4 Apr 2018

Appennino Bike Tour: un giro ciclistico nel nome della sostenibilità

Scritto da: Daniela Bartolini

Torna il prossimo 6 aprile nel Comune di Pratovecchio Stia l’Appennino Bike Tour. Dopo il passaggio dell’estate di un anno fa, il ciclo-viaggio che si svolge lungo tutta la penisola, su e giù per strade e valichi dell’Appennino dalla Liguria alla Sicilia, attraversando quasi 300 Comuni e 25 Parchi fra Nazionali e Regionali, ripropone la tappa Barberino – Citerna con il passaggio da Pratovecchio Stia.

L’Appennino Bike Tour è il Giro dell’Italia che non ti aspetti! Un progetto promosso dal Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Confcommercio Imprese per l’Italia, Confcommercio Ascom Bologna e Vivi Appennino che è stato percorso istituzionalmente per la prima volta nel 2017 dai rappresentanti di Istituzioni del territorio portando il drappo tricolore da Municipio a Municipio.
A termine di questo primo giro è nata l’idea della più grande Ciclo-Via d’Italia attraverso le strade secondarie dell’Appennino.

appennino bike tour sostenibilita 1522741651

Quest’anno l’iniziativa ha un testimonial d’eccezione in Omar De Felice, campione italiano ultracyclist, che si fermerà per brevi incontri con gli appassionati e per firmare autografi. Venerdì 6 aprile dunque la partenza da Barberino del Mugello è fissata alle ore 11:15, mentre l’arrivo al municipio di Pratovecchio Stia è previsto entro le 14, con una sosta del Campione Omar Di Felice per circa mezz’ora, dedicata alla firma di autografi e all’ incontro con la cittadinanza.

Cicloturismo, cammini tematici e turismo naturalistico oggi più che mai sono un’occasione imperdibile per noi che abbiniamo alla sede del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, la partenza della pista ciclopedonale dell’Arno e molti itinerari di pellegrinaggi storici e attualissimi”, ha detto il Sindaco di Pratovecchio Stia Nicolò Caleri.

appennino bike tour sostenibilita 1522741688

Nelle intenzioni degli organizzatori l’Appennino Bike Tour è un ciclo-viaggio non competitivo aperto a tutti, ma per Omar De Felice ha anche un altro significato, perché il campione sarà alle prese con una nuova imprese estrema: percorrere in soli undici giorni, dal 4 al 14 aprile, gli oltre 2.600 chilometri della Ciclo-Via appenninica. Ogni giorno verranno effettuate quattro soste, una per ciascuno dei 43 Comuni Tappa, fino a completare il Giro il 14 aprile ad Alia, in provincia di Palermo. Chilometro dopo chilometro si incontreranno e verranno valorizzate le centinaia di bellezze che caratterizzano il percorso lungo la Dorsale. Cittadini, ciclisti, amministrazioni saranno invitati ad attendere e a dare il benvenuto al passaggio del Campione anche colorando i propri Paesi con i colori del Giro, azzurro e bianco. Un evento che abbinerà la passione per lo sport alle peculiarità del territorio, da Nord a Sud Italia, permettendo di scoprirne le sue eccellenze tra borghi, riserve naturali, castelli, eventi e con un’attenzione particolare alle specialità enogastronomiche in occasione del 2018 Anno del Cibo Italiano.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
“Più camminiamo, più alberi piantiamo lungo la via Francigena”: la missione degli Psicoatleti
“Più camminiamo, più alberi piantiamo lungo la via Francigena”: la missione degli Psicoatleti

#viaggiareispirati 23: 10 mete per una vacanza sostenibile

Un ostello nella natura dove il prezzo lo decidi tu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna