31 Ago 2018

Barbabuc, salute e crescita personale ad alta quota

In montagna e precisamente ad Angrogna, comune di montagna in provincia di Torino, ha sede Barbabuc, associazione culturale che da due anni propone varie attività legate alla salute e alla crescita personale e collettiva.

Salva nei preferiti

Torino - Promuovere la salute ed il benessere in senso globale attraverso una serie di attività legate a vari ambiti: alimentazione, yoga, medicina tradizionale cinese, macrobiótica, educazione emozionale, arte, artigianato e agricoltura. Il tutto, ad alta quota. Nasce da un sogno e con questo obiettivo Barbabuc, associazione culturale che ha sede ad Angrogna, piccolo comune montano in provincia di Torino. Per saperne di più abbiamo intervistato uno dei soci fondatori, Alberto Trovato.

barbabuc salute crescita personale 1535634088

Com’è nata l’associazione?
L’associazione è nata sette anni fa per la volontà di tre persone che hanno voluto trovare un posto dove sviluppare le attività legate ai loro interessi e ai loro studi: io, che ho studiato Medicina Tradizionale Cinese, la mia compagna, cuoca macrobiotica e consulente, ed una insegnante di yoga, che ora però non partecipa più a questo progetto. Io e la mia compagna viviamo in questo posto per sei mesi l’anno circa, la restante parte dell’anno abitiamo in Spagna.

Abbiamo aperto due anni fa dopo cinque anni di lavori di ristrutturazione di questo posto. L’associazione non riceve finanziamenti ed è senza scopo di lucro. Le entrate derivanti dalle attività vengono investite nell’associazione stessa. A noi va bene così perché per noi è un lusso stare in questo luogo meraviglioso. Siamo a 1120 metri di altezza e qui c’è un’energia stupenda. Le persone vengono qui, si incontrano, trasmettono quello che sanno. Ognuno porta la propria parte a questo mondo. C’è anche una zona camping ed una yurta mongola.

Di quali temi si occupa Barbabuc?
Ci occupiamo di salute in senso globale. Questo spazio è aperto a chi vuole proporre attività legate all’alimentazione, allo yoga o ad altri argomenti che riteniamo coerenti con la nostra visione. I soci possono proporre qui gratuitamente i loro corsi.

barbabuc salute crescita personale 1535634163

Da quali città provengono le persone che frequentano l’associazione?
A poco a poco ci stiamo facendo conoscere e ultimamente vengono qui persone da Torino, Ivrea, Milano. Sono state qui anche persone del Belgio.

Perché il nome Barbabuc?
Barbabuc è il nome di una pianta utilizzata anche in cucina, dalla radice al fiore. In Piemonte ci sono risotti, frittate o altri piatti tipici in cui viene usato questo fiore.

Che riscontro state avendo?
Quest’anno è stato una grande sorpresa e abbiamo avuto un riscontro molto positivo. Io nutrivo da 30 anni il sogno di andare a vivere in montagna e seguire i miei interessi. Per concretizzarlo abbiamo lasciato i nostri lavori. Adesso bisogno di trovare una sostenibilità economica che ci permetta di portare avanti questa associazione, che crescerà con i suoi tempi.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Kalabria Eco Festival 2023, alla ricerca dell’equilibrio tra esseri umani e natura
Kalabria Eco Festival 2023, alla ricerca dell’equilibrio tra esseri umani e natura

Riparte il cammino di Davide Fiz: Smart Walking arriva in Puglia
Riparte il cammino di Davide Fiz: Smart Walking arriva in Puglia

Il mondo è tutto attaccato: dal cibo all’energia, scopriamo come vivere a basso impatto
Il mondo è tutto attaccato: dal cibo all’energia, scopriamo come vivere a basso impatto

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(8) "piemonte"