17 Lug 2017

Pratomagno, parte a giorni la rimozione del vecchio traliccio RAI

Scritto da: Daniela Bartolini

Quasi due anni dopo la petizione popolare arriva finalmente il momento della rimozione del traliccio RAI in Pratomagno!

Inizierà fra pochi giorni la demolizione e la rimozione del vecchio traliccio RAI installato in Pratomagno, una infrastruttura che ha fatto da anni il suo tempo, soppiantata e sostituita dalle nuove tecnologie, ma che è rimasta come un pugno nell’occhio nel contesto di un panorama bellissimo come quello del crinale che al tempo stesso unisce e divide Casentino e Valdarno.

La conferma dell’inizio imminente delle operazioni viene dagli uffici dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, che hanno svolto soprattutto nell’ultimo anno le procedure burocratiche per poter giungere all’assegnazione dei lavori. E’ stata la stessa Rai a chiedere all’Unione di farsi carico della parte formale dell’appalto e dello smantellamento, anche perché si tratta di opere da effettuare in zone a vincolo paesaggistico subordinate al “nulla osta” anche da parte della Soprintendenza.
Dopo i sopralluoghi effettuati da alcune aziende interessate che hanno formulato le rispettive offerte e dopo l’aggiudicazione, si prevede che nel giro di pochi giorni possano prendere il via le opere di smantellamento. La rimozione del traliccio Rai dal crinale del Pratomagno è questione annosa, ma da circa un anno ha subìto una accelerazione grazie anche al coinvolgimento attivo di associazioni e comitati di cittadini. A fronte di una dismissione certa per il loro inutilizzo, si era invece cristallizzato uno status quo che non si riusciva a sbloccare ma che a nessuno faceva comodo, né tantomeno piaceva ai cittadini del Casentino e del Valdarno. Alcuni esponenti della “Brigata di Raggiolo” avevano consegnato circa un anno fa al vicepresidente della Provincia di Arezzo e Sindaco di Talla Eleonora Ducci una corposa raccolta firme per chiedere la rimozione delle apparecchiature in disuso. Ne erano seguiti incontri con la Regione Toscana ed erano stati presi impegni, affidando all’Unione vari aspetti sia burocratici che operativi.

A giorni, dunque, si faranno i lavori necessari per restituire al crinale il suo aspetto naturale. “Le procedure sono state ultimate – hanno detto Eleonora Ducci e Giampaolo Tellini, che hanno seguito questa vicenda coinvolti come Unione dei Comuni e Provincia di Arezzo – e la rimozione imminente del traliccio è la notizia attesa da tempo da tutti i comuni della nostra provincia che hanno il territorio sui versanti del Pratomagno. Ringraziamo tutti coloro – Enti, Istituzioni, Comitati e Associazioni paesane – che si sono adoperati per eliminare un elemento deturpante del nostro paesaggio restituendo a quella zona la sua originaria bellezza a vantaggio di turisti e residenti, e soprattutto per il bene dell’ambiente”. Rimarrà all’Unione dei Comuni, in base agli accordi presi, la gestione del vecchio fabbricato di servizio che potrebbe essere organizzato e utilizzato per fini turistici ed escursionistici, ad esempio come rifugio.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Articoli simili
Nasce MAACC, la casetta per cicloturisti e camminatori che favorisce la mobilità lenta

WWF: “Ecoreati nel Codice Penale subito”

TrikeGo e le cargo bike che stanno conquistando le città
TrikeGo e le cargo bike che stanno conquistando le città

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Criptofollie – #422

|

Torino incontra gli innovatori sociali che cambiano il mondo con la forza dei loro sogni

|

Domenico Chionetti: “Le mie giornate al G8 al fianco dei disobbedienti”

|

Scienza e religione: dopo secoli di conflitto siamo giunti a un nuovo connubio?

|

Ecco i mobility manager, per unire aziende e istituzioni nel nome di una mobilità sostenibile

|

La nuova vita di Nicola in Madagascar: “Tsiryparma sostiene le foreste e i loro abitanti”

|

Creative Mornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini