15 Giu 2018

Ecopillole di Luca Lombroso #12 – Cambiamenti climatici e ondate di caldo

Scritto da: Redazione

Le ondate di caldo sono il primo vistoso effetto dei cambiamenti climatici sul nostro territorio. Che cosa fare in pratica? Ce ne parla in questo nuovo video Luca Lombroso.

I cambiamenti climatici sono già una realtà e il primo vistoso effetto sul nostro territorio sono le ondate di caldo. Dopo l’estate del 2003 è cambiato qualcosa nel nostro territorio. Giornate con temperature oltre i 30-35 gradi sono diventate una nuova normalità con cui convivere con impatti sulla qualità dell’aria, sui consumi energetici, sulla salute.

 

 

Dobbiamo quindi ripensare il modo in cui abitiamo, le nostre aree urbane per attenuare un altro grande impatto delle ondate di caldo: l’isola di calore, la differenza che si crea tra le zone dei centri delle città e le zone periferiche. Che cosa fare in pratica?

 

  • Isolare termicamente gli edifici
    – Sostituire i combustibili fossili con fonti rinnovabili
    – Piantare alberi. Pensate che un albero ha l’effetto rinfrescante di ben 5 condizionatori.
    – Usare mobilità sostenibile

 

Tratto da Ecovillaggio Montale

 

 

Vuoi cambiare la situazione
del clima in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Ecopillole di Luca Lombroso #13 – L'acqua, un bene prezioso

Ecopillole di Luca Lombroso #11 – L'inquinamento atmosferico e la qualità dell'aria

Ecopillole di Luca Lombroso #10 – Deforestazione e Riforestazione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo