6 Feb 2018

Una comunità rurale e urbana nel cuore di Napoli

Scritto da: Elena Risi

Prendersi cura della terra costruendo, al contempo, una comunità rurale urbana attraverso attività di formazione e incontro incentrate sull’educazione ecologica e l’esperienza diretta. È questo l’obiettivo dell’associazione Piedi per la Terra che ha sede in un terreno agricolo nel cuore di Napoli.

All’Antica Vigna di San Martino si accede dal numero 340 di Via Vittorio Emanuele, lasciandosi alle spalle il traffico e i clacson nel centro di Napoli. Sono sette ettari di coltivazione a vite, agrumi e altri alberi da frutto ai piedi della maestosa Certosa di San Martino, un vero e proprio terreno agricolo urbano con vista mozzafiato sul mare e sul Vesuvio. Qui ha sede un’azienda agricola gestita dall’associazione Piedi per la Terra  che oltre a lavorare la terra seguendo i principi dell’agricoltura biodinamica, si dedica alla costruzione e al consolidamento di una comunità rurale urbana attraverso tante attività di formazione e incontro rivolte a tutte le fasce di età, specialmente i bambini.

557902_10151738052327004_977169496_n

“L’educazione ecologica è un’attività che sentiamo molto urgente” spiega Vincenzo Dina, fondatore del progetto “Piedi per la Terra”, parlando dei laboratori per i più piccoli. “Tutte le nostre attività seguono un approccio sistemico all’ecologia con un metodo educativo esperienziale”. Si parte dall’osservazione per passare poi a una seconda fase di approfondimento della conoscenza attraverso la pratica. Dall’alimentazione al compostaggio, dalla catena alimentare all’autoproduzione e all’uso e riuso dei materiali. L’obiettivo è quello di far crescere i bambini in una relazione diretta con la campagna, guidandoli alla comprensione degli equilibri dell’ecosistema e quindi educandoli al rispetto delle regole della natura.

Per rendere più efficace e potente questo percorso, tutta la famiglia ha la possibilità di mettersi in gioco e condividere l’esperienza dell’agricoltura. Per questo sono pensati gli orti urbani che si stagliano su questo terreno, per diffondere le esperienze che legano alla campagna e all’interazione con la natura. “Prendere in custodia un fazzoletto di terra – commenta Vincenzo – coltivare il proprio cibo, riscoprire il sapore e il sapere della terra significa riscoprirsi e ‘coltivare sé stessi’”.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

72679_10151738056742004_1092538402_n

Ogni appezzamento è di circa 25mq e viene dato in custodia a una persona o a un nucleo familiare ristretto. La scelta delle coltivazioni e la gestione sono liberi, ma sempre nel rispetto della cultura ecologica. Per chi ha meno tempo c’è anche la possibilità di una co-gestione in orto comune, o a gruppi già costituiti da 4 a 10 persone o a singoli che preferiscono questa modalità.

Anche per i soci adulti non mancano le possibilità di formazione. Proprio in questo periodo l’associazione Piedi per la Terra sta approfondendo il tema dell’agro omeopatia (come curare la campagna secondo i principi dell’omeopatia, escludendo quindi qualunque tipo di sostanza chimica) ed è previsto a partire da marzo un corso di formazione tenuto da Radko Tichavsky, uno dei massimi esperti in questo settore.

Numerosissimi gli appuntamenti durante l’anno con visite guidate immersi nel verde, percorsi interattivi e incontri dedicati alla vita rurale, la comprensione delle attività agricole e le tecniche tradizionali di produzione. Feste di Primavera, campus estivi e vendemmia sono solo alcuni degli appuntamenti che cadenzano la vita in questo polmone verde nel cuore di Napoli.

Articoli simili
Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale
Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

What a festival: un appuntamento per ripensare il ruolo dei grandi eventi in Sicilia
What a festival: un appuntamento per ripensare il ruolo dei grandi eventi in Sicilia

Barbara Cassioli racconta a I(n)spira-Azioni il suo viaggio a piedi e senza soldi attraverso l’Italia – #10
Barbara Cassioli racconta a I(n)spira-Azioni il suo viaggio a piedi e senza soldi attraverso l’Italia – #10

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La teoria dell’evoluzione va ripensata? – #556

|

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

|

Dal Veneto alla val di Vara: la storia di Maria e del suo richiamo della vita contadina

|

Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

|

Lo spreco d’acqua e la dispersione delle reti idriche: abbiamo un problema

|

Al lavoro con la natura: racconto di un convegno itinerante fra arte, cultura e ambiente

|

Campo e sincronicità: come creare la propria vita con consapevolezza imparando a cogliere certi segnali

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua