Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Mar 2018

Il programma della quinta edizione del Torino Underground Cinefest

28 film da tutto il mondo e interessanti Questions & Answers con autori e produttori. Nella tre giorni di cinema indipendente ci saranno otto Q&A, interessanti momenti di dibattito e approfondimento, e saranno proiettati 21 cortometraggi e 7 lungometraggi. Di questi 28 film provenienti da 17 nazioni, quasi il 36 percento arrivano dalla Francia, dalla Germania e dalla Grecia. 22 sono europei, 5 americani (considerando Nord, Centro e Sud America) e 1 asiatico.

“Un programma denso, ricco di prodotti di qualità, costellato da momenti di dibattito con autori e produttori stranieri. Sono soddisfatto della percentuale dei film europei presenti in selezione ufficiale, nonostante la maggior parte degli iscritti provenissero dagli USA. Voglio leggere questo dato come la conferma di valore del cinema europeo, tipo di cinema autentico che premia le idee” afferma il direttore artistico Mauro Russo Rouge.

Saranno 28 i film proposti dal 25 al 27 marzo 2018, dalle ore 18.50 alle ore 01.30, presso il Cinema Classico di Torino, durante la quinta edizione del Torino Underground Cinefest, festival di cinema indipendente ideato e diretto dal regista torinese Mauro Russo Rouge, e proposto da SystemOut e l’A.C.S.D. ArtInmovimento.

Si inizia domenica 25 marzo alle 18.50 col cortometraggio inglese “Transmission” di Varun Raman, a cui segue il lungometraggio norvegese “Hurry slowly” di Anders Emblem alla fine del quale il primo Q&A del festival con la produttrice Maria Kalvo. Dalle 20.40 i corti “Julkita” del messicano Humberto Busto e “King Kong” (Canada) di Lo Xu-Ming Tong. Alle 21.20 il primo documentario italiano “La rivincita di Casale Monferrato” di Rosy Battaglia con cui si discuterà subito dopo la fine della visione del senso del suo lavoro. Dalle 22.15 in ordine l’argentino “Course” di Agustín Falco, il cortometraggio belga “FIFO” di Sacha Ferbus, il corto tedesco “MMF” di Leonard Garner e il documentario serbo “Wall of death” di Mladen Kovacevic. La prima giornata del festival si conclude col cortometraggio francese “I will crush & I go to hell” di Fabio Soares alle 01.00 e il corto americano “New neighbors” di E.G. Bailey alle 01.25.

Il secondo giorno del Torino Underground Cinefest si apre con cinque cortometraggi: alle 18.50 il bulgaro “DrehiClothes” di Vesselin Boydev, seguito dal francese “The butterfly” di Paillès twin brothers. Alle 19.40 verrà proiettato il greco “Freezer” di Dimitris Nakos, dopo la cui visione, vi sarà il primo Q&A della giornata col regista. Il programma riprende alle 20.15 col belga “Afterdown” di Nicolas Graux a cui segue il croato “Into the blue” di Antoneta Alamat Kusijanovic. Alle 21.05 sul grande schermo del Cinema Classico sarà proiettato il lungometraggio greco “Invisible” di Dimitri Athanitis con cui subito dopo ci sarà un momento di approfondimento.
Alle 22.50 si riprende col film danese “Needle boy” di Alexander Bak Sagmo con cui, alla fine della proiezione, si discuterà del suo lavoro.
Dalle 00.30 saranno in scena due cortometraggi: l’israeliano “Fatherland” di Amikam Kovner, a cui fa seguito il tedesco “King Grandpa” di Martin Grau. Concludono la seconda giornata del festival dalle 1.15 tre corti di animazione: l’argentino “El niño y la noche” di Claudia Marcela Ruiz, l’italiano “Water Hunters” di Massimo Ottoni e Salvatore Centoducati e l’inglese “[O]” di Mario Radev.

Il martedì 27 marzo, dalle 18.50, vedrà proiettati prima tre cortometraggi e poi due lungometraggi. Si inizia col francese “Marlon” di Jessica Palud, a cui fa seguito il tedesco “Lovers never say goodbye” di Christoph-Mert Hagen, protagonista del primo dei tre Q&A della giornata.
Alle 19.45 “Phallus Malus” di Claire Maugendre, alla fine del quale vi sarà un momento di dibattito con la regista. Alle 20.30 sarà proiettato il greco “Bliss” di Christos Pitharas al centro dell’ultimo Q&A della giornata.
L’ultimo film in concorso è l’austriaco “The best of all worlds” di Adrian Goiginger.
Alle 00.00 avrà inizio la Cerimonia di Chiusura del Festival a cui seguirà un party presso il Mad Dog sito in via Maria Vittoria 35/A.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Sgomberato il Cinema Palazzo! – Io Non Mi Rassegno #262

|

Il sogno di due giovani del Casentino diventa esempio virtuoso per le acquacolture nel mondo

|

L’aranceto di La Spezia che valorizza una tradizione dimenticata

|

Il Piemonte propone una tassa ai colossi del web per aiutare le piccole attività

|

I soldi danno la felicità

|

I ripopolanti della Val Taverone danno vita a una nuova comunità nella natura

|

Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308

|

Come potrebbero diventare l’Italia e il mondo dopo la pandemia?