20 Nov 2018

Carte della Gratitudine: cosa sono e perché viaggiano per il mondo

Scritto da: Redazione

Ispirare fiducia nella vita tramite un semplice gesto dall'alto impatto sociale. Con questo obiettivo sono nate dall'idea di un gruppo di ragazzi le Carte della Gratitudine, carte che riportano storie di vita e messaggi di valore pensate per essere donate e viaggiare di mano in mano.

Salva nei preferiti

“Mi trovavo sulla linea 9 a Milano e avevo con me una mia illustrazione. Ho pensato ‘appena me la sento la regalo a qualcuno’. Nel tram sale una ragazza e guarda incuriosita la mia illustrazione. Decido di regalarla senza voler nulla in cambio. Lei dice ‘anche io ho qualcosa per te’ e mi cede la carta Gratitude. L’aveva presa solo mezz’ora prima. Credo nelle coincidenze, credo nel potenziale delle persone. Credo in noi. È stato bellissimo” (da una storia vera tra Rossana e Momusso).

 

Tante belle storie passano inosservate, soprattutto quelle che viviamo nelle relazioni quotidiane. Joydeed è un progetto nato per raccogliere, diffondere e far vedere quanto può essere grande l’impatto di un “piccolo” atto di gioia. Le carte di Joydeed sono speciali perché trasformano un gesto in un’esperienza.

b1a5b7e83c95f35185fdcf0c0cf2e5f0_original

Su un lato, una parola, un valore: Gratitudine. Sull’altro, un codice unico, la sua identità. Lo scambio tra due persone che si esprimono Gratitudine. La storia che le ha unite in quel momento scritta sul sito Joydeed. Il dono di quel racconto al resto dell’umanità. L’espansione di tutto questo attraverso nuovi passaggi di quella carta, di mano in mano. La possibilità di seguire le successive tappe del suo viaggio nel mondo.

 

L’idea è nata in un momento magico. Un gruppo di ragazzi. Irene, Maria Elisa e Michele. Un viaggio in treno. All’improvviso, un racconto di Irene. Con un’emozione. “Ho incontrato una ragazza in metro che piangeva. Avrei voluto darle qualcosa per farle capire che non era sola”. I tre amici si interrogano: “Cosa possiamo fare noi per restituire fiducia nelle persone?”. Dalla passione per i giochi e le tecnologie digitali, le relazioni umane e l’impatto sociale, in quel momento nasce un’idea: creare carte con messaggi di valore da donare. E queste carte permettono di raccontare storie di momenti di vita profondi.

 

Alcune delle persone che hanno ricevuto le carte, e che condividono gli stessi valori e la visione del progetto, si sono avvicinate e il gruppo iniziale col tempo si è allargato.

bbf47ded3b5d134ef988aceff0690323_original

Mille storie da oltre 17 Paesi nel mondo sono raccolte sul sito ed è grande l’impatto positivo che le persone testimoniano con le storie tracciate per ogni carta. Tutto quanto costruito ad oggi è stato fatto sempre su base volontaria. A volte con difficoltà. Ma non per questo perdendo di vista la Vision che nel frattempo è emersa ancor più chiara: “Ispirare fiducia nella Vita”.

 

Il gruppo si è ancora chiesto “Cos’altro possiamo fare?”. Joydeed ha deciso con coraggio di uscire dal guscio e presentare il proprio intento al mondo. Perché desidera far vivere i valori nella vita quotidiana a quante più persone possibili.

 

Siamo prossimi a un momento particolare dell’anno. Il Natale vuol dire infatti scambio di doni e condivisione di momenti più intensi, in famiglia, nel lavoro e con gli amici. Perché non dare la possibilità di usare la carta della Gratitudine in tutti questi momenti? Fino al 30 novembre è online su Kickstarter una campagna sulla gratitudine per diffonderla sempre più e raccogliere tante altre storie, per completare l’App mobile di Joydeed e per realizzare progetti di facilitazione nelle scuole per aiutare ragazze e ragazzi a vivere intensamente i valori nelle azioni quotidiane.

 

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Kalabria Eco Festival 2023, alla ricerca dell’equilibrio tra esseri umani e natura
Kalabria Eco Festival 2023, alla ricerca dell’equilibrio tra esseri umani e natura

Riparte il cammino di Davide Fiz: Smart Walking arriva in Puglia
Riparte il cammino di Davide Fiz: Smart Walking arriva in Puglia

Il mondo è tutto attaccato: dal cibo all’energia, scopriamo come vivere a basso impatto
Il mondo è tutto attaccato: dal cibo all’energia, scopriamo come vivere a basso impatto

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Processo Italcementi: la collina dei veleni – INMR Sardegna #26

|

A Chioggia c’è un albergo sociale gestito da persone fragili

|

Festa del libro, a Zafferana Etnea scuole e collettività insieme per promuovere la lettura

|

Navi da crociera: ecco cosa è emerso dall’inchiesta sul loro impatto

|

Come si fa una comunità energetica (per davvero): ne parliamo con Gianluca Ruggieri – Meme! #47

|

Kento, il rapper militante che usa l’hip hop per “far uscire” i giovani dal carcere

|

Alex Zanotelli: “Disobbedienza civile per difendere la legge 185 sull’export di armi”

|

Alice Pomiato, alias aliceful: “La partecipazione sociale è la cosa più sostenibile che ci sia”

string(9) "nazionale"