Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
9 Ott 2018

La prima food coop italiana ha trovato casa!

Scritto da: Redazione

Camilla, il primo emporio di comunità autogestito italiano, ha trovato una sede fisica a Bologna! Vi proponiamo l'invito dei promotori ad andare a conoscerli e ad aderire al progetto, diventando anche voi protagonisti di un esperimento sociale ed economico che può rivoluzionare il nostro modo di produrre e acquistare i beni alimentari.

Dopo aver costituito il 21 giugno la Cooperativa Camilla che gestirà il primo emporio di comunità e autogestito in Italia, abbiamo perfezionato l’affitto dello spazio che utilizzeremo per le nostre attività e contiamo di partire entro dicembre 2018 con tutte le attività!

food coop italiana 2

Immagini tratte dalla pagina facebook di Camilla – Emporio di comunità

Dove saremo?

Vuoi cambiare la situazione
dell'economia in italia?

ATTIVATI

A Bologna, in via Vincenzo Casciarolo, 8/b/c/d nel quartiere San Donato in un luogo facilmente raggiungibile con bici, bus e anche auto.

 

A che punto siamo?
Stiamo iniziando la fase di allestimento dello spazio e organizzazione delle attività. Abbiamo scaffalature e i risultati del lavoro dei cantieri. Tutto funzionerà con l’apporto di tutte e tutti i soci della cooperativa Camilla.

 

Come fare?
Per aderire è sufficiente portare con te un documento di identità valido, il documento del codice fiscale (se riesci anche la fotocopia di entrambi i documenti!) e un po’ di buone vibrazioni! Alle penne e ai moduli ci pensiamo noi. Il versamento della quota lo potrai fare successivamente tramite bonifico bancario sul conto corrente di Banca etica intestato alla cooperativa (ecco le coordinate).

 

Dove e quando?

Presso la nostra fiammante sede (work in progress) di via Casciarolo 8/b/c/: mercoledì 17, 24 e 31 ottobre (ore 18 – 21);
presso la bottega Ex-Aequo in via Altabella, 7/b: il lunedì (ore 15-19) e dal martedì al sabato (ore 10-19);
al Terra di Tutti Film Festival al cinema Lumiere di Bologna: venerdì 12 (dalle ore 17 in poi) e sabato 13 ottobre (dalle ore 15 in poi);
alla giornata “In autunno si semina: la festa di Campi Aperti in piazzola” in piazza VIII Agosto domenica 14 ottobre (ore 10-19).

 

Come si aderisce praticamente alla cooperativa?

Da luglio saremo in giro per la città per permettervi di compilare fisicamente i moduli di adesione alla cooperativa. Si potrà poi versare la propria quota (minimo 125 € o di più a sostegno del progetto) con bonifico sul conto corrente. La quota si versa una volta sola (non ogni anno!). Stiamo studiando la possibilità di adesione online.

 

Quando aprirà l’emporio?
L’inizio delle attività è previsto entro dicembre del 2018.

 

Che prodotti ci saranno?
Si inizierà con un paniere di prodotti confezionati e sfusi, che gradualmente aumenteranno. Proporremo anche ortaggi e frutta freschi, formaggi e carne: stiamo studiando le modalità migliori per farlo, anche in relazione allo spazio che avremo.

food coop italiana 1

Immagini tratte dalla pagina facebook di Camilla – Emporio di comunità

Che impegno prendo aderendo?
Il rischio del socio per legge è limitato alla quota di capitale sociale versata (125 €). A regime la sostenibilità economica è garantita dal numero dei soci e dal volume d’acquisto di ciascun socio (ma non è obbligatoria nessuna spesa minima). Così potremo ridurre nel tempo il margine da applicare sui prodotti con vantaggio per tutte/i.

 

E se non sono ancora sicuro di poter dare le 3 ore?
Se – pur avendo aderito alla cooperativa – al momento dell’apertura non riuscissi a dare il contributo di tempo, non temere: sarà prevista la possibilità di iniziare quando vorrai e potrai, ma prima rimarrai a bocca asciutta!

 

Come si decide cosa fare e quando fare le 3 ore?
Stiamo mettendo a punto un calendario delle disponibilità di tutte/i i soci e delle cose da fare, in base al quale definiremo anche giorni e orari di apertura dell’emporio.

 

Perché è importante aderire subito?
Per essere tra i primi a sperimentare e far vivere il primo emporio cooperativo di questo genere in Italia! E più soci saremo, prima partiremo. E naturalmente più saremo e meglio daremo senso e futuro alla nostra esperienza di comunità.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Covid-19, seconda ondata: quali differenze? – Io Non Mi Rassegno #218

|

“Ragazzi irresponsabili” e Italia che Cambia a Torino per il festival di Cinemambiente

|

Leila, la biblioteca degli oggetti apre alla condivisione dei saperi

|

Francesco Bernabei: dall’istruzione parentale alla finanza etica, storia di uno “sviluppatore del cambiamento”

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6