2 Lug 2018

Partita la XV edizione de “Il teatro del fiume”: un’estate da non perdere!

Ha preso il via l’edizione 2018 del Teatro del Fiume, l’amatissimo festival di teatro estivo nella vallata casentinese; la rassegna, come sempre promossa dalla Compagnia NATA in collaborazione con numerosi soggetti del territorio, giunge quest’anno alla sua XV edizione

Salva nei preferiti

Il traguardo dei quindici anni del Teatro del Fiume verrà festeggiato con un’edizione piena di sorprese: quindici spettacoli, tanti quanti gli anni del festival, quindici occasioni per uscire di casa e riscoprire la meraviglia dei luoghi del Casentino sotto un cielo stellato, assaporando tutti gusti della magia dello spettacolo dal vivo.

Come sempre saranno ospitati spettacoli pensati per un pubblico quanto più vasto e eterogeneo: dalle fiabe per famiglie e bambini al teatro di narrazione, dal teatro-canzone fino al comico e all’impegno civile.
Dopo lo spettacolo inaugurale di ieri domenica 1 luglio a Bibbiena Stazione, “Biancaneve” de Il Teatro del Carretto, storica compagnia lucchese tra le più importanti del panorama nazionale, arriverà invece nientemeno che dal Guatemala la compagnia Chùmbala Cachùmbala, che domenica 8 luglio, porterà a Chiusi della Verna i suoi “Teatrini Lambe Lambe”, dei piccoli teatrini in scatola che contengono una storia per un singolo spettatore alla volta. A seguire, un classico della NATA, “Acquamatta”, spettacolo di burattini scritto e interpretato da Cinzia Corazzesi.

Il terzo appuntamento sarà nuovamente a Bibbiena Stazione, martedì 10 luglio con la nuovissima produzione “La ciambella addormentata…nel forno” scritta e diretta da Lorenzo Bachini; giovedì 12 sarà invece la volta de “Il brutto anatroccolo” al Centro di Aggregazione di Giovi, una fiaba classica rivisitate con il consueto stile fra il comico e il poetico di Livio Valenti, poi ancora burattini a Bibbiena Stazione venerdì 13 luglio con “Il principe e il povero” della compagnia pugliese La Casa di Pulcinella.

quindicesima edizione teatro del fiume 1530520943

Martedì 17 l’appuntamento sarà invece a Poppi con un altro titolo tra i più amati della Compagnia NATA: “Se Pinocchio fosse Cappuccetto Rosso”.
Lo splendido scenario della piazza di Pieve a Socana ospiterà invece il teatro di impegno civile di “108-Valucciole”, uno spettacolo sull’eccidio di Vallucciole scritto e diretto da Alessandra Aricò, in scena mercoledì 18; la comicità velata da malinconia di Riccardo Goretti sarà invece protagonista di “Gobbo a mattoni” nei suggestivi giardini del Palagio di Stia, martedì 24 luglio.

Giovedì 26 luglio sarà la volta di un altro classico per ragazzi, “Peter Pan” del Teatrino dell’Erba Matta, nel cortile del Centro Italiano della Fotografia d’Autore di Bibbiena; il giorno successivo, venerdì 27, la storica compagnia Tieffeu porterà a Pieve a Socana le bellissime marionette da tavolo di “Cappuccetto – La storia che si riracconta”, mentre domenica 29 l’Ecomuseo del Carbonaio di Cetica ospiterà la comicità de “L’elefante scureggione”.

Il mese di agosto inizierà con le avventure di “Robin Hood nel Castello di Nottingham” della compagnia abruzzese I Guardiani dell’Oca, in scena giovedì 2 nella piazza di Pratovecchio.
A Moggiona, venerdì 10 agosto, potremo invece assistere a “Emanuela e il lupo”, una favola originale sull’amicizia e la diversità interpretata da Livio Valenti ed Eleonora Angioletti.

Il lungo viaggio del Teatro del Fiume si concluderà infine con due spettacoli dedicati al pubblico degli adulti, all’insegna di ironia, memoria ed emozioni: lunedì 20 sarà la volta di “Annunziata detta Nancy” a Papiano, mentre domenica 26 agosto a Cetica andrà in scena “Omaggio a una generazione perduta”, uno spettacolo di teatro-canzone dedicato ai grandi protagonisti del mondo dello spettacolo italiano degli anni ’60 e ’70.

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI: 335 1980510 – nata@nata.it
INIZIO SPETTACOLI: ore 21:30 (salvo diversa indicazione)
INGRESSO: 5 € (salvo diversa indicazione)

Con il sostegno di: Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Toscana, Rete Teatrale Aretina, RAT, Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Comuni di: Bibbiena, Castel Focognano, Poppi, Pratovecchio–Stia, Chiusi della Verna

Partner: Centro Italiano della Fotografia d’Autore, Pro Loco di Bibbiena Stazione, Centro Giovani Poppi, Pro Loco di Cetica, Pro Loco di Moggiona, Centro di Aggregazione Sociale Giovi, Pro Loco Papiano.

Direzione Artistica: Livio Valenti
Presidenza: Andrea Vitali
Organizzazione: Lorenzo Bachini
Coordinamento Tecnico: Federico Tabella
Comunicazione: Annalisa Lovari
Promozione: Valentina Coroneo
Ufficio Stampa: Luisa Giaccheri

Sponsor Ufficiali: Ricci Franco e Figli, Elettrocalor, Uovo del Casentino, Chalet il Valico, Daniele l’Ottico, Gelateria Edi, Atlantic Oil, Macelleria Fracassi, Puntosicurezza, Berneschi Infissi, Apicoltura Casentinese, Onoranze Funebri Canaccini e Vannucci, T.A.C.S., Roberto Mariottini Architetto.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo
Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

Spazi personali e collettivi: la cultura del gesto in Sardegna
Spazi personali e collettivi: la cultura del gesto in Sardegna

Jorge Eielson, l’artista peruviano che ha scelto Bari Sardo come dimora per l’eternità
Jorge Eielson, l’artista peruviano che ha scelto Bari Sardo come dimora per l’eternità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "casentino"