Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
9 Mar 2018

Concertino dal Balconcino: sotto attacco gli artisti urbani che hanno conquistato Torino

Scritto da: Alessandra Profilio

Cantare dal balcone costituisce un reato? È quanto dovrà stabilire la procura della Repubblica di Torino che ha aperto un procedimento penale nei confronti degli artisti Maksim Cristan e Daria Spada, ideatori del Concertino da Balconcino, da sei anni un appuntamento fisso per tantissimi residenti e non del quartiere che ogni domenica riempiono il cortile di via Mercanti. Ne abbiamo parlato con loro.

A voler “zittire” gli artisti urbani, ci racconta Maksim, sarebbe in particolare l’amministratore del condominio che avrebbe dato avvio ad una sequenza di esposti, multe e avvisi di garanzie che minacciano la sopravvivenza di quello spettacolo spontaneo e gratuito ormai diventato un’istituzione nel capoluogo piemontese.

Non si ferma però la resistenza di Maksim e Daria, appoggiati dalle oltre trentamila persone che in questi anni si sono radunate in via dei Mercanti per assistere alle esibizioni di più di 800 artisti che in quel balconcino hanno trovato il loro palco.

“Siamo artisti urbani e vogliamo valorizzare l’ambiente, non danneggiarlo”, ci spiega Maksim. “C’è stata una grande mobilitazione in nostro favore, sia quando abbiamo ricevuto i primi piccoli attacchi sia ora che è stato aperto un procedimento disciplinare nei nostri confronti. Non abbiamo mai smesso di esibirci sul balcone. Se al processo verrà stabilito che ciò che facciamo è illegale ci fermeremo. La città dovrà allora prendere atto che cantare sul balcone qui è reato”.

“Non riusciamo a capire come sia possibile questa situazione. Siamo apprezzati da tantissime persone e siamo segnalati anche nelle guide turistiche. Il progetto ha avuto visibilità anche a livello internazionale: la rivista inglese The Guardian ha dedicato un articolo al Concertino dal Balconcino, sottolineando l’unicità di questa iniziativa e sostenendola. Eppure veniamo multati”, ci dice Maksim.

“Non ci aspettiamo niente dall’amministrazione – aggiunge Daria – perché vediamo che c’è una difficoltà incredibile a riconoscere un progetto che non sia incasellato in qualcosa di definito. Noi però andiamo avanti, con il supporto di un’avvocatessa che come noi pensa che questo processo sia assurdo. A chi rechiamo disturbo? Qui nel condominio la situazione è migliorata e chi ultimamente è venuto a vivere qui lo ha fatto anche per noi e ci sostiene. La nostra resistenza ha dato quindi i suoi frutti”.

Concertino da Balconcino è nato sei anni fa quando Maksim Cristan, chitarrista punk, e Daria Spada, cantante lirica, hanno deciso di trasformare il loro balcone di casa in palco per un’ora la domenica pomeriggio, dando vita ad un appuntamento fisso per turisti e residenti. In poco tempo, infatti, la voce inizia a spargersi ed il pubblico del cortile di via dei Mercanti comincia ad allargarsi.

“Il progetto – ci racconta Maksim – è nato da una nostra riflessione: crediamo sia importante riconoscere nel miglior modo possibile il proprio ruolo, quello di musicisti nel nostro caso, e metterlo in relazione con il proprio ambiente, per offrire a questo un valore aggiunto. Quindi, dopo aver chiesto il parere degli abitanti del condominio, abbiamo iniziato ad esibirci sul balcone, come artisti urbani. Il progetto, poi, ‘si è fatto da solo’ e noi lo abbiamo sempre protetto. Nel tempo abbiamo offerto a tanti piccoli artisti emergenti un luogo per esibirsi e farsi conoscere. Questo balcone è diventato un palcoscenico dove gli artisti presentano la musica propria.

Con la nostra iniziativa abbiamo anche voluto lanciare un messaggio a tutti coloro che sono desiderosi di presentare la propria idea ed il proprio talento: sei un musicista e vuoi far conoscere le tue canzoni? Non aspettare di essere notato da qualcuno né l’ingaggio di una casa discografica. Inizia ad esibirti lì dove sei, ad esempio sul balcone di casa tua”.

Nel tempo il balconcino si è aperto a tutte le arti, alla cultura e all’impegno sociale. Le cause del territorio hanno trovato qui un palcoscenico ed una cassa di risonanza e tante associazioni e movimenti hanno avuto modo di far sentire la loro voce dal primo piano del numero 3 di via dei Mercanti.

Daria e Maksim negli anni sono stati invitati ad esibirsi a molti eventi culturali, tra cui quelli organizzati dall’associazione Libera, e ora hanno portato il loro Concertino dal balcone anche al territorio: grazie alla collaborazione con altre realtà è nato infatti “Balconcino Experience”. Il prossimo appuntamento è previsto proprio per stasera presso il centro sociale Askatasuna.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap