Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
4 Ott 2017

Ecopillole di Luca Lombroso #10 – Deforestazione e Riforestazione

Scritto da: Redazione

Tanto possiamo fare per fermare la deforestazione, ancora oggi è responsabile di circa il 17 per cento dell’aumento delle emissioni di gas serra in atmosfera. Ce ne parla in questa nuova ecopillola il meteorologo Luca Lombroso.

Torna l’appuntamento con le ecopillole di Luca Lombroso. Oggi parliamo di foreste.
Gli alberi sono importanti per la vita assorbono co2, emettono ossigeno, rinfrescano e regolano il ciclo dell’acqua proteggendo il terreno e soprattutto mitigano il clima.

 

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

ATTIVATI

 

Le foreste inoltre ospitano un grande patrimonio dell’umanità, la biodiversità, l’insieme delle specie viventi anche le più strane e apparentemente insignificanti hanno uno scopo ben preciso per la natura, per l’ambiente e per la vita.
Pensate che la deforestazione ancora oggi è responsabile di circa il 17 per cento dell’aumento delle emissioni di gas serra in atmosfera. Tanto possiamo fare per rallentare e fermare la deforestazione.

 

Come? Aiutando i paesi in via di sviluppo a mantenere le loro foreste ma anche scegliendo prodotti che non derivino anche indirettamente dalla deforestazione.

 

Possiamo far tanto anche nel nostro territorio per aumentare il verde e le piante che peraltro concorrono ad assorbire gli inquinanti atmosferici. In Ecovillaggio Montale la progettazione del verde e la scelta delle piante sono un fiore all’occhiello dell’ecoquartiere. Pensate che qui ogni anno le piante assorbono 90 tonnellate di co2 e solo per gli ombreggiamenti altri 20 tonnellate di co2 vengono evitate.

 

Ancora una volta la buona notizia è che con le nostre scelte possiamo vivere meglio aiutando il Pianeta.

 

Tratto da Ecovillaggio Montale http://www.ecovillaggiomontale.it/deforestazione-riforestazione/

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo strano caso dei cereali al cipollotto (e altre storie) – Io Non Mi Rassegno #179

|

Cosa sta succedendo sulle autostrade della Liguria

|

Storie di piccoli produttori resistenti ai tempi del Covid-19

|

L’Italia contadina si ribella alle monocolture delle multinazionali

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia