13 Nov 2018

Casentino e Valtiberina unite da una “card”

Casentino e Valtiberina, due vallate unite da tanti aspetti in comune, e da oggi anche da una card. Un unico biglietto per 15 musei, siti storici e naturalistici per un percorso tra il Tevere e l’Arno.

Salva nei preferiti

“Percorri strade di campagna, assapora il paesaggio che scorre lento intorno a te. Misura i passi, le pedalate che ti separano dal prossimo museo, dal sito storico che stai per visitare. Mentre ti avvicini respira l’aria intrisa di storia nel vicolo di un borgo medievale, quella purissima nel sentiero di un bosco incontaminato. Fermati a parlare con le persone che incontri, apprezza la loro accoglienza, condividi il sapere di una cultura millenaria e la spontaneità di una vita genuina. Infine entra, scopri, ascolta, domanda, proponi.”

Si presenta così sul sito www.valtiberinacasentinocard.it, la nuova tessera elettronica che consente a visitatori, turisti e appassionati di accedere, con considerevoli sconti, a ben 15 fra musei e siti storici e naturalistici del Casentino e della Valtiberina.
Queste vallate contigue sigillano così la nascita di una sinergia, consentendo un percorso culturale e naturalistico fra il Tevere e l’Arno.

Sarà possibile acquistare una card di tre giorni (al costo di 19 euro) per coloro che sceglieranno queste destinazioni per una vacanza breve o un weekend, ma anche una card annuale, pensata anche per i residenti, che al prezzo di soli 27 euro dà diritto all’ingresso a 11 musei più 4 strutture con biglietto ridotto.

La lista delle strutture che si possono visitare per una volta con la card è lunga: gli ingressi gratuiti (naturalmente per un accesso) sono undici e cioè il Museo della Battaglia e di Anghiari; La Fabbrica della Natura; Piccolo Museo del Diario; Museo comunale alta val Marecchia e Centro Visita Alpe della Luna; Museo casa natale di Michelangelo; Musei Civici Madonna del Parto; Museo delle Bilance; Museo Civico Piero della Francesca; Casa natale di Piero della Francesca; Antiquarium nazionale e Centro Visita Sasso di Simone; Aboca Museum.
Gli ingressi sono quattro: il Museo Archeologico ARCA, il Museo dell’Arte della Lana, il Castello di Romena e il Museo di Palazzo Taglieschi.

Sul sito Internet si possono trovare tutte le informazioni e le ulteriori facilitazioni consentite dalla card, come sconti presso ristoranti, trattorie, agriturismi, produttori e negozi convenzionati.  Presentando la card in corso di validità sarà possibile ottenere lo sconto del 10%.

La Card è una sinergia che trae origine in Valtiberina toscana da un comune intento fra il Comune di Anghiari; Comune di Badia Tedalda; Comune di Caprese Michelangelo; Comune di Monterchi; Comune di Sansepolcro; Comune di Sestino; Archivio Diaristico Nazionale ONLUS di Pieve Santo Stefano, alla quale si sono aggiunte in seguito la Fondazione Lombard di Stia, il Comune di Bibbiena e l’Unione dei Comuni del Casentino. Il progetto è reso possibile grazie al sostegno del Piano della Cultura della Regione Toscana e alla partecipazione della Banca di Anghiari e Stia Credito Cooperativo e di Aboca Spa.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Cristofero Costanzo: “Tra mandorle e ulivi ho scommesso sull’agricampeggio in Sicilia”
Cristofero Costanzo: “Tra mandorle e ulivi ho scommesso sull’agricampeggio in Sicilia”

Parchi italiani, 15 giorni di cammino per attraversarli e conoscerli
Parchi italiani, 15 giorni di cammino per attraversarli e conoscerli

Tempo di turismo, tra narrazioni, stereotipi e realtà: intervista a Federica Marrocu
Tempo di turismo, tra narrazioni, stereotipi e realtà: intervista a Federica Marrocu

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(9) "casentino"