13 Nov 2018

Casentino e Valtiberina unite da una “card”

Casentino e Valtiberina, due vallate unite da tanti aspetti in comune, e da oggi anche da una card. Un unico biglietto per 15 musei, siti storici e naturalistici per un percorso tra il Tevere e l’Arno.

“Percorri strade di campagna, assapora il paesaggio che scorre lento intorno a te. Misura i passi, le pedalate che ti separano dal prossimo museo, dal sito storico che stai per visitare. Mentre ti avvicini respira l’aria intrisa di storia nel vicolo di un borgo medievale, quella purissima nel sentiero di un bosco incontaminato. Fermati a parlare con le persone che incontri, apprezza la loro accoglienza, condividi il sapere di una cultura millenaria e la spontaneità di una vita genuina. Infine entra, scopri, ascolta, domanda, proponi.”

Si presenta così sul sito www.valtiberinacasentinocard.it, la nuova tessera elettronica che consente a visitatori, turisti e appassionati di accedere, con considerevoli sconti, a ben 15 fra musei e siti storici e naturalistici del Casentino e della Valtiberina.
Queste vallate contigue sigillano così la nascita di una sinergia, consentendo un percorso culturale e naturalistico fra il Tevere e l’Arno.

Sarà possibile acquistare una card di tre giorni (al costo di 19 euro) per coloro che sceglieranno queste destinazioni per una vacanza breve o un weekend, ma anche una card annuale, pensata anche per i residenti, che al prezzo di soli 27 euro dà diritto all’ingresso a 11 musei più 4 strutture con biglietto ridotto.

La lista delle strutture che si possono visitare per una volta con la card è lunga: gli ingressi gratuiti (naturalmente per un accesso) sono undici e cioè il Museo della Battaglia e di Anghiari; La Fabbrica della Natura; Piccolo Museo del Diario; Museo comunale alta val Marecchia e Centro Visita Alpe della Luna; Museo casa natale di Michelangelo; Musei Civici Madonna del Parto; Museo delle Bilance; Museo Civico Piero della Francesca; Casa natale di Piero della Francesca; Antiquarium nazionale e Centro Visita Sasso di Simone; Aboca Museum.
Gli ingressi sono quattro: il Museo Archeologico ARCA, il Museo dell’Arte della Lana, il Castello di Romena e il Museo di Palazzo Taglieschi.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Sul sito Internet si possono trovare tutte le informazioni e le ulteriori facilitazioni consentite dalla card, come sconti presso ristoranti, trattorie, agriturismi, produttori e negozi convenzionati.  Presentando la card in corso di validità sarà possibile ottenere lo sconto del 10%.

La Card è una sinergia che trae origine in Valtiberina toscana da un comune intento fra il Comune di Anghiari; Comune di Badia Tedalda; Comune di Caprese Michelangelo; Comune di Monterchi; Comune di Sansepolcro; Comune di Sestino; Archivio Diaristico Nazionale ONLUS di Pieve Santo Stefano, alla quale si sono aggiunte in seguito la Fondazione Lombard di Stia, il Comune di Bibbiena e l’Unione dei Comuni del Casentino. Il progetto è reso possibile grazie al sostegno del Piano della Cultura della Regione Toscana e alla partecipazione della Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo e di Aboca Spa.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Come i progetti nati dal basso cambiano volto a un territorio: il caso di Scopri la val di Vara
Come i progetti nati dal basso cambiano volto a un territorio: il caso di Scopri la val di Vara

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico
Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

La Locanda del Santuario: un luogo di pace che accoglie i viaggiatori alla scoperta della Valle Cervo
La Locanda del Santuario: un luogo di pace che accoglie i viaggiatori alla scoperta della Valle Cervo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne