19 Giu 2018

Giornalismo ambientale: in palio 20 borse di studio integrali

Scritto da: Legambiente

Ecologia, cultura, comunicazione pubblica. Sono aperte le iscrizioni per la XVII edizione del Corso di giornalismo ambientale Laura Conti che, per il secondo anno consecutivo, si svolgerà in Basilicata presso la Fondazione Nitti a Maratea. In programma dal prossimo 17 settembre al 26 ottobre 2018, il percorso di formazione prevede la partecipazione di venti corsisti che partecipano esclusivamente grazie a 20 borse di studio integrali messe in palio da Legambiente.

Salva nei preferiti

C’è tempo fino al 29 giugno per iscriversi alla XVII edizione del Corso EuroMediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti che si tiene per il secondo anno in Basilicata, nella splendida struttura di Villa Nitti a Maratea. L’iniziativa si svolge dal prossimo 17 settembre al 26 ottobre 2018 e prevede la partecipazione di venti corsisti (italiani e stranieri, provenienti da paesi appartenenti all’area del (Mediterraneo) che partecipano esclusivamente grazie a 20 borse di studio integrali.

 

Il corso, organizzato da Legambiente in collaborazione con la Regione Basilicata ed Editoriale La Nuova Ecologia, e in partenariato con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, si sposta per tre settimane nella città di Matera.

corso-giornalismo-ambientale-laura-conti

In programma laboratori e workshop di una settimana in cui si producono servizi giornalistici sulle valenze naturali e sociali, le risorse e le opportunità di sviluppo dell’area e verrà elaborato uno speciale che sarà pubblicato sul sito della Nuova Ecologia. E poi degustazioni di prodotti tipici e visite guidate nel territorio della Basilicata.

 

Il percorso formativo, residenziale e a tempo pieno, dura 6 settimane e prevede 220 ore di lezione tra teoria e pratica. Il corso è rivolto a giornalisti professionisti e pubblicisti ma è aperto anche a laureati o diplomati interessati a conoscenze di base e tecniche dell’informazione ambientale e della comunicazione pubblica. Ai giornalisti inoltre sarà offerta la possibilità di ottenere i crediti formativi richiesti dall’Ordine dei Giornalisti ai fini della formazione continua obbligatoria.

 

Il successo del corso, punto di riferimento per la formazione dedicata al giornalismo ambientale, è testimoniato anche dai numeri delle precedenti edizioni. Oltre la metà dei partecipanti, una volta terminato il corso, ha avviato rapporti di lavoro: dall’assunzione in qualità di praticanti giornalisti alla collaborazione con varie testate, uffici stampa di associazioni, enti o imprese private.

corso-laura-conti-giornalismo-ambientale

Nelle prime sedici edizioni il Laura Conti ha impegnato 169 docenti di grande prestigio tra giornalisti specializzati, esperti e professori universitari. L’iniziativa ha visto la partecipazione di 393 studenti selezionati in una rosa di oltre 3.750 domande di partecipazione. Al fine di facilitare l’accesso a studenti particolarmente meritevoli, La Nuova Ecologia dal 2001 ha assegnato 184 borse di studio fra integrali e parziali.

 

Previste lezioni e incontri con giornalisti specializzati e docenti universitari tra cui Tonia Cartolano, inviata SkyTg24, Maurizio Melis, Radio 24, Giuseppe Barbiero, docente di Ecologia e Bioscienze presso l’Università della Val D’Aosta, Alexei Sorokin, ingegnere ed esperto di efficienza energetica e fonti rinnovabili e il magistrato Luca Ramacci, consigliere di Cassazione. Dopo il corso è possibile proseguire la formazione attraverso alcuni stage presso uffici stampa e testate giornalistiche.

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu
Comunicazione istituzionale e politica: strategie, errori e buone prassi secondo l’esperta Irene Bosu

Nuova mappa e profilo utente: il sito di Italia Che Cambia si rinnova!
Nuova mappa e profilo utente: il sito di Italia Che Cambia si rinnova!

Pino Cabras: “Il destino di Assange è legato alla lotta per la libertà di espressione”
Pino Cabras: “Il destino di Assange è legato alla lotta per la libertà di espressione”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "nazionale"