29 Ott 2018

Ricette #15 – Vellulata di cipolle e patate

Scritto da: Giulia Napolitano

Una vellutata calda e cremosa è l'ideale con l'arrivo dell'autunno ed i primi freddi. In questo articolo la dottoressa Giulia Napolitano ci propone un piatto a base di cipolle, bulbi ricchi di proprietà salutari.

Con i primi freddi, la voglia di piatti caldi torna a bussare: proprio ieri ho comprato le prime castagne e non vedo l’ora di provarle! Nel frattempo, mentre aspetto che la stagione mi porti tantissimi altri ingredienti autunnali, ho voluto ricominciare con la tradizione di vellutate che è tanto in voga in casa nostra! Il piccolo Theo – mio figlio duenne – infatti adora le creme di verdure, soprattutto se abbondano di cipolla o porri.

onion-3706937_1280

Le cipolle, in particolare, vantano molte proprietà che spesso dimentichiamo usandole solo per insaporire i nostri piatti. Tra le proprietà di questi bulbi, le più utili in questo periodo in cui il clima mette a dura prova le nostre difese immunitarie, ci sono sicuramente quelle volte ad aumentarle e renderle più attive. Nelle cipolle infatti si trovano numerosissimi antiossidanti (come ad esempio i flavonoidi) che sono risultati attivi per andare ad incrementare e supportare il sistema immunitario. Inoltre, essendo diuretiche ed espettoranti, risultano davvero utili anche nel caso in cui ci fosse una malattia da raffreddamento in corso.

 

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Sono in corso degli studi che stanno indagando sulle proprietà antitumorali delle cipolle, soprattutto per quanto riguarda il cancro allo stomaco, alla prostata e al colon. Recentemente l’Università degli Studi di Perugia ha riscontrato ottime capacità di incrementare l’attività di cellule immunitarie antinfettive e antitumorali nella cipolla Rossa Toscana.

 

Insomma, la cipolla è piena di proprietà benefiche! Attenzione però a chi ha problemi di Sindrome del Colon Irritabile o semplicemente tende all’iperfermentazione a livello intestinale e meteorismo: la cipolla contiene molti fodmap. Questi sono zuccheri che, non essendo assorbiti a livello intestinale, sono destinati alla fermentazione da parte della nostra flora batterica e, in alcune persone, possono causare distensione addominale, produzione di gas e dolore.

 

Le cipolle che ho utilizzato per questa ricetta sono le Cipolle Bianche Spagnole (coltivate ovviamente in Italia): sono una varietà particolarmente dolce e delicata che crea dei bulbi che possono essere di dimensioni davvero grandi.

 

Per dare la consistenza cremosa ho usato un paio di patate, ma avendo tempo e pazienza si possono raggiungere ottime cremosità con cotture lente e prolungate. Chi, come me, è carente di tempo e pazienza può optare per la pentola a pressione (15 minuti dal fischio) e l’aiuto di un frullatore ad immersione.

IMG_20181025_092213_721

Ricetta

 

Ingredienti

  • due patate sbucciate
    – tre cipolle spagnole
    – uno spicchio di aglio
    – olio evo
    – brodo vegetale q.b.
    – rosmarino
    – pepe

 

Preparazione
Tagliate a pezzettoni sia le cipolle che le patate. Fate un veloce soffritto con olio e acqua, aglio e un rametto intero di rosmarino. Prima di unire le verdure togliete il rametto dalla pentola: in questo modo, frullandolo, risulterà meno amaro. Fate rosolare un po’ le verdure per insaporirle e poi coprite con brodo vegetale. Chiudete la pentola a pressione e fate cuocere 15 minuti dal fischio. A cottura ultimata frullate e servite con un filo d’olio, rosmarino e pepe.

 

Io l’ho servita come primo piatto, accompagnata da zucca hokkaido al forno e fagioli edamame con cavolo cappuccio per rendere completo il pasto. Buon Appetito!

 

 

 

Articoli simili
Berrino: “La decrescita nel campo della sanità è la prevenzione” (ultima parte)

Ricette #14 – Tempo di zucca… al forno

Io faccio così #200 – Berrino e Tarozzi: scoprire l'Italia attraverso il cibo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Giornalista, un mestiere pericoloso – #523

|

Una chitarra e zaino in spalla: il viaggio di Mosè, giovane musicista che promuove il cammino lento

|

MigrArt, sette anni di migrazioni raccontate da un collettivo artistico

|

Quanto conta la salute? La storia di BB ce lo insegna

|

La morte di Shireen e un conflitto che sembra un labirinto senza vie d’uscita

|

Spiegare la guerra ai bambini: c’è un modo giusto per farlo?

|

Facciamo il sapone, il libro che spiega l’autoproduzione ai più piccoli

|

La storia di Mathias, il contadino che ha guidato la sua gente nella battaglia contro una multinazionale