20 Giu 2018

Il mondo delle api e del miele

Scritto da: Luca Deias

Ritorna l'Accademia Verde di Let Eat Bi con un nuovo appuntamento: giovedì 21 giugno l'apicoltore Massimo Capellupo guiderà i partecipanti alla scoperta del mondo di questi insetti, illustrando la loro storia e le peculiarità dei prodotti degli alveari quali miele, pappa reale e propoli.

Il nuovo spazio “Semi Urbani“, inaugurato in occasione di Arte al Centro 2018, ospiterà un evento organizzato dall’associazione Let Eat Bi: giovedì 21 giugno si terrà “Il mondo delle api e del miele”. Dopo un ciclo di eventi all’insegna dei sapori delle eccellenze del territorio, fra birra, vino e una giornata alla scoperta delle capre dell’azienda agricola “La Crava Cuntenta”, l’Accademia Verde propone una nuova iniziativa dedicata alle api.

A guidare i partecipanti alla scoperta della natura dell’insetto sarà presente Massimo Capellupo, portavoce dell’Associazione Apicoltori Biellesi e collaboratore dell’associazione Pacefuturo. L’apicoltore, ai nostri microfoni, ha anticipato i contenuti dell’incontro: “L’introduzione verterà su una presentazione del mondo delle api. Illustrerò le peculiarità della loro vita e le loro caratteristiche. Per l’occasione, inoltre, porterò un alveare in scala 1.10, mostrando ai presenti il telaino contenuto all’interno, dove le api nutrono le larve. Si tratta di alveare dimostrativo, chiuso da vetri ad hoc che non permettono agli insetti di entrare o uscire, ma consentono di osservare le api da vicino”.

Curiosità
Capellupo ci svela, in anteprima, alcune curiosità che tratterà durante l’iniziativa: “L’ape regina ha la sola funzione di deporre le uova (in condizioni ottimali può arrivare fino a duemila o tremila al giorno) e vive per ben 5 anni, al contrario di tutte le altri api operaie, che muoiono all’incirca dopo 30 o 35 giorni”.
Come mai questa differenza? “Le api operaie – risponde l’apicoltore – si nutrono di carboidrati, miele e polline. Le regine, invece, vengono nutrite solo con la pappa reale. La differenza è tutta nell’alimentazione”.

La pappa reale
La pappa reale è una secrezione prodotta dalle ghiandole ipofaringee e ghiandole mascellari delle api operaie, usata  come nutrimento per l’ape regina. “Non fa bene solo alle api – continua – ma è un toccasana per la nostra salute, in quanto ricca di proprietà benefiche. Il problema di questo prodotto è la complessa lavorazione richiesta, dal quale, oltretutto, si ottiene una quantità minima di pappa reale. In Italia, inoltre, sono pochissimi i produttori e la pappa reale viene esportata nella nostra penisola dalla Cina. Il problema? Spesso non è naturale ed è realizzata con prodotti chimici”.

mondo delle api miele let eat be 1529480031

Il miele e i prodotti dell’alveare
Oltre alla pappa reale, il relatore si focalizzerà anche sugli altri prodotti dell’alveare tra i quali la propoli, i pollini e il miele. Ai nostri microfoni ha rivelato alcuni “segreti” di quest’ultimo: “Generalmente, il miele di colore più scuro è più ricco di proprietà e più proteico. In questa categoria vanno presi in considerazione quello di acacia, erica e melata”. Quelli più indicati per il mal di gola invece? “In questo caso consiglio il miele di tiglio, che è un toccasana anche per i bronchi e le vie respiratorie in generale. Il prodotto più valido per curare il mal di gola, però, è la propoli”. L’apicoltore conclude con un consiglio: “Per preservare le proprietà, il miele non andrebbe usato per dolcificare le bevande calde: mantiene ovviamente il sapore, ma, superati i 42 gradi, perde i suoi effetti benefici”.

Per partecipare all’evento – costo 5 euro – è necessario prenotarsi scrivendo una mail all’indirizzo leteatbi@cittadellarte.it o un messaggio (sms o WhatsApp) al numero 348.2106708.

Articoli simili
HelloPet!: in ospedale, al fianco del proprio cane
HelloPet!: in ospedale, al fianco del proprio cane

Elena Sardo: “Vi racconto come l’aromaterapia mi ha cambiato la vita”
Elena Sardo: “Vi racconto come l’aromaterapia mi ha cambiato la vita”

Endometriosi: ecco perché è arrivato il momento di parlarne
Endometriosi: ecco perché è arrivato il momento di parlarne

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Oggi “sciopero creativo” per il clima e per il futuro!

|

La Sicilia Che Cambia: vi raccontiamo cosa sta succedendo sull’isola!

|

Retake scende in campo per il World Cleanup Day: milioni di persone puliscono il territorio

|

Zō trasforma Catania in un centro internazionale della rivoluzione artistica e musicale

|

Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

|

Impresa che cambia: scopriamo gli esempi virtuosi insieme ai loro protagonisti

|

Italia Che Cambia si presenta! Un viaggio lungo dieci anni per raccontare il cambiamento