra. Partendo dal territorio che abiti, puoi pulire la tua terra e curare i sentieri, segnalare alle istituzioni dove c’è bisogno di intervenire per salvaguardare i segni culturali sul territorio, rendere accessibili i percorsi.

Il Casentino sembra avere una vocazione naturale per il turismo lento, responsabile, etico, con un’attenzione particolare al territorio, alle sue tradizioni. E grazie ad alcuni progetti sempre più si unisce locale e globale, in cui il viaggio come riscoperta del territorio è proposta aperta ad abitanti e a nuovi esploratori, camminando fianco a fianco.

La prossima settimana la redazione chiuderà ma vi lasciamo con un calendario aggiornato di tutti gli eventi che ci accompagneranno in questa seconda parte di giugno e luglio, eventi che tracciano ancora questa direzione, esempi di un viaggiare nuovo offerti dalle realtà della nostra mappa ufficiale.
Ci prendiamo questa settimana per intervistare nuove realtà da inserire e raccontare le esperienze più all’avanguardia nel nostro territorio sul turismo consapevole.

Stay tuned!

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Cristofero Costanzo: “Tra mandorle e ulivi ho scommesso sull’agricampeggio in Sicilia”
Cristofero Costanzo: “Tra mandorle e ulivi ho scommesso sull’agricampeggio in Sicilia”

Parchi italiani, 15 giorni di cammino per attraversarli e conoscerli
Parchi italiani, 15 giorni di cammino per attraversarli e conoscerli

Tempo di turismo, tra narrazioni, stereotipi e realtà: intervista a Federica Marrocu
Tempo di turismo, tra narrazioni, stereotipi e realtà: intervista a Federica Marrocu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "casentino"