Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
31 Ago 2018

Barbabuc, salute e crescita personale ad alta quota

Scritto da: Alessandra Profilio

In montagna e precisamente ad Angrogna, comune di montagna in provincia di Torino, ha sede Barbabuc, associazione culturale che da due anni propone varie attività legate alla salute e alla crescita personale e collettiva.

Promuovere la salute ed il benessere in senso globale attraverso una serie di attività legate a vari ambiti: alimentazione, yoga, medicina tradizionale cinese, macrobiótica, educazione emozionale, arte, artigianato e agricoltura. Il tutto, ad alta quota. Nasce da un sogno e con questo obiettivo Barbabuc, associazione culturale che ha sede ad Angrogna, piccolo comune montano in provincia di Torino. Per saperne di più abbiamo intervistato uno dei soci fondatori, Alberto Trovato.

Com’è nata l’associazione?
L’associazione è nata sette anni fa per la volontà di tre persone che hanno voluto trovare un posto dove sviluppare le attività legate ai loro interessi e ai loro studi: io, che ho studiato Medicina Tradizionale Cinese, la mia compagna, cuoca macrobiotica e consulente, ed una insegnante di yoga, che ora però non partecipa più a questo progetto. Io e la mia compagna viviamo in questo posto per sei mesi l’anno circa, la restante parte dell’anno abitiamo in Spagna.

Abbiamo aperto due anni fa dopo cinque anni di lavori di ristrutturazione di questo posto. L’associazione non riceve finanziamenti ed è senza scopo di lucro. Le entrate derivanti dalle attività vengono investite nell’associazione stessa. A noi va bene così perché per noi è un lusso stare in questo luogo meraviglioso. Siamo a 1120 metri di altezza e qui c’è un’energia stupenda. Le persone vengono qui, si incontrano, trasmettono quello che sanno. Ognuno porta la propria parte a questo mondo. C’è anche una zona camping ed una yurta mongola.

Di quali temi si occupa Barbabuc?
Ci occupiamo di salute in senso globale. Questo spazio è aperto a chi vuole proporre attività legate all’alimentazione, allo yoga o ad altri argomenti che riteniamo coerenti con la nostra visione. I soci possono proporre qui gratuitamente i loro corsi.

Da quali città provengono le persone che frequentano l’associazione?
A poco a poco ci stiamo facendo conoscere e ultimamente vengono qui persone da Torino, Ivrea, Milano. Sono state qui anche persone del Belgio.

Perché il nome Barbabuc?
Barbabuc è il nome di una pianta utilizzata anche in cucina, dalla radice al fiore. In Piemonte ci sono risotti, frittate o altri piatti tipici in cui viene usato questo fiore.

Che riscontro state avendo?
Quest’anno è stato una grande sorpresa e abbiamo avuto un riscontro molto positivo. Io nutrivo da 30 anni il sogno di andare a vivere in montagna e seguire i miei interessi. Per concretizzarlo abbiamo lasciato i nostri lavori. Adesso bisogno di trovare una sostenibilità economica che ci permetta di portare avanti questa associazione, che crescerà con i suoi tempi.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap