17 Lug 2017

Pratomagno, parte a giorni la rimozione del vecchio traliccio RAI

Scritto da: Daniela Bartolini

Quasi due anni dopo la petizione popolare arriva finalmente il momento della rimozione del traliccio RAI in Pratomagno!

Inizierà fra pochi giorni la demolizione e la rimozione del vecchio traliccio RAI installato in Pratomagno, una infrastruttura che ha fatto da anni il suo tempo, soppiantata e sostituita dalle nuove tecnologie, ma che è rimasta come un pugno nell’occhio nel contesto di un panorama bellissimo come quello del crinale che al tempo stesso unisce e divide Casentino e Valdarno.

La conferma dell’inizio imminente delle operazioni viene dagli uffici dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, che hanno svolto soprattutto nell’ultimo anno le procedure burocratiche per poter giungere all’assegnazione dei lavori. E’ stata la stessa Rai a chiedere all’Unione di farsi carico della parte formale dell’appalto e dello smantellamento, anche perché si tratta di opere da effettuare in zone a vincolo paesaggistico subordinate al “nulla osta” anche da parte della Soprintendenza.
Dopo i sopralluoghi effettuati da alcune aziende interessate che hanno formulato le rispettive offerte e dopo l’aggiudicazione, si prevede che nel giro di pochi giorni possano prendere il via le opere di smantellamento. La rimozione del traliccio Rai dal crinale del Pratomagno è questione annosa, ma da circa un anno ha subìto una accelerazione grazie anche al coinvolgimento attivo di associazioni e comitati di cittadini. A fronte di una dismissione certa per il loro inutilizzo, si era invece cristallizzato uno status quo che non si riusciva a sbloccare ma che a nessuno faceva comodo, né tantomeno piaceva ai cittadini del Casentino e del Valdarno. Alcuni esponenti della “Brigata di Raggiolo” avevano consegnato circa un anno fa al vicepresidente della Provincia di Arezzo e Sindaco di Talla Eleonora Ducci una corposa raccolta firme per chiedere la rimozione delle apparecchiature in disuso. Ne erano seguiti incontri con la Regione Toscana ed erano stati presi impegni, affidando all’Unione vari aspetti sia burocratici che operativi.

A giorni, dunque, si faranno i lavori necessari per restituire al crinale il suo aspetto naturale. “Le procedure sono state ultimate – hanno detto Eleonora Ducci e Giampaolo Tellini, che hanno seguito questa vicenda coinvolti come Unione dei Comuni e Provincia di Arezzo – e la rimozione imminente del traliccio è la notizia attesa da tempo da tutti i comuni della nostra provincia che hanno il territorio sui versanti del Pratomagno. Ringraziamo tutti coloro – Enti, Istituzioni, Comitati e Associazioni paesane – che si sono adoperati per eliminare un elemento deturpante del nostro paesaggio restituendo a quella zona la sua originaria bellezza a vantaggio di turisti e residenti, e soprattutto per il bene dell’ambiente”. Rimarrà all’Unione dei Comuni, in base agli accordi presi, la gestione del vecchio fabbricato di servizio che potrebbe essere organizzato e utilizzato per fini turistici ed escursionistici, ad esempio come rifugio.

Articoli simili
"Solo l’ecologia profonda salverà il mondo"

“Requiem per un ghiacciaio”: anche il Piemonte si prepara ad un funerale

Ma quindi possiamo davvero cambiare le cose? – Matrix è dentro di noi #4
Ma quindi possiamo davvero cambiare le cose? – Matrix è dentro di noi #4

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna